Le Cronache Lucane

GIORNATA MONDIALE DELL’ISTRUZIONE

Si tratta di un diritto umano fondamentale e occorre mettere fine a pratiche discriminatorie

Nel 2018 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 24 gennaio “Giornata Mondiale dell’Istruzione”.

L’UNESCO, in vista del raggiungimento degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, pone l’accento, ancora più del solito, su un’istruzione di qualità, inclusiva ed equa e sul garantire l’apprendimento continuo. Elementi questi senza i quali nessun Paese sarà in grado di raggiungere l’uguaglianza di genere e di spezzare il ciclo di povertà che sta lasciando indietro milioni di bambini, giovani e adulti.

Come è stato dettagliatamente descritto nel Rapporto Mondiale dell’UNESCO “Futures of Education”, per trasformare il futuro bisogna sostenere uno dei diritti fondamentali dell’uomo: avere libero accesso all’istruzione, anche attraverso le relazioni tra i vari Paesi e tramite le tecnologie che oggi permeano le nostre vite. Solo in questo modo si potrà costruire un futuro più sostenibile, inclusivo e pacifico.

La Giornata Internazionale dell’Istruzione costituisce quindi una piattaforma di dialogo per  garantire a tutti l’istruzione necessaria, sottolineando la necessità che tutti i Paesi si impegnino nel creare sistemi educativi in grado di supportare società eque, economie dinamiche e i sogni illimitati di ogni studente nel mondo, mettendo fine a pratiche discriminatorie,  perché l’istruzione è un diritto umano fondamentale ed è il fondamento delle società, delle economie e del potenziale di ogni persona.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti