Le Cronache Lucane

«STELLANTIS, LA REGIONE BASILICATA NON RIESCE NEANCHE AD AVERE UN INCONTRO INTERLOCUTORIO»

L’amaro commento di Summa (Cgil) all’annuncio del Ceo Tavares sugli investimenti per lo stabilimento di Mirafiori

«Complimenti alla Regione Piemonte, al suo presidente e al sindaco di Torino, per aver raggiunto l’accordo con il Ceo di Stellantis per il rilancio di Mirafiori: un risultato importante per il futuro del territorio, per l’automotive e per i lavoratori. La Regione Piemonte ha guardato lontano, forte di un’idea di sviluppo che risultata attrattiva per la multinazionale». Ha esordito così il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa, nel commentare gli importanti investimenti annunciati da Tavares che riguardano lo stabilimento torinese. «Sul tavolo – ha proseguito Summa – le istituzioni hanno messo la volontà di guardare al futuro della mobilità e non solo alla tradizione industriale di Torino, come hanno evidenziato durante l’incontro con i giornalisti. Ma non solo. La Regione utilizzerà la normativa sulla gestione della fonte idroelettrica per garantire una fornitura energetica a costi molto competitivi, inoltre userà le risorse del Fondo sociale europeo per la formazione». «Quanto avremmo voluto complimentarci con il governo lucano e ricrederci – ha rimarcato Summa -. Ma è sempre più evidente che la Regione Basilicata è ferma al palo in attesa di miracoli che non arrivano, nonostante qualche candidato che di recente abbia fatto pellegrinaggi in campagna elettorale per affidarsi ai poteri celesti. Noi per cultura crediamo, invece, nel lavoro. Quello che ognuno in base alle proprie competenze deve svolgere al meglio per ottenere risultati». «E così – ha lamentato il sindacalista -, mentre altrove si guarda al futuro e i presidenti di Regione difendono il lavoro e il proprio territorio, l’attuale governo regionale in Basilicata continua con le passerelle propagandistiche e a fare notizia sono l’attivazione della casse integrazioni anche per molte imprese dell’indotto e il taglio ai servizi all’interno dello stabilimento di Melfi. Il presidente Vito Bardi non riesce a dialogare, non riesce a sbattere i pugni e nemmeno a chiedere spiegazioni». «È un anno e mezzo – ha concluso il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa – che il Consiglio regionale ha approvato la risoluzione sull’automotive su richiesta del sindacato. Ma oggi il governo regionale, che manca di una programmazione – conclude Summa – non è riuscito ad avere nessun confronto con Stellantis su una vertenza che riguarda il futuro dell’automotive e della Basilicata»

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti