Le Cronache Lucane

ACERENZA, 32000€ CONTRO IL CARO ENERGIA

Scattone: «Da erogare tramite bando a famiglie e attività per i rincari delle bollette gas e energia elettrica»

Il caro energia è uno dei temi più pressanti a livello nazionale, colpisce i Comuni, si ripercuote sui cittadini. Una mazzata per le tasche di tutti.

La Giunta comunale di Acerenza da proprio per venire incontro agli acheruntini, da il via libera al contributo per famiglie ed attività commerciali per caro energia.

«La lunga crisi economica iniziata con la pandemia che non sembra volerci lasciare, otto mesi di guerra in Europa, la crisi energetica che ne è scaturita, stanno mettendo a dura prova famiglie ed imprese -spiega il sindaco Fernando Scattone- La Giunta comunale ha licenziato una delibera che sancisce lo stanziamento di 32.000 euro da erogare tramite apposito bando, a sostegno delle famiglie e delle attività commerciali, in difficoltà per i rincari delle bollette di gas ed energia elettrica». Una iniziativa importante, volta a dare sollievo.

«La misura sarà pubblicata on line sui canali istituzionali del Comune nelle prossime settimane attraverso due avvisi pubblici indirizzati alle famiglie e alle attività commerciali con le indicazioni precise delle condizioni per accedervi e le relative modalità di partecipazione. Secondo quanto calcolato dagli Uffici comunali il contributo potrà variare dai 100 ai 150 euro per le famiglie e 300 euro per le attività commerciali. Il numero finale dei destinatari del contributo varierà in base al numero delle richieste che saranno presentate».

Ricorderemo tutti quando, riducendo all’osso la questione, il 6 aprile scorso Mario Draghi si chiedeva se preferissimo «la pace o il condizionatore acceso». Era l’inizio della primavera e da lì a poco il Governo avrebbe messo un limite per raffreddare gli uffici pubblici. Adesso che l’autunno è arrivato e i consumi di gas subiranno un’impennata coi riscaldamenti dei mesi, invernali, sopratttutto nei comuni montani, si studia un piano nazionale di risparmi che toccherà tutti gli italiani, in primis con temperature più basse fino a due gradi e orari ridotti per accendere i termosifoni. Emerge intanto la diffusissima preoccupazione per il possibile e ulteriore aumento delle bollette. In questo scenario, interventi come quelli dell’Amministrazione di Acerenza, vengono accolti di buon grado dai cittadini.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti