NON TUTTI GLI ESPATRIATI SCAPPANO DAL BISOGNO

LAVORO
NON TUTTI GLI ESPATRIATI SCAPPANO DAL BISOGNO

{di ENRICO PALUMBO glistatigenerali.com}17 giugno 2017

Lascia perplessi questa retorica che si sta costruendo intorno ai due giovani italiani morti nel corso dell’incendio di Londra, dipinti come due disperati costretti all’espatrio.

E, come conseguenza di questa osservazione, l’estensione del discorso a tutti i giovani che fanno esperienze all’estero, i 500.000 italiani di Londra e tutti gli altri emigrati, esposti a pericoli che nei villaggi della grande provincia italiana non correrebbero.

Forse il quadro è più articolato.

Il tema della carenza di opportunità di lavoro per le persone più qualificate è un triste dato di fatto, da cui non si vede al momento una via d’uscita e del quale è responsabile un’intera classe dirigente.

Non soltanto la politica, ma anche diversi imprenditori, che preferiscono un diplomato a un laureato per risparmiare, ritenendo che la laurea sia uno sfizio per ragazzi viziati, o che offrono stage non retribuiti per attività che richiedono professionalità e competenze.

È vero che molti giovani si trovano costretti a scappare da questa situazione.
Ma è anche vero che molti altri scelgono di fare un’esperienza all’estero: per crescere, maturare, conoscere. Alcuni scelgono di andare all’estero per emanciparsi dalla propria famiglia o dal proprio ambiente, altri semplicemente perché sono cittadini europei e considerano l’Europa, non solo l’Italia o il Veneto, la terra in cui possono lavorare e vivere. Vanno a Londra, Berlino e Parigi senza costrizione, senza astio per la madrepatria e senza turbamenti.
Non è solo la mancanza di opportunità che spinge le persone ad andarsene dal proprio paese per un po’ di tempo: perfino l’Italia è terra di approdo di molti europei (così come di asiatici e americani) che vengono anche da paesi più ricchi del nostro, ma che vogliono studiare e lavorare qui per qualche tempo (a Milano è comune incontrare ventenni statunitensi o giapponesi qualificati che sono venuti in Italia per cercare lavoro) e che rappresentano una immigrazione assai diversa da quella causata da guerra e miseria.

Il nostro problema è che i giovani qualificati che attraiamo sono meno dei nostri che vanno altrove. Spesso la pessima offerta economica che viene fatta come primo impiego è soltanto il pretesto che si utilizza per giustificare agli altri (e forse a se stessi) la propria decisione di espatriare.
Non sappiamo quali scelte avrebbero fatto Gloria e Marco se avessero trovato lavoro nella Marca, ma è probabile che da ventenni di buona cultura e formazione quali erano avrebbero scelto comunque di fare un’esperienza più o meno lunga all’estero (per di più erano descritti come felici della loro vita londinese).

Questo è il senso della “generazione Erasmus”, e non è un caso che tutti gli interventi sulla “patria matrigna” siano venuti da persone che hanno finito i loro studi nella preistoria dell’Europa, quando per andare all’estero si chiedeva il visto e per prendere l’aereo si doveva essere facoltosi, quando in pochi parlavano una lingua straniera e a nessuno veniva in mente di studiare fuori dai propri confini, quando in definitiva mogli e buoi erano dei paesi propri.

Preistoria.

La colpa della tragedia che ha spezzato due giovani e brillanti vite non è del governo, della disoccupazione o del bisogno di scappare, nonostante non manchi un certo disinteresse della classe dirigente per il proprio futuro rappresentato dai giovani.

La colpa è di persone in carne e ossa, forse con responsabilità anche politiche, che – si spera – saranno individuate, giudicate e condannate.

Persone disoneste e incompetenti, che sono presenti in tutti i paesi, anche in quelli che maggiormente idealizziamo (e li idealizziamo perché non li conosciamo, non viaggiamo).

Gente che mette in pericolo le vite altrui, risparmiando sui materiali di una ristrutturazione o installando un sistema di allarme difettoso, è purtroppo presente ovunque.

Perfino in Italia.

 

Domenico Leccese