Le Cronache Lucane

TAMPONI AI ‘VIP’: PROROGA INDAGINI

Notificata la proroga delle indagini per il presidente Bardi e altri 20

E’ stata notificata nei giorni scorsi la proroga delle indagini preliminari a carico di una ventina di persone – tra le quali il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi (centrodestra) e di due assessori in carica, entrambi della Lega, indagati per peculato nell’ambito di un’inchiesta, cominciata nel 2020, su presunti favori ricevuti per usufruire di tamponi all’inizio della pandemia.

La notizia è stata pubblicata oggi sull’edizione Basilicata de “Il Quotidiano del Sud”. Interpellato dall’ANSA, Bardi, attraverso il suo portavoce, ha ribadito la sua “fiducia nella magistratura. Su tamponi e vaccini – ha aggiunto il governatore lucano – ho fatto di tutto per i lucani”. Bardi ha inoltre confermato “la completa disponibilità nei confronti degli inquirenti per fare chiarezza su una vicenda che mi addolora molto e che riguarda un periodo – la pandemia – che ha segnato profondamente la mia vita, dato il mio impegno diretto e le mie enormi responsabilità dinanzi a un evento imprevisto e imprevedibile, nei confronti del quale ho investito tutte le mie energie unicamente per proteggere i lucani”.
Oltre a Bardi, hanno ricevuto l’avviso di proroga delle indagini preliminari anche due assessori della Lega in carica Francesco Fanelli (sanità) e Donatella Merra (infrastrutture), un ex assessore, Gianni Rosa (Fratelli d’Italia) e un consigliere regionale Giovanni Vizziello (Lega)

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti