AttualitàBasilicataBlog

«INDUSTRIA FELIX, IN BASILICATA L’89,7% DELLE IMPRESE FA UTILI»

A Napoli saranno premiate le 141 aziende più competitive di Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Sicilia. Sono 15 quelle lucane

La Campania fa meglio di qualsiasi altra regione d’Italia: novantadue imprese campane su cento fanno utili, precisamente il 92,3% ed è la migliore percentuale italiana. I dati sono stati estrapolati sui bilanci di 17.562 società di capitali con sede legale in Campania che complessivamente fatturano 141 miliardi di euro. I numeri del Sud Italia in valori assoluti sono distanti da quelli del Nord, ma a livello percentuale le altre regioni meridionali fanno meglio rispetto agli utili: in Calabria il 90,6%, in Sicilia l’89,9%, in Molise l’89,8% e in Basilicata l’89,7%. È quanto emerge in anteprima dalla maxi inchiesta sui bilanci delle imprese nell’anno fiscale 2022 realizzata da Industria Felix Magazine, trimestrale di economia e finanza diretto da Michele Montemurro in supplemento con Il Sole 24 Ore e Cerved, che sarà presentata più dettagliatamente martedì 28 maggio (ingresso su invito) a Napoli all’Auditorium di Città della Scienza in occasione del 57° evento Industria Felix – L’Italia che compete, presentato dalla giornalista e conduttrice del Tg1 Maria Soave. Saranno premiate le 141 imprese più performanti a livello gestionale, affidabili finanziariamente e talvolta sostenibili con sede legale in Campania (durante la sessione mattutina), Basilicata, Calabria, Molise e Sicilia (nella sessione pomeridiana). L’evento è organizzato da Industria Felix Magazine in co-organizzazione con Regione Campania (tramite il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione), in collaborazione con Cerved, Università Luiss Guido Carli, A.C. Industria Felix, col sostegno di Confindustria, con il patrocinio di Confindustria Campania, con le media partnership de Il Sole 24 Ore, Askanews e Adnkronos e con le partnership di Grant Thornton, Elite (Euronext), Leyton Italia, M&L Consulting Group e Dalmine Logistic Solutions. I lavori saranno aperti dall’assessore alle Attività produttive della Regione Campania Antonio Marchiello e dal presidente di Confindustria Campania Costanzo Jannotti Pecci, seguiranno due interventi a cura della Direzione generale Sviluppo economico della Regione Campania sugli strumenti di sostegno e attrazione degli investimenti a cura del di- rettore generale Raffaella Farina e del dirigente di staff Daniela Michelino, si proseguirà con un talk con il presidente di ALuiss Vito Grassi, il relationship manager di Elite Antonio Pellè, il senior manager business developer di Leyton Italia Luca Annunziata, il partner e co-founder di M&L Consulting Group Valerio Locatelli e il co-portavoce del Comitato scientifico di Industria Felix Filippo Liverini. Ecco tutte le imprese lucane premiate, sono 6 quelle della provincia di Matera: Co.Par.M. Srl, Cooperativa Edp La Traccia, Datacontact Srl, Edilmetas Srl, Giovani Fermenti Società Cooperativa, Tenuta Visconti – San Teodoro Nuovo – Srl. Potenza (9): Cantine Del Notaio Società Agricola Arl, Consorzio Gruppo Eventi, Gda Spa, Green To Green Società Agricola Arl, Il Giardino Di Alice Società Cooperativa Sociale Arl, Nolitalia Srl, Orizzonti Holding Spa, Pb Spa, Società Cooperativa Cantina Di Venosa Arl. Tra quelle di Matera, «spiccano appunto le 3 aderenti a Confapi afferna Confapi in un comunicato – Coparm Srl di Ferrandina guidata da Carmine Aliuzzi, Cooperativa EDP La Traccia presieduta da Vito Gravela e Edilmetas Srl di Matera amministrata da Francesco Paolo Sacco. Per Coparm e La Traccia si tratta del secondo premio ricevuto in altrettanti anni, Edilmetas invece è la prima volta che consegue l’importante riconoscimento. In Basilicata l’89,7% delle aziende fa utili». «Registriamo ancora casi di eccellenza fra le Pmi lucane – commenta il presidente di Confapi Matera, Massimo De Salvo – che continuano a mietere successi sia in Italia che all’estero. Questa è l’ennesima dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, che le nostre istituzioni devono puntare maggiormente sulla piccola e media impresa locale, l’unica davvero motivata e determinata a investire per restare sul territorio dando occupazione stabili e non precaria». «Le nostre imprese – prosegue De Salvo – si distinguono ormai in tutti i mercati, sopravvivono alle crisi garantendo occupazione e crescita economica del territorio».

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Contentuti protetti