Le Cronache Lucane

DE FILIPPO INFIAMMA LA SUA SANT’ARCANGELO TRA L’AFFETTO DI SOSTENITORI E PERSONE CARE

Il capolista al Senato per il Pd chiude la campagna elettorale nel suo comune di appartenenza: dimostrando che il territorio resta la sua arma in più.

Ha certamente dimostrato che la sua forza resta l’affetto della gente e il suo speciale attaccamento al proprio territorio. Vito De Filippo capolista al Senato per il Partito democratico chiude la sua campagna elettorale a Sant’Arcangelo, il comune di appartenenza. Lo fa circondato dagli affetti più cari ma soprattutto da quei tanti lucani che in questi anni di attività politica hanno visto in lui un ottimo rappresentante delle Istituzioni e soprattutto attento alle esigenze del territorio. Mai fuori luogo, poco propenso alla polemica e con un linguaggio che arriva diritto alla gente. L’onorevole De Filippo sostenuto sul palco da altri esponenti dem è riuscito a riscaldare la piazza di Sant’Arcangelo con un risultato non di poco conto. Non è mancata, da ottimo politico quale è una riflessione sulla possibilità di un governo di centrodestra: «Quando la destra dice di voler rivedere il Pnrr, quando dice che bisogna valutare l’autonomia dei territori, tutto questo vuol dire una cosa soltanto: togliere risorse al Sud. Il Pnrr, che il Partito democratico ha contribuito in maniera determinante ad ottenere, prevede risorse importanti per il Mezzogiorno. Risorse che sono necessarie, indispensabili. Il centrodestra non solo si è opposto al Piano, non solo ha votato contro in Europa, ma adesso che i soldi stanno arrivando vuole privare i cittadini del Sud di quegli investimenti che servono a recuperare il divario con il Nord. Ormai la loro strategia è chiara, dobbiamo impedire che i cittadini del Mezzogiorno vengano ulteriormente penalizzati». Un appello chiaro a far sì che un possibile governo di centrodestra tolga a fatica quelle possibilità che una regione come la Basilicata potrebbe invece avere e sfruttare per uscire da un torpore ormai troppo lungo.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti