Le Cronache Lucane

CASO SALVIA, GUARENTE SE NE FOTTE DELL’“ORDINE” DEL DIFENSORE CIVICO

È così grande il bubbone sui contributi da nascondere le carte?

Il silenzio del Comune di Potenza, o meglio, l’occultamento degli atti relativi alle collaborazioni profumatamente pagate al consigliere comunale Giovanni Salvia e al suo Comitato +Sport continua imperterrito e indisturbato. Ma perché l’amministrazione comunale, in aperta e ostinata violazione della normativa sul diritto di accesso e su quanto disposto dal Difensore civico, non ha ancora convocato questa Redazione che da mesi chiede all’ente pubblico di poter vedere gli atti pubblici con i quali sono state svolte funzioni pubbliche e usati fondi pubblici in favore di un privato? “Pubblico”. Questa è la parola chiave della questione, il cui significato, etico ancor prima che giuridico, sfugge ad un’amministrazione comunale che ormai non più colpevolmente, ma dolosamente si ostina a non provare che con Giovanni Salvia e il suo Comitato tuttofare si è agito in piena legittimità.

Aldilà delle responsabilità penali di chi ritiene di poter impunemente violare le norme alle quali ogni cittadino è sottoposto, giacché la fascia tricolore o la carica di consigliere non sono né uno scudo protettivo né garanzia di non punibilità, quel che grida vendetta è la tracotanza e la prepotenza di chi gestisce la cosa pubblica come se fosse privata. “Faccio quel che voglio, come voglio e con chi voglio” non sono regole di condotta ammissibili in una Pubblica Amministrazione in cui cosa, come e con cui operare sono regolamentate ed è preciso dovere dell’Ente rendere conto del proprio operato.

L’amministrazione comunale della Giunta Guarente invece che fa? Si nasconde, si nega, viola norme e decisioni di autorità garanti della legittimità, sperando che il cittadino che legittimamente chiede conto prima o poi si stanchi, desista, si arrenda, peggio che nei peggiori regimi oscurantisti. E più il Comune di Potenza si ostina a celare i documenti più aumenta il sospetto che quella puzza di bruciato che si sente da anni, ben sette, a quanto dichiarato da componenti della Giunta, sia fondata. C’è del marcio anche a Potenza, e questa Redazione sta dando voce ai tanti, privati cittadini e associazioni, che negli anni hanno pagato questa allegra gestione della cosa pubblica e che non hanno avuto la forza o la costanza di portare avanti una impari battaglia contro il palazzo arroccato a difesa delle sue scelte e dei suoi consiglieri collaboratori tuttofare.

E menomale che la gioventù, la progettualità e lo spirito del cambiamento di questa giunta avrebbe dovuto essere garanzia di legittimità, partecipazione e crescita della città. Siamo sprofondati nel peggiore oscurantismo assolutistico, in cui chi ha le carte in mano comanda e gli altri devono sottostare. Un passo indietro, anzi, uno scivolone nel passato che fa rimpiangere gli amministratori “ancien régime” i quali, almeno, potevano giustificare i propri ostinati silenzi e ostili insabbiamenti con la mancanza di una disciplina che prescrivesse l’obbligo di consentire ai sudditi, pardon, ai cittadini e ai contribuenti, di accedere alle carte pubbliche.

E non è da sottacere neppure che se da un lato la politica fa quadrato e si difende, gli uffici se ne rendano incredibilmente complici, assumendosi responsabilità inutili e per le quali saranno però chiamati a rispondere personalmente. Resta insoluto interrogativo dal quale siamo partiti. Cui prodest? A chi giova tutto questo? Lo sapremo, con molta probabilità, con le decisioni che la magistratura adotterà a breve sulla questione, giacché questa Redazione non si ferma, non si stanca, non desiste. E’ e resta a bussare al battente del portone della Torre di Piazza Matteotti in cerca di quella pubblicità che nel regno assolutistico di Potenza si pensa sia solo una trovata rivoluzionaria da ignorare.

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com