Le Cronache Lucane

L’AUTORE SALMAN RUSHDIE PUGNALATO 15 VOLTE SUL PALCO DELLA FIERA LETTERARIA DI NEW YORK

Testimoni affermano che Salman Rushdie, 75 anni, è stato aiutato dal personale medico dopo che il suo aggressore è uscito dal palco ed è stato arrestato

Salman Rushdie viene pugnalato 10-15 volte – inclusa una al collo

sul palco della fiera letteraria di New York e trasportato in aereo in ospedale 33 anni dopo che l’Iran ha emesso una fatwah su di lui per il romanzo Versetti satanici

L’autore Salman Rushdie è stato trasportato in aereo in ospedale dopo essere stato accoltellato più volte al collo sul palco mentre si preparava a tenere un discorso nello stato di New York.

Lo scrittore, 75 anni, è stato attaccato mentre veniva presentato sul palco per l’evento CHQ 2022 a Chautauqua, vicino a Buffalo, venerdì mattina.

Testimoni affermano che è stato pugnalato da dieci a quindici volte, mentre un uomo gli si avvicinava da dietro prima di precipitarsi sul palco.

Stava partecipando a una discussione sugli Stati Uniti come asilo per scrittori e altri artisti in esilio e come casa per la libertà di espressione creativa.

Testimoni hanno affermato che il suo aggressore è riuscito a scendere dal palco dopo l’accoltellamento, prima di essere trattenuto, mentre le persone si precipitavano ad assistere Rushdie, che era seduto quando è stato aggredito.

Il sangue è stato schizzato sul muro dietro il punto in cui Rushdie era stato attaccato, con alcuni anche visti su una sedia.

Le sue condizioni attuali non sono note e un uomo è stato arrestato dalle truppe dello stato di New York. Anche l’intervistatore che ha parlato con Rushdie ha subito un lieve trauma cranico.

Durante una conferenza stampa sulle leggi della bandiera rossa, il governatore Kathy Hochul ha definito l’attacco a Rushdie “straziante” prima di confermare che è “vivo”

Ha aggiunto che sta “ricevendo le cure di cui ha bisogno in un ospedale locale” e che un agente della polizia di stato “si è alzato e gli ha salvato la vita” dopo l’attacco.

Un testimone ha detto al New York Times che Rushdie era stato pugnalato “più volte” e giaceva in una pozza del suo stesso sangue.

Rita Landman ha offerto la sua assistenza dopo l’incidente, aggiungendo che sembrava essere vivo e non ha ricevuto la rianimazione cardiopolmonare.

Landman ha detto: “La gente diceva: ‘Ha il polso, ha il polso, ha il polso’.

Roger Warner di Cleveland, Ohio, era seduto in prima fila quando è avvenuto l’attacco, aggiungendo: “Era coperto di sangue e c’era sangue che colava sul pavimento.

“Ho appena visto del sangue intorno ai suoi occhi e che gli colava lungo la guancia.”

Il figlio londinese di Rushdie, Zafar, 42 anni, è a conoscenza dell’incidente e suo padre è stato visto mentre veniva trasportato in eliambulanza dopo l’attacco.

Centinaia di persone tra il pubblico rimasero senza fiato alla vista dell’attacco e furono poi evacuate mentre il suo presunto aggressore veniva preso in custodia.

John Bulette, 85 anni, che ha assistito all’attacco, ha dichiarato: “C’è stato un enorme errore di sicurezza. Che qualcuno potesse avvicinarsi così tanto senza alcun intervento era spaventoso.’

Un usciere dell’anfiteatro afferma che la sicurezza presso l’istituzione era “lassista” e che non erano in atto misure aggiuntive per la visita del signor Rushdie.

Kyle Doershuk, 20 anni, ha dichiarato: “È molto aperto, è molto accessibile, è un ambiente molto rilassato, secondo me qualcosa del genere stava solo aspettando che accadesse”.

Un portavoce dell’istituto Chautauqua ha aggiunto: “Stiamo affrontando una situazione di emergenza. Non posso condividere ulteriori dettagli in questo momento.’

Il rabbino Charles Savenor afferma che l’intero attacco è durato circa 20 secondi.

Ha detto: ‘Questo ragazzo è corso sulla piattaforma e ha iniziato a picchiare il signor Rushdie. All’inizio sei tipo “Cosa sta succedendo?”

E poi è diventato evidente in pochi secondi che veniva picchiato.’

Un rappresentante della sezione degli interessi iraniani presso l’ambasciata del Pakistan a Washington DC ha rifiutato di commentare l’attacco.

L’ambasciata rappresenta diplomaticamente il governo iraniano negli Stati Uniti.

Hanno detto al New York Times “Non ci stiamo facendo coinvolgere”, prima di riattaccare e rifiutarsi di dare un nome.

L’autore è stato nominato cavaliere nel 2007 in Gran Bretagna “per i servizi alla letteratura” dal suo amico, l’allora primo ministro Tony Blair.

Il suo ultimo pezzo di scrittura riguardava un tentativo di omicidio, serializzando un romanzo intitolato The Seventh Wave on Sub Stack, che sembrava concentrarsi su spie e omicidi.

Rushdie ha già ricevuto minacce di morte per i suoi scritti, con il suo libro The Satanic Verses che presumibilmente insultava il Profeta Maometto e Il Corano.

Ha scritto i versi satanici, che hanno provocato lo scoppio di una guerra culturale nel 1988 in Gran Bretagna, con proteste che si sono svolte nel Regno Unito e roghi di libri.

Il Pakistan ha bandito il libro e nel febbraio 1989 l’ayatollah iraniano Khomeini gli ha emesso una fatwa – una condanna a morte.

Khomeini ha chiesto la morte di Rushdie e dei suoi editori e ha anche chiesto ai musulmani di indicarlo a coloro che potrebbero ucciderlo se non potessero loro stessi.

La fatwa, o “opinione spirituale”, ha seguito un’ondata di roghi di libri in Gran Bretagna e disordini nel mondo musulmano che hanno portato alla morte di 60 persone e al ferimento di centinaia.

Sir Salman Rushdie è un autore e romanziere vincitore del Booker Prize.

Il 75enne è nato in India e la sua scrittura si basa spesso sui temi delle connessioni e delle migrazioni tra le civiltà occidentali e orientali.

Ha vinto il Booker Prize nel 1981 per il suo secondo romanzo, I bambini di mezzanotte. La sua scrittura ha generato 30 studi sulla lunghezza di un libro e oltre 700 articoli sulla sua scrittura.

Gli scritti di Rushdie sono stati ampiamente acclamati nei generi del realismo magico e della narrativa storica.

Vive negli Stati Uniti dal 2000 ed è stato nominato Distinguished Writer in Residence presso la New York University nel 2015.

È stato selezionato cinque volte per il Booker Prize, tra cui per I bambini di mezzanotte, nel 1983 per Vergogna, nel 1988 per The Satanic Versus, nel 1995 per L’ultimo segno del moro e nel 2019 per Quichotte.

Rushdie è stato messo sotto sicurezza 24 ore su 24 dal 1989 al 2002, a spese del contribuente britannico, quando gli è stata messa in testa una taglia di 3 milioni di dollari.

È stato costretto a nascondersi per un decennio con la protezione della polizia e in precedenza ha riferito di aver ricevuto una “sorta di biglietto di San Valentino” dall’Iran ogni anno per fargli sapere che il paese non ha dimenticato il voto di ucciderlo.

Nel 2012, una fondazione religiosa iraniana semi-ufficiale ha aumentato la taglia per Rushdie da $ 2,8 milioni a $ 3,3 milioni.

Dopo l’attacco di oggi Rushdie, che si è trasferito negli Stati Uniti nel 2000, è stato subito circondato da un piccolo gruppo di persone che gli hanno sollevato le gambe, presumibilmente per mandargli più sangue al petto.

L’autore in precedenza si era lamentato di avere “troppa” sicurezza mentre partecipava ad altri eventi.

Ha detto ai giornalisti al Festival degli scrittori di Praga: “Essere qui e trovare una grande operazione di sicurezza intorno a me è stato davvero un po’ imbarazzante.

“Ho pensato che fosse davvero superfluo e un po’ eccessivo e di certo non è stato organizzato su mia richiesta.

‘Ho passato molto tempo prima di venire qui dicendo che non lo volevo davvero.

“Quindi sono stato molto sorpreso di arrivare qui e di scoprire un’operazione davvero sostanziale, perché mi sembrava di essere in una distorsione temporale, di essere tornato indietro nel tempo di diversi anni”.

Rushdie è un ex presidente di PEN America, con l’attuale CEO Suzanne Nossel che ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava: PEN America vacilla per lo shock e l’orrore alla parola di un attacco brutale e premeditato al nostro ex presidente e fedele alleato, Salman Rushdie, che era secondo quanto riferito, pugnalato più volte mentre parlava sul palco al Chautauqua Institute nello stato di New York.

“Non possiamo pensare a nessun incidente paragonabile di un violento attacco pubblico a uno scrittore letterario sul suolo americano.

“Poche ore prima dell’attacco, venerdì mattina Salman mi ha inviato un’e-mail per aiutarmi con i collocamenti per gli scrittori ucraini che hanno bisogno di un rifugio sicuro dai gravi pericoli che devono affrontare.

“Salman Rushdie è stato preso di mira per le sue parole per decenni, ma non ha mai sussultato né vacillato. Ha dedicato instancabile energia ad assistere gli altri che sono vulnerabili e minacciati.

“Anche se non conosciamo le origini o i motivi di questo feroce attacco, tutti coloro in tutto il mondo che hanno incontrato parole con violenza o hanno chiesto lo stesso sono colpevoli di aver legittimato questo assalto a uno scrittore mentre era impegnato nel suo lavoro essenziale di collegamento con i lettori.

“I nostri pensieri e le nostre passioni ora risiedono nel nostro intrepido Salman, augurandogli una piena e rapida guarigione.

“Speriamo e crediamo con fervore che la sua voce essenziale non possa e non sarà messa a tacere”.

Hitoshi Igarashi, che ha tradotto I versi satanici in giapponese per Rushdie, è stato pugnalato a morte nel campus dove insegnava letteratura.

Salman Rushdie stava serializzando un romanzo intitolato The Seventh Wave, su Sub Stack, che sembrava avere un forte focus sulle spie e sugli omicidi organizzati.

Il suo ultimo pezzo di scrittura ha fatto riferimento a uomini in “passamontagna fradici”:

Episodio 48

I quattro uomini in nero con indosso passamontagna fradici sono fuori all’aperto, avvicinandosi. ANNA e FRANCIS sono sul terrazzo della casa, con in mano le pistole.

PRIMO UOMO (gridando)

Vieni giù, Anna, nessuno ti farà del male. E l’altro individuo di cui non abbiamo bisogno.

ANNA (gridando di rimando)

Ciao ragazzi! Ti piacerebbe una bevanda rinfrescante?

(Si avvicinano.)

SECONDO UOMO (anche lui gridando)

Non essere saggia adesso, Anna. No, non abbiamo bisogno di nessun cazzo di drink. Forse non hai notato che è bagnato.

ANNA (sempre gridando)

Abbiamo gli asciugamani. Hai bisogno di asciugare i capelli?

(a FRANCESCO)

Adesso sono a portata di mano. Questo è troppo facile. Possiamo prenderli tutti.

FRANCESCO

Non lo so, Anna. Non posso farlo.

L’editore norvegese del romanzo, William Nygaard, è stato colpito da tre colpi di arma da fuoco fuori dalla sua casa e dato per morto nell’ottobre 1993, ma è sopravvissuto all’attacco.

In Turchia, il traduttore del libro, Aziz Nesin, è stato oggetto di un incendio doloso in un hotel che ha ucciso 37 persone.

Rushdie aveva già scritto una fatwa di 655 pagine, che è stata nominata per il miglior premio di saggistica del Regno Unito, il premio Samuel Johnson.

Durante la fatwa visse nel terrore permanente e ad un certo punto pensò che la sua ex moglie Clarissa Luard e il loro figlio Zafar, che all’epoca aveva nove anni, fossero stati uccisi da assassini o rapiti.

Nel 1998 il presidente riformista iraniano ha allentato la fatwa e ha detto che non aveva intenzione di rintracciare Rushdie e ucciderlo.

Tecnicamente è ancora in piedi, ma è improbabile che venga applicato.

L’Indice sulla censura, un’organizzazione che promuove la libertà di espressione, ha affermato che il denaro è stato raccolto per aumentare la ricompensa per la sua uccisione solo nel 2016, sottolineando che la fatwa per la sua morte è ancora valida.

Ha due figli dai suoi quattro matrimoni – l’altro figlio si chiama Milan – ma è stato legato a molte altre donne tra cui la modella indiana Riya Sen.

Secondo quanto riferito, il principe Carlo si è anche rifiutato di sostenere l’autore durante la sua fatwa perché pensava che il libro fosse offensivo per i musulmani.

In un articolo per la rivista Vanity Fair, Martin Amis ha affermato che le opinioni del principe hanno causato una lite a una cena dopo che Rushdie è stato condannato a morte da religiosi islamici nel 1989.

Amis afferma che Charles gli disse che non avrebbe offerto supporto “se qualcuno insultasse le convinzioni più profonde di qualcun altro”.

Amis si è lamentato con lui, ma tutto ciò che Charles ha fatto è stato “prenderlo a bordo”, anche se Rushdie è cittadino britannico-indiano.

Il collega autore Stephen King ha anche rifiutato di lasciare che i negozi in America vendessero i suoi libri se si fossero rifiutati di portare The Satanic Verses.

Rushdie ha già parlato alla Chautauqua Institution, che ha sede a circa 55 miglia a sud-ovest di Buffalo, in un angolo rurale di New York.

È noto per le sue serie di conferenze estive.

La polizia dello Stato di New York ha dichiarato in una dichiarazione: “Il 12 agosto 2022, verso le 11:00, un sospetto maschio è salito sul palco e ha aggredito Rushdie e un intervistatore.

Rushdie ha subito un’apparente ferita da taglio al collo ed è stato trasportato in elicottero in un ospedale della zona.

«Le sue condizioni non sono ancora note. L’intervistatore ha riportato un lieve trauma cranico.

‘Un agente di stato assegnato all’evento ha immediatamente preso in custodia il sospetto. L’ufficio dello sceriffo della contea di Chautauqua ha assistito sulla scena.’

Come Salman Rushdie ha vissuto all’ombra di una fatwa per 30 anni: l’autore britannico si è nascosto quando il leader spirituale iraniano ha ordinato che fosse ucciso per “blasfemo” The Satanic Verses ma viveva una “vita normale” a New York prima di essere accoltellato

DI JACK WRIGHT

Fu costretto a nascondersi per la prima volta più di 30 anni fa dalla dittatura teocratica iraniana dopo che il regime definì The Satanic Verses un’opera di blasfemia.

Da case sicure in continua evoluzione, guardie armate costanti e una nuova identità, a trovare finalmente una nuova casa negli Stati Uniti, l’autore britannico Salman Rushdie è stato ora pugnalato al collo sul palco di New York, il presunto cuore pulsante della libertà di parola e cultura.

L’ayatollah Ruhollah Khomeini, allora Leader supremo della repubblica islamica, emise una fatwa – o sentenza religiosa – invitando tutti i musulmani ad uccidere il celebre autore ateo e chiunque fosse coinvolto nella pubblicazione dei Versetti satanici il 14 febbraio 1989.

Rushdie, che ora ha 75 anni, è stato costretto a vivere sotto la lunga ombra della fatwa fino a quando non è stata finalmente revocata dal regime intransigente iraniano nel 1998.

Ma per nove anni lo scrittore è stato costantemente tra i rifugi ed è stato protetto da guardie armate 24 ore su 24. Ha persino adottato uno pseudonimo, Joseph Anton, una combinazione dei nomi di due dei suoi scrittori preferiti, Conrad e Cechov.

La fatwa ha anche portato all’omicidio del traduttore giapponese del libro Hitoshi Igarashi, alla presa di mira dei suoi traduttori ed editori in Turchia, Norvegia e Italia, e a rivolte e roghi di libri in tutto il mondo, mentre lo stesso The Satanic Verses è stato bandito in molti paesi.

Parlando della controversia con il Mail, Sir Salman ha detto: “Essere sotto la fatwa era una prigione, ma penso che uno dei problemi sia che dall’esterno sembrava affascinante, dato che a volte mi presentavo in posti a Jags con persone che saltavano fuori per aprire la porta e assicurarti di entrare in sicurezza e così via. Guarda chi diavolo si crede di essere? Beh, da parte mia sembrava una galera.

«C’era questa cruda argomentazione secondo cui l’ho fatto in qualche modo per vantaggio personale, per farmi più famoso o per fare soldi. Nella sua forma più spiacevole, mi è stato additato da parte islamica che gli ebrei me lo hanno fatto fare. Dissero che la mia [seconda] moglie era ebrea. Non lo era, era americana.

“Se avessi semplicemente voluto barattare un insulto all’Islam, avrei potuto farlo in una frase piuttosto che scrivere un romanzo di 250.000 parole, un’opera di finzione”.

“Quello che devi ricordare è che The Satanic Verses non si chiama Islam il Profeta, non si chiama Maometto, il paese non si chiama Arabia – accade tutto nel sogno di qualcuno che sta perdendo la testa”.

Ciò che lo sciocca ancora è che nessun musulmano radicale in Gran Bretagna che ha appoggiato l’appello per il suo assassinio è mai stato perseguito.

“Ci sono state queste occasioni, come a Manchester, in cui i leader musulmani hanno detto alla loro congregazione: ‘Dimmi chi in questo pubblico sarebbe pronto ad uccidere Rushdie?’ e tutti tra il pubblico hanno alzato la mano. E la polizia ha pensato che fosse OK.’

Dice: “Supponendo che io fossi la regina e un imam dicesse alla sua congregazione: ‘Chi sarebbe pronto ad uccidere la regina?’ e tutti alzarono la mano. Pensi che la polizia non agisca?

“Uso la regina solo come esempio per drammatizzare questo, ma sembra strano che quando si tratta di un romanziere di origine straniera, quindi non completamente britannico in qualche modo, sia stato permesso che avvenisse impunemente”.

Rushdie ricorda la separazione dalla moglie Marianne come un momento particolarmente traumatico. Ha affermato che la CIA era a conoscenza di dove si trovasse Rushdie e quindi la sua copertura è saltata. Quando si è reso conto che stava mentendo, ha deciso di porre fine alla relazione.

‘E’ stato molto scioccante. C’è stato semplicemente un punto in cui ho dovuto scegliere se stare da solo in mezzo a questo uragano senza nessuno per compagnia o se in qualche modo dovevo sopportare questa persona in cui era difficile avere fiducia.

«È stato orribile sentirsi dire da un poliziotto che credevano che tua moglie ti stesse mentendo. È un’esperienza che la maggior parte di noi non ha. E poi per lei dire che era la polizia da incolpare e che non dovevo fidarmi di loro crea una specie di mentef*** e dovevo esprimere i miei giudizi.

«Divenne impossibile per me avere fiducia nella sua veridicità. Quindi alla fine ho pensato che fosse meglio separarsi.’

In un’intervista di tre anni fa, disse: ‘L’Islam non era una cosa. Nessuno pensava in quel modo. Una delle cose che è successa è che le persone in Occidente sono più informate di prima’.

Ha aggiunto mesto: “Avevo 41 anni allora, ora ne ho 71. Adesso le cose vanno bene. Viviamo in un mondo in cui l’argomento cambia molto velocemente. E questo è un argomento molto vecchio. Ora ci sono molte altre cose di cui aver paura e altre persone da uccidere”

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti