Le Cronache Lucane

CAIATA DOPO L’INCHIESTA DI SIENA LASCIA LA SEGRETERIA REGIONALE DI FDI

Salvatore Caiata non è più il segretario regionale di Fratelli d’Italia, almeno per il momento. La notizia era nell’aria, ma a dare la conferma è stato lo stesso onorevole Caiata che ha fatto sapere di aver rimesso nelle mani di Giorgia Meloni il mandato da segretario regionale. La decisione arriva ad un paio di giorni dalla notizia relativa all’inchiesta aperta dalla procura di Siena che vede proprio Caiata indagato a piede libero per reati tributari nell’ambito dell’operazione “Hidden Partner” che ha avuto origine dal monitoraggio degli investimenti provenienti dall’estero, soprattutto nel settore della ristorazione, dei bar e nel settore immobiliare, ma non solo, in special modo a Siena ma anche in Firenze, Roma e Milano, ad opera di un imprenditore kazako, Igor Bidilo.

IL COMMENTO DI CAIATA

«Ho a lungo riflettuto, e proprio perché sono certo che questo attacco ci tengo a dire del tutto infondato e privo di ogni connotazione, cosa che presto la stessa giustizia sono certo potrà appurare nasce con lo scopo di ledere l’immagine del partito oltre che la mia persona, mi occorre tutelare la stessa con questo atto». È questo uno dei passaggi che l’onorevole Caiata ha voluto precisare nelle motivazioni del suo gesto. Per molti parole dettate anche dalla chiacchierata avuta con la leader di FdI che, per quanto si sia sempre manifestata garantista, ha sempre chiesto ai vertici del suo partito di non turbare con le loro azioni l’immagine di FdI. Per altri invece il gesto di Caiata potrebbe avere una tattica tutta politica.

Il suo passo indietro potrebbe essere solo una mossa astuta e vedere se la stessa Meloni scenda in campo per esprimere totale sostegno a Caiata e non accettare le dimissioni. Ipotesi poco plausibile, considerato che è stato lo stesso Caiata ha sottolineare «avrei potuto continuare a portare avanti il mio ruolo», per poi aggiungere: «Ma non sarebbe stato coerente con i valori di Fratelli d’Italia». Il fermento tra i meloniani ovviamente è gia partito. In molti aspettavano da tempo che il ruolo da segretario venisse dato a un meloniano della prima ora. Ma se sarà così lo sapremo solo nei prossimi giorni.

Al momento le dimissioni restano. Ma nell’attesa, Caiata come un ottimo osservatore di calcio non ha perso occasione per rimarcare tutti i suoi successi alla guida del partito. «In un anno le soddisfazioni che questo ruolo mi ha regalato sono andate bene oltre l’immaginabile -ha precisato-: dall’’inaugurazione della nuova sede regionale , alla nomina di ben 26 responsabili regionali di dipartimenti e laboratori tematici, fino alla campagna tesseramento con ben 1.535 nuovi tesserati (incremento del +337,25% per la provincia di Matera e +236,05% per la provincia di Potenza)

Tutti questi risultati, che da un lato mi inorgogliscono ed emozionano per la fiducia che il popolo di fratelli d’Italia Basilicata ha riposto nella mia persona, dall’altro mi obbligano ad una profonda riflessione sulla situazione che come noto mi è piombata addosso nelle ultime ore». «Sebbene cosciente che quanto riportato dai giornali in questi giorni attiene alla mia vita professionale privata e assolutamente non al mio ruolo istituzionale che ho sempre portato avanti con trasparenza e lealtà nella totale legalità , e soprattutto che presto la giustizia, in cui ripongo la mia totale fiducia saprà riconoscere la mia totale estraneità ai fatti imputati, ma anche che la strumentalizzazione e lo sciacallaggio messo in atto contro la mia persona possa in qualche modo penalizzare l’immagine di Fratelli d’italia, e di questo non potrei mai darmi pace.

Sono quindi a rimettere il mandato da segretario regionale , lo devo a Giorgia, che mi hai dato fiducia, al partito che merita di essere tutelato, ai miei conterranei che credono in me e nella mia figura , e a me stesso, perché mai potrei perdonarmi di aver nuociuto ciò a cui tengo più: la famiglia di fratelli d’Italia Basilicata!» ha concluso Salvatore Caiata.

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com