Le Cronache Lucane

PER LA SEGRETERIA NAZIONALE PD SPUNTA IL DEPUTATO DEM ELETTO IN BASILICATA

Amendola in pole per le primarie. La sua possibile elezione potrebbe avere pro e contro per i lucani già alle prese con un difficile congresso regionale

La battaglia per la segreteria del Pd, oltre a Stefano Bonaccini ed Elly Schlein, potrebbe vedere ora un terzo candidato forte: l’ex ministro Enzo Amendola. Tra i dem l’argomento di discussione resta la scelta del prossimo segretario, anche se i tempi sono lunghissimi, la decisione finale verrà presa solo a febbraio. Ma più passano i giorni – si legge sulla Stampa – e più si addensano le nuvole nere tra i dem, con il rischio di una scissione se non si dovesse trovare un candidato realmente condiviso da tutte le varie correnti. Si cerca un nome capace di unire gli angoli più lontani del globo dem. Una candidatura quella di Amendola– come scrive La Stampa – capace di unire gli angoli più lontani dei Dem e scongiurare il rischio di una scissione post congresso. Il deputato dem, l’unico del Pd eletto in Basilicata, potrebbe es- sere la chiave per la svolta del partito. Da anni Amendola non fa parte di alcuna corrente. E in più ha alle spalle una carriera robusta tra Roma e Bruxelles: giovane segretario regionale della Campania tra i fondatori del Pd nell’era Veltroni, anno 2007, membro della segreteria Zingaretti, ministro e sottosegretario agli Affari europei con Giuseppe Conte e Mario Draghi. Ed è proprio il suo profilo europeista e una rubrica folta di contatti a Bruxelles e oltre confine che alza lo standing di Amendola, molto legato al commissario europeo Paolo Gentiloni e a Draghi. Lui, per il momento, preferisce non commentare le voci che si muovono tra Montecitorio e il Nazareno. Oltre a lui anche i dem lucani al momento non si sono espressi. C’è da dire che loro oltre al versante nazionale hanno anche numerosi grattacapi locali. Ancora senza guida dopo la sfiducia all’ex segretario La Regina il partito non naviga certo in buone acque, tra le numerose correnti e i consensi in netto calo. La questione Basilicata resta apertissima. Infatti, la scelta di Enzo Amendola alla segreteria nazionale dem potrebbe anche essere un’arma a doppia lama per i lucani. Se ad oggi di Amendola in Basilicata, dalla data delle elezioni, si hanno pochissime notizie per non dire nessuna visita, con la sua candidatura e possibilissima elezione alla segretaria nazionale si darebbe addirittura per disperso. Dall’altro lato, però, cosa che in molti si augurano, avere l’unico deputato dem della Basilicata al Nazzareno potrebbe essere una “scorciatoia” per rafforzare i legami a livello romano che si so- no andati via via sgretolando. In tutto questo si aggancerebbe anche il fattore congresso lucano. Le scelte per un nuovo segretario, che ripari le crepe del partito, potrebbero passare con tutta probabilità dai tavoli romani. E chi in campagna elettorale ha teso una mano ad Amendola potrebbe anche essere privilegiato.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti