Le Cronache Lucane

ALTRO CHE WELFARE LUCANO!

TACCO&SPILLO

Non guardiamo certo con favore al partito dei gufi e delle cornacchie e di chi, in ragione della sua stessa incapacità, ne ha fatto una professione nera e di miserabile sopravvivenza politica, ma se dalle parti rassicuranti della Regione si decantano sempre le magnifiche sorti della Basilicata e poi spuntano come funghi velenosi rapporti indipendenti ad infelicitare il buon Mariniello sullo storytelling istituzionale allora qualcosa non torna. Ora giocando d’attualità e proprio sul tema della spesa sociale è uscito il Welfare Italia Index dove si capisce benissimo la polarizzazione del benessere sociale e dei servizi d’opportunità che esiste tra chi vive in Trentino e chi è a spasso infelice in Basilicata. L’index incorona campione di welfare il Trentino con 81,3 punti mentre infila in bassa classifica la Basilicata con un gap addirittura di quasi trenta punti. La lezione d’analisi sociale serve naturalmente a molte cose. Innanzitutto a non sprecarla nella polemica spicciola poi a migliorare il campo di competenza delle nomine del governatore ed infine a rafforzare i suoi argomenti di contradditorio per non finire nelle grinfie celtiche del solito Calderoli e del suo sciagurato progetto d’autonomia. Pare così risentire la battuta amletica di Marcello Marchesi:“Essere o benessere?

 

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti