Le Cronache Lucane

MORTE DEL TIFOSO FABIO TUCCIARIELLO, ASSOLTO IN APPELLO LASPAGNOLETTA

Ribaltato il verdetto di primo grado che aveva condannato il melfitano a 3 anni e 4 mesi per omicidio stradale: le perizie hanno convinto i giudici che si trattò di legittima difesa

“Assolto perchè il fatto non costituisce reato per aver agito per legittima difesa”. Questa la motivazione con cui il tribunale di Potenza, ha assolto Salvatore Laspagnoletta, tifoso del Melfi, dalle accuse che gli erano state formulate, relativamente ai tragici fatti di Vaglio, del gennaio 2020, quando perse la vita Fabio Tucciariello, tifoso della Vultur Rionero. «Una grande soddisfazione personale, ma ancor di più per essere riuscito a far uscire Salvatore Laspagnoletta dall’incubo in cui era precipitato», rimarca il legale difenso- re del tifoso melfitano, l’avvocato Dino Di Ciommo. «Ci siamo sforzati già in primo grado – spiega il legale – di evidenziare quelle che erano le risultanze processuali abbastanza evidenti, Il giudice di primo grado non ci ha seguito fino in fondo, anche se Laspagnoletta dall’accusa di omicidio volontario, approdò all’omicidio stradale, ma sono sempre stato fiducioso», sottolinea sempre l’avvocato Dino Di Ciommo, che alla fine le risultanze processuali, gli accertamenti tecnici, le perizie, le memorie difensive, la sentenza della Cassazione che aveva annullato la misura cautelare «a carico del mio assistito, avrebbero rappresentato tutti aspetti in grado di far emerge- re la verità come appunto è avvenuto».

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti