BasilicataBlogSport

POTENZA – GIUGLIANO CALCIO 1-1 AL 96’ PAOLINO GELA IL “VIVIANI”

Troppe le occasioni sprecate dai rosso-blù. Gasparini colpevole per non aver chiesto la barriera

Con un calcio di punizione all’ultimo secondo dell’extra time, Paolino Da Silva trova la rete della domenica, “gela” il già infreddolito pubblico del “Viviani” e pareggia i conti di un Giugliano arrivato a Potenza con la dote di essere la squadra quarta in classifica. Di fronte i rosso-blù, buoni soltanto per un tempo di gioco e poco esperti nel chiudere una gara dove, sul taccuino si contano almeno cinque occasioni sprecate. Ma andiamo alla cronaca della partita che viene predisposta dai due tecnici in modo diverso. Squadra che vince non si cambia per Giuseppe Raffaele che schiera la identica formazione uscita vittoriosa dal “Veneziani” di Monopoli domenica scorsa. Mister Di Napoli, invece, cambia soltanto due pedine rispetto alla gara casalinga vinta contro il Foggia. Schiera sull’esterno Iglio al posto di Gomez ed a centrocampo inserisce Paolino al posto dell’infortunato Gladestony. La gara inizia con vento fastidioso che spira sul “Viviani” e che rende il controllo della palla non semplice. Primi minuti con la classica fase di studio per entrambe le compagini. Al 6’ prima occasione per i rosso-blù. Caturano apre per Volpe sulla destra che supera un avversario e dalla distanza scaraventa un tiro per la facile parata di Sassi. Fino al 10’ i ritmi di gioco non solo elevati, anche perché le due compagini giocando con lo stesso modulo di gioco, il 3-5-2 aspettano le imbucate giuste per andare in rete. Lo fa per primo il Potenza che passa in vantaggio al 12’. Cross dalla sinistra di Volpe, Caturano fa la sponda per Gyamfi che sul secondo palo infila la palla in rete. Dopo 2’ si fanno vedere i campani su calcio di punizione dal limite del brasiliano Filippe. Facile la parata di Gasperini. Dal 15’ in poi è sempre la formazione di mister Raffaele ad imporre il proprio gioco con Sandri autentico padrone del centrocampo. I rosso-blù occupano con costanza tre quarti di campo avversario ed al 22’ un tiro di Matino finisce di poco al lato la porta difesa da Sassi. È un buon Potenza. Manca soltanto l’occasione del raddoppio. Che arriva a scadere di tempo con una bella azione sul filo Verrengia-Di Grazia, assist per Caturano, finta di quest’ultimo per Logoruso che tutto solo davanti a Sassi si incarta e non colpisce la palla. Si va negli spogliatoi con il risultato in vantaggio per padroni di casa. La ripresa si apre con le identiche formazioni viste nella prima frazione di gioco. Dopo 4’ i campani rivendicano un penalty a limite dell’area di rigore per un intervento di Girasole su Rizzo. Per il direttore di gara è soltanto calcio di punizione. Al 58’ primo slot di cambi per la formazione del Giugliano. Fuori Filippe e Poziello per Ceparano e De Rosa. Non cambia nulla sotto l’aspetto tattico. Qualche minuto la risposta di Raffaele non si fa attendere. Dentro Laaribi e Armini fuori Logoluso e Sandri. Il tecnico rosso-blù ridisegna la squadra. Passa Volpe e Laaribi a centrocampo, Armini in difesa con Verrengia nel ruolo di braccetto di sinistra. Ma ai giallo-blù del Giuliano la sconfitta sta stretta. Al 66’ ancora un cambio. Fuori Oyewale per Gomez. Nel frattempo un lancio di Rullo per l’ex Salvemini consente quest’ultimo di inventare un tiro pericoloso. Pronta la reazione di Gasparini. Mister Di Napoli intuisce che i padroni di casa sono in sofferenza e si gioca gli ultimi cambi. Fuori Iglio e Di Dio per Rondinella e Kyeremateng. Mister Raffaele sostituisce Di Grazia che ha speso molto per Belloni. All’78’ il Giugliano si fa trovare scoperto sull’asse di destra con Volpe che in modo altruistico serve Talia, ma il centrocampista potentino non trova la freddezza per concludere in rete. Un minuto più tardi su azione di calcio d’angolo un colpo di testa di Girasole finisce di un soffio al lato della porta difesa da Sassi. È un continuo cambio di azioni da un lato e dall’altra. Mancano 8’ alla fine della gara e mister Raffaele chiede ai suoi di stringere i denti. Manda in campo Rillo e Del Pinto per Verrengia e Volpe. Si chiude la gara regolamentare ed il direttore di gara concede altri 6’ di extra time. Ma è ancora la formazione di casa ad andare vicino al raddoppio con un assist di Rillo per la testa di Belloni che a porta vuota manda la palla sopra la traversa. Poi all’ultimo secondo di gioco la formazione partenopea trova con il brasiliano Paolino l’euro-goal. Un calcio di punizione dal limite si infila nel sette della porta difesa da Gasparini, quest’ultimo colpevolizzato a fine gara per aver deciso di non mettere nessun uomo in barriera.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Contentuti protetti