Le Cronache Lucane

LA POTENZA DEL TIFO

Non sta a guardare Benedetto che ha rotto col cd: i riservisti del sindacato. Csx, scalda i motori il duo patron Macchia-Chiorazzo (Auxilium): a lavoro sotto traccia

LA POLITICA LUCANA E I RISERVISTI DEL DISORDINE

La politica lucana e’ più ricca di protagonisti di quanto si può immaginare. Popolata da “multiformi” personalità. Una ricchezza di ceto politico e di aspiranti sproporzionata con la reale popolazione di questa terra. Oggi ci occuperemo dei “riservisti del disordine”. Li indicherei in questo modo per la confusione che potranno aggiungere alla politica regionale. Sospesi tra velleitarie aspirazioni e visioni incerte sul futuro della Basilicata, ma forse certe e rassicuranti per alcuni interessi? Vedremo e seguiremo con attenzione.

PRIMO SCHIERAMENTO: DONATO MACCHIA ED ANGELO CHIORAZZO

Il primo schieramento vedrebbe l’editore Macchia e patron del Potenza calcio animato dal “sacro fuoco” del servizio per la sua terra. Punto di riferimento di tanti con un prestigioso imprenditore lucano che vive a Roma, Angelo Chiorazzo, tesse reti potenziali di candidati e di elettori? Questo appare più incerto. Sono a destra o a sinistra? Non sappiamo. Vivono il tutto come una missione salvifica per la Basilicata. A riguardare foto e video che li ritraggono all’opera tra campi di calcio e convegni di “varia umanità” percepiamo un volto perplesso dell’imprenditore romano. Quasi a dire ma chi me la fa fare! Io cattolico praticante e papalino “andreottiano” inossidabile che vado in giro con Macchia. Chioma fluente e un po’ dandy. Ma pare che ci vogliano provare. Ragionano a tutto campo con industriali, associazioni ex manager del sistema sanitario. La politica ha riti complessi e liturgie oscure che potrebbero sfiancarli. Non li vediamo bene.

SECONDO SCHIERAMENTO DINO NICOLIA E MEDINLUCANIA

Secondo schieramento. Medinlucania animato da tal Dino Nicolia da Viggiano e come dice il profilo di Facebook: funzionario internazionale della Commissione Europea. Siamo a livelli alti, capite! Tanti giri per vari centri della Basilicata. Convegni e prodotti. Convegni e risorse culturali. La Basilicata antropologica. Il mito Levi: le verdi terre, le discese ardite e le risalite… Adrenalinico Nicolia poco chiaro nell’eloquio con un armamentario sospeso nel vocabolario in voga. Rinnovamento e discontinuità. Certo l’insuccesso. Ci sono azioni diplomatiche di grande livello (si dice!) per mettere insieme il primo schieramento degli imprenditori con Medinlucania. La cosa sembra appagante per i benpensanti e crea inquietudini forti nel circuito della politica? Dubitiamo! La Basilicata profonda mi pare che li guardi con distacco. Con indifferenza.

TERZO SCHIERAMENTO LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI DA SUMMA A VACCARO

Poi ci sono gli “autorevoli” riservisti del sindacato. Qui bisogna stare attenti! Eh! La Cgil con Angelo Summa e’ pronta. Carmine Vaccaro mai in pensione nella Uil scalda elettori e relazioni sul territorio. Non abbiamo notizie della Cisl. Ma ce le aspettiamo. Anche questi autorevoli animatori della comunità lucana rischiano di perdersi nel bosco. Sono collocati nel centro sinistra. Da dove cominciare? Con chi parlare? Summa ha perso La Regina, Vaccaro ha perso Pittella o forse De Filippo, dice qualcuno. Chi mette insieme liste e capilista? Dove impiantare programmi, scenari e prospettive. Immagino che tutto si inabisserà fra megalomanie del gruppo dirigente dei centro-sinistri. Immagino il dibattito: l’autonomia della politica, non ci possiamo consentire di soccombere anche sotto il “crisma” del sindacato ecc… Insomma da ponente a levante tutto sarà plumbeo. Oscuro. Ingestibile. I riservisti del disordine, appunto. Se è chiaro questo quadro la destra anche arruffona ma pragmatica può avere ulteriore vantaggio. Ma c’è in conclusione anche altro!

QUARTO SCHIERAMENTO NICOLA BENEDETTO

Si muove ricco di risorse e mai pago di protagonismo anche Nicola Benedetto. Ha rotto con il centro-destra. Ha sostenuto Pittella. Ha una sua antica aspirazione. Dove starà? Con chi starà? La sibilla cumana forse potrà disvelare l’arcano mistero. Certo Nicola Benedetto e’ un commensale esigente e smaliziato. Giovanile e aitante ancora. Si siede con Macchia? Non crediamo. Con gli altri riservisti ? Dubitiamo. Costruisce un nuovo schieramento sulle probabili ulteriori delusioni di Marcello Pittella? Probabile. Ecco il terreno fertile delle destre e della tranquillità di Bardi. Si vincono battaglie per la totale incapacità a combattere degli eserciti avversari. Forza, avanti con realismo e serenità. Questo lo slogan che consiglierei alle destre.

Di Fausto Devoti

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti