Le Cronache Lucane

PITTELLA, UN’ASSOLUZIONE CHE URLA ALLA POLITICA

Tacco&Spillo

Ogni volta che Marcello Pittella apriva bocca, per incalzare sulle tante questioni rimaste aperte da questo centrodestra favolista, ecco che dai banchi della giunta regionale si sprecavano sorrisetti feroci e miseramente approfittatori sulla sua condizione d’imputato, nonostante la ridda d’indagati affollasse le file di questo squallido perbenismo che pur ipocritamente pretendeva di dare lezioni associate di legalità e moralità. Ora però l’assoluzione del Tribunale di Matera non solo restituisce onore e fiducia alla sua formidabile capacità di resistenza, ma finalmente riporta la politica ad una possibilità quasi riparativa per riconsiderare fatti e decisioni col giusto ordine delle cose. Lo dovrà capire innanzitutto il settantenne Vito Bardi, peggiore tra i governatori della Basilicata e purtroppo diretto beneficiario della caduta forzata del centrosinistra che rende ancor più farsesca la sua elezione e lo dovrà capire, suo malgrado, anche Raffaele La Regina che all’occasione affida ad un post le sue considerazioni sillabiche anziché il merito di un comunicato che naturalmente farà su qualche futilità della sua affrettata e già pessima segreteria del Pd. Ha scritto Jacques Deval:“È più facile sfruttare gli errori che ripararli”.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti