Le Cronache Lucane

POTENZA IN AZIONE: «QUESTO DEGRADO È SOLO LA FOTOGRAFIA DI UN’ENORME LACUNA POLITICA»

L’ennesima denuncia del gruppo politico sullo stato della città: «Bisogna programmare e avere visione. Di questo denaro concesso dalla Regione che ne farete?»


POTENZA. Il gruppo politico “Potenza in Azione”, denuncia «il continuo degrado in cui versa la Città di Potenza, frutto di una apatia amministrativa di chi, invece, dovrebbe risolvere quanto accade sotto gli occhi di tutti».

Nella nota condivisa del gruppo di Azione, si enuncia che «sono giunte segnalazioni da parti di concittadini esasperati da situazioni divenute ormai insostenibili come, ad esempio, la strada di accesso che collega Rione Rossellino, ridotta ormai ad un vero e proprio cumulo di macerie».

«Basti pensare afferma il gruppo politico – che i residenti sono costretti a percorrere nel loro quotidiano ed a loro spese, ovviamente, chilometri e chilometri in più per raggiungere le proprie abitazioni, senza tener conto che, in caso di qualsivoglia emergenza, un mezzo di soccorso avrebbe serissime difficoltà accedervi ».

Ma la situazione appena esposta «è solo la fotografia del resto del territorio suburbano comunale, ove concittadini di ex “Contrade”, oggi parti integranti del tessuto Cittadino, vivono disagi enormi sotto ogni punto di vista: dai Servizi minimi essenziali alla non cura del Verde pubblico, dalla fatiscenza del manto stradale sino all’ inadeguato servizio di raccolta dei rifiuti che, oltre ad essere pericolosi per l’incolumità e salute pubblica, diventano cibo per svariate specie animali».

Altre segnalazioni «ci sono pervenute per la continua incuria di parte di Corso Garibaldi, in pieno centro città ».

«Chi di noi – continua la nota di Potenza in Azione – non si è imbattuto nell’ormai “famigerato” semaforo di Corso Garibaldi, posto grossomodo all’altezza della stazione? E quanti di noi hanno visto automobilisti indisciplinati transitare tranquillamente senza alcun rispetto delle regole del Codice della Strada? E ancora – incalza il gruppo di Azione – quante volte i mezzi pesanti (bus, camion, mezzi di soccorso, ecc.), sono costretti a divincolarsi per non rimanere imbottigliati nel tratto che arriva nei pressi della chiesa di Rione San Rocco? Siamo davvero al limite del ridicolo e della sopportazione ».

«Un cedimento stradale di tale portata – sottolinea la nota – per fortuna accaduto senza conseguenze, quanto ancora dovrà rimanere in quello stato? Chi di dovere darà delle risposte per questa ennesima segnalazione?».

«Certo è – spiegano – che, noi di Potenza in Azione, come già fatto nei precedenti comunicati, continuiamo e continueremo a denunciare sì, ma soprattutto a proporre delle idee che porterebbero, certamente, a migliorare la qualità della vita di tutti».

«Ci riferiamo – chiarisce il gruppo politico – ad un piano dedicato per la Viabilità e la Mobilità cittadina che porti benefici a 360°».

«Siamo consapevoli che qualche Amministratore potrebbe “storcere il naso” uscendosene con la solita frase: “sappiamo tutto, ma le casse Comunali sono a rosso…” o l’ormai cavallo di battaglia: “è colpa delle precedenti amministrazioni” », sottolinea la nota condivisa del gruppo di Potenza in Azione.

«Carissimi Amministratori, ad oggi, – continua il gruppo – la domanda sorge spontanea: del Denaro concesso alla Città di Potenza da parte della Regione Basilicata per il “SalvaPotenza”, che ne farete? ».

«Il “Salva Potenza” – sottolinea – ben venga, per carità, ma una Città, capoluogo di regione, di circa 70.000 anime che deve essere continuamente “aiutata e salvata” per paventati dissesti, vi sembra una cosa normale? Quando la smetteremo di farci “salvare” ed inizieremo ad amministrare con la logica del buon padre di famiglia, dando priorità alle vere esigenze a discapito delle frivolezze da taglio di nastro e foto di rito?».

A tal proposito, continua il gruppo di Potenza in Azione: «Ci auguriamo davvero che questo ennesimo “Salva Potenza”, tra l’altro non votato in compattezza dai colleghi di partito dello stesso sindaco che lo ha richiesto, non abbia ripercussioni negative su fondi che, magari, erano destinati ad altri Comuni del Territorio regionale ».

«Perché enfatizza il gruppo – la Politica è buon senso e mai campanilismo». «Programmare ed avere visione – spiega il gruppo – è l’unica maniera per non finire ciclicamente sotto la Regione con il “cappello in mano”.

Questo modo di amministrare continua ad essere una enorme lacuna della Politica nostrana ed ecco perché il nostro Gruppo Politico, in continua evoluzione, è formato da Professionisti rivenenti da più settore, che si sono “messisi in gioco” per amore della propria Terra e che non tollerano che la stessa sia continuamente bistrattata ad ogni livello Istituzionale, Regionale, Provinciale e Comunale ».

«Siamo e saremo sempre – incalza il gruppo politico “Potenza in Azione” – parte attiva della nostra Comunità, vicini alla gente ed alle loro problematiche ». «Come sempre – conclude la nota – per veridicità di quanto su detto, alleghiamo documentazione fotografica».


 

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti