Le Cronache Lucane

TELESCA: «LA VARIAZIONE DI BILANCIO S’È FATTA, MA I GUASTI A TERMOSIFONI E FINESTRE RESTANO»

Il consigliere comunale torna a segna lare le criticità a cui sono sottoposti gli alunni della “Domenico Savio” tra freddo e negligenza dell’Amministrazione Guarente

POTENZA. «Nulla è stato ancora fatto dal 15 novembre, giorno in cui venne approvata la variazione di Bilancio nel Consiglio comunale di Potenza che avrebbe così permesso all’Amministazione di dare la possibilità alla ditta che probabilmente ha già preso in carico i lavori di manutenzione ordinaria, di poter riprendere e procedere concretamente sui lavori in essere – sospesi per indisponibilità di fondi – con la riparazione tanto delle caldaie quanto delle finestre». Incalza così il consigliere comunale di opposizione Vincenzo Telesca, che continua a sollecitare l’Amministrazione Guarente su una criticità che sta attanagliando ormai da più di due settimane gli alunni e chiunque sia obbligato ad affrontare il freddo delle aule dei plessi scolastici della “Domenico Savio”. La denuncia, partita attraverso queste colonne dal consigliere sta facendo abbastanza discutere in città – fuori e dentro l’Assise – in un periodo, quello alle porte dell’inverno, nel quale è impensabile immaginare che, interventi considerati di normale amministrazione come il ripristino del corretto funzionamento degli impianti di riscaldamento degli istituti comunale, siano invece inefficaci. Gli alunni sono costretti a lezioni “da brivido”, tra strati di maglioni e cappotti con il freddo potentino che inizia a farsi sentire, tra termosifoni guasti e finestre rotte. «Sono trascorsi 15 giorni – evidenzia Telesca – e la situazione non si è per nulla modificata, specie nel plesso che riguarda l’edificio all’interno del Parco Baden Powell dove alcune delle finestre risulterebbero rotte, tanto da non permettere una chiusura delle stesse non considerandone la pericolosità in sè. Perché vengono mantenute aperte? – spiega Telesca – perché ovviamente c’è sempre la questione covid da considerare, una criticità che non si è affatto placata e quindi da qui l’esigenza di consentire l’areazione costante delle aule». «Una problematica che va aggiungersi a quella del freddo causato dai guasti dei termosifoni – evidenzia Telesca – che non può che incentivare i malanni degli sventurati alunni». «Ci si aspettava – enfatizza il consigliere di opposizione – che dopo tutte le segnalazioni, le polemiche, nonchè l’appello accorato della stessa dirigente scolastica – rilasciato a Cronache – che le soluzioni venissero attuate, anche alla luce di una variazione di Bilancio che, per quanto avviata in enorme ritardo, avrebbe consentito di dare seguito alle dovute riparazioni e interventi di manutenzione che l’istituto evidentemente richiede. Ad oggi, però, i problemi che esistevano prima del Consiglio in cui è stato approvata tale variazione, persistono tutt’ora. Nulla è modificato», conclude amaramente Telesca. La domanda sorge, dunque, spontanea: è necessario sollevare l’ennesimo polverone mediatico affinché il fare procrastinatore dell’Amministrazione Guarente risolva questa criticità da non poco conto?

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti