Le Cronache Lucane

L’ANGELUS DI PAPA FRANCESCO IN SAN PIETRO

Il Papa invita a vivere l’Avvento come
“un tempo di grazia per toglierci le maschere e metterci in coda con gli umili, per liberarci dalla presunzione di crederci autosufficienti, per andare a confessare i nostri peccati”

PIAZZA SAN PIETRO

Il Papa: Avvento, tempo di grazia per togliere la maschera dell’ipocrisia

All’Angelus in Piazza San Pietro Papa Francesco invita a cogliere il “segreto” di Giovanni Battista, uomo all’apparenza duro e severo.
Egli è “allergico alla doppiezza all’ipocrisia”, pericoli che riguardano ciascuno di noi.

L’Avvento è un’opportunità per scendere dal piedistallo della presunta autosufficienza e immergersi nell’acqua del pentimento

Paolo Ondarza – Città del Vaticano

Austero, radicale, a prima vista persino duro e capace di incutere timore: Giovanni Battista si presenta così nel Vangelo di questa seconda domenica di Avvento.
Francesco invita i fedeli giunti in piazza San Pietro per la preghiera dell’Angelus ad andare oltre la sua severità ed apparente durezza, a cogliere il segreto di Giovanni: egli – dice il Vescovo di Roma – è

“un uomo allergico alla doppiezza”

Quando a lui si avvicinano per curiosità o per opportunismo farisei e sadducei, “noti per la loro ipocrisia“, quest’uomo vestito di peli di cammello, ha “una reazione allergica molto forte

L’allergia all’ipocrisia

Giovanni, con le sue “reazioni allergiche”, ci fa riflettere. Non siamo anche noi a volte un po’ come quei farisei?
Magari guardiamo gli altri dall’alto in basso, pensando di essere migliori di loro, di tenere in mano la nostra vita, di non aver bisogno ogni giorno di Dio, della Chiesa, dei fratelli e dimentichiamo che soltanto in un caso è lecito guardare un altro dall’alto in basso: quando è necessario aiutarlo a sollevarsi, l’unico caso, gli altri casi di guardare dall’alto in basso non sono leciti.
Magari pensiamo di essere migliori degli altri, di non avere bisogno ogni giorno della Chiesa.

Come un padre

Nel contempo per il Battista, a cui accorrevano quanti si sentivano peccatori per confessare i peccati e farsi battezzare, rivolge a farisei e sadducei un grido d’amore, simile a quello di un padre che vedendo il figlio rovinarsi e dice:

“Non buttare via la tua vita”

L’ipocrisia è il pericolo più grave, perché può rovinare anche le realtà più sacre.
Per questo il Battista, come poi anche Gesù,  è duro con gli ipocriti?

Possiamo leggere per esempio il capitolo 23 di Matteo, dove Gesù parla agli ipocriti del tempo, così forte.

E perché fa così il Battista e anche Gesù ? 

Per scuoterli. Per accogliere Dio non importa la bravura, ma l’umiltà; non la bravura: “siamo forti, siamo un popolo grande” no, l’umiltà “sono un peccatore” ma non in astratto, no: “perché questo, questo, questo”, ognuno di noi deve confessare se stesso, prima i propri peccati, le proprie mancanze, le proprie ipocrisie;  bisogna scendere dal piedistallo e immergersi nell’acqua del pentimento.

Non è mai tardi per ricominciare

Il Papa invita a vivere l’Avvento come

“un tempo di grazia per toglierci le maschere e metterci in coda con gli umili, per liberarci dalla presunzione di crederci autosufficienti, per andare a confessare i nostri peccati”

C’è una sola via, l’umiltà: ci purifica dal senso di superiorità, dal formalismo e dall’ipocrisia e – prosegue il Vescovo di Roma – ci “fa vedere negli altri dei fratelli e delle sorelle, peccatori come noi, e in Gesù il Salvatore che viene per noi con il nostro bisogno di essere rialzati, perdonati e salvati”

E ricordiamoci ancora una cosa: con Gesù la possibilità di ricominciare c’è sempre. Sempre! Egli ci aspetta e non si stanca mai di noi. Sentiamo rivolto a noi il grido di amore di Giovanni a tornare a Dio e non lasciamo passare questo Avvento come i giorni del calendario, perché è un tempo di grazia per noi, adesso, qui! Mai è troppo tardi, sempre c’è la possibilità di ricominciare, abbiate coraggio, Lui è vicino a noi e questo è un tempo di conversione. Ognuno può pensare: “Ho questa situazione dentro, questo problema che mi vergogna”, ma Gesù è accanto a te, ricomincia, sempre c’è la possibilità di dare un passo in più. Sempre! Egli ci aspetta e non si stanca mai di noi. Mai si stanca e noi siamo noiosi ma mai si stanca!


Al termine della preghiera mariana Francesco ha salutato i numerosi pellegrini spagnoli e polacchi, in particolare quanti sostengono la giornata di preghiera e raccolta fondi per la Chiesa nell’Europa dell’est; quindi ha affidato la pace per il martoriato popolo ucraino a Maria Immacolata di cui giovedì prossimo la Chiesa celebra la festa.

Francesco: Maria interceda per la pace in Ucraina
Al termine della preghiera mariana, il Papa ricorda la guerra nel Paese dell’est e anche della Giornata di preghiera e raccolta fondi per la Chiesa che si svolge in Polonia 🇵🇱 

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Francesco guarda alla Solennità dell’Immacolata concezione che la Chiesa celebra l’8 dicembre. Guarda a Maria, al termine dell’Angelus, per chiedere il suo aiuto, perché lei, Regina della pace, interceda per mettere fine al conflitto in Ucraina.

Alla sua intercessione affidiamo la nostra preghiera per la pace, specialmente per il martoriato popolo ucraino.

Nel Paese intanto proseguono i combattimenti.
Nel Donbass si registra un attacco massiccio da parte dei russi, colpite anche alcune infrastrutture civili nelle regioni di Kharkiv, Kramatorsk e Donetsk, stando a quanto riportano i media ucraini. A Kyiv è emergenza blackout, le temperature sono scese sotto i cinque gradi.

Il ringraziamento alla Chiesa polacca

Davanti alla piazza, ravvivata dalla presenza di fedeli di ogni parte del mondo, il Papa si rivolge ai pellegrini polacchi.

Desidero ringraziare quanti sostengono la Giornata di Preghiera e di raccolta fondi per la Chiesa nell’Europa dell’est.

Si tratta di un’iniziativa che cade solitamente la seconda domenica di Avvento e istituita dai vescovi polacchi nel 1989.

I saluti ai tanti pellegrini presenti

Nei suoi saluti, Francesco si rivolge ai pellegrini spagnoli di Madrid, Salamanca, Bolaños de Calatrava e La Solana, ai membri dell’Azione Cattolica di Aversa giunti in Piazza San Pietro con il vescovo monsignor Angelo Spinillo, come pure i fedeli di Palermo, Sutrio e Saronno, i ragazzi della Cresima di Pattada – diocesi di Ozieri – e quelli della parrocchia di Sant’Enrico in Roma.

Al termine la raccomandazione a pregare per il vescovo di Roma
Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti