Le Cronache Lucane

CAOS COMUNICATI SUI VACCINI, POLEMICA PER I GIOVANISSIMI “FRAGILI”

Dalla Regione indicazioni non in linea con il Ministero

Il caos sulla comunicazione regionale in merito alle vaccinazioni regna sovrano. Anche nel primo giorno dedicato agli ultra fragili non sono mancate polemiche. Dopo una riunione della Task Force la decisione di vaccinare gli ultra fragili con grave disabilità nati dopo il 2005 rientranti nella legge 104 art 3, inserendo come disposto dal Ministero anche genitori, tutori, affidatari, caregiver e familiari, le cose non sono andate come preannunciato.

Una volta giunti presso il centro vaccinale molte famiglie hanno fatto marcia indietro. Infatti, sembrerebbe che i vaccinatori si sarebbero rifiutati di vaccinare i minori perchè secondo le linee guida nazionali al momento la vaccinazione è dedicata solo ai caregiver e non ancora ai minori. Un comunicazione che ha reso complicata la procedura. Mentre l’Asp prova a fare del suo meglio per accelerare sui vaccini gli input regionali non facilitano la corsa contro il tempo. Tanto che sono state diverse le segnalazioni sui disguidi e il rientro a casa senza inoculazione per i più piccoli.

La sanità si mostra ancora una volta come il tallone d’Achille del governo Bardi. Come mostra anche l’inchiesta avviata dalla Procura (come riportiamo di fianco) sulle liste degli aventi diritto ai vaccini. Questa volta, più delle altre, pare che dall’inchiesta potrebbero emergere situazioni imbarazzanti e quasi certamente penalmente rilevanti.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti