Le Cronache Lucane

SALUTE MENTALE, ALLA BASILICATA 619 MILA €

Asp e Asm, corsa contro il tempo: fine progetti psichiatria, giugno 2023

Basilicata, rafforzamento dei dipartimenti di salute mentale: recepita ed approvata l’Intesa tra il Governo e le Regione, in arrivo 619 mila e 947 euro. Sono 2 i progetti che la Regione intende sviluppare tramite le Aziende sanitarie locali di Potenza e Matera, per l’Asp 464 mila e 947 euro mentre per l’Asm, a disposizione, 155 mila euro, con rispettivamente l’obiettivo di prevedere dei percorsi innovativi alternativi ai ricoveri nelle Residenze esecuzione misure di sicurezza (Rems) e di implementare i percorsi per il superamento della contenzione meccanica. Gli schemi operativi ci sono, ma comunque potrebbe essere una corsa contro il tempo: entrambi i progetti dovranno concludersi entro e non oltre il 30 giugno 2023. Per cui, si può aggiungere, occorre agire da subito e con precisione. Non a caso, la Giunta ha proceduto all’adempimento burocratico rivestendo l’atto del carattere di urgenza. Da aggiungere, però, che la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, aveva formalizzato la suddivisione dei fondi, nell’aprile scorso. Data la popolazione, la Basilicata, sui 60 milioni complessivi, ha ricevuto soltanto lo 0,99% del totale Di particolare importanza il progetto dell’Asp, denominato “Il Giardino dell’essenza”, poichè è finalizzato a promuovere per i pazienti psichiatrici, autori di reato con misure di sicurezza, inseriti nel centro diurno o presenti a domicilio, la formazione professionale e le opportunità lavorative favorendo l’acquisizione di un ruolo sociale e restituendo agli stessi la dignità e il diritto al lavoro. Da ricordare che il ricovero nelle Rems è considerato uno strumento di extrema ratio, utilizzabile soltanto quando le misure di sicurezza non detentive non siano assolutamente praticabili. Il progetto Asp punta sul- l’agricoltura sociale poiché coniuga l’attività produttiva con i processi terapeutico-riabilitativi, offrendo opportunità di emancipazione ed evolutive. Tra i costi previsti, per esempio, ci sono i 10 mila euro per la cartellonistica descrittiva della storia, proprietà, lavorazione e utilizzo della lavanda, 50 mila euro per un Fiat Scudo Elettrico 8 posti per il trasporto degli utenti e via discorrendo. Sul fronte Asm, invece, dato che la contenzione meccanica è un fenomeno limitativo delle libertà personale, l’obiettivo del progetto è la realizzazione di percorsi integrati di cura e la formazione in équipe degli operatori che seguiranno un apposito corso. Traguardo da raggiungere, tra le altre cose, anche previa ristrutturazione dei luoghi di cura con particolare attenzione alla qualità degli stessi e di conseguenza creando spazi adeguati sia per l’accoglienza che per le attività di socializzazione. I mesi a disposizione si sperano siano sufficienti, ma, al momento, il fattore fondamentale è l’arrivo dei fondi.

Ferdinando Moliterni

3807454583

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti