Le Cronache Lucane

L’AUTOVELOX DI GUARENTE

Tacco&Spillo

Se qualche buontempone avesse messo per serafica vendetta l’autovelox dietro l’angolo stretto del Municipio con cui lo spericolato velocista Mario Guarente, facendo sollazzare tutta Italia, ha revocato e poi ripristinato la fiducia ai suoi assessori, gli avrebbe di certo fatto beccare la multa che ora invece vuole appioppare ai poveri potentini per coprire il deficit comunale su cui ha perfino dormito lunghi sonni colpevoli. Ora lasciamo stare la dignità politica del trio Fazzari-Napoli-Rotunno che dopo essere stati bersagliati dalla dialettica colorita di Guarente hanno riaccettato la nomina, pur di mettere in saccoccia l’agognata poltroncina assessorile, ma un leghista assettato come un vampiretto d’irpef, tasse di soggiorno ed autovelox non s’era mai visto e pare quasi una mutazione genetica dell’iconografia antitassazione di Salvini su cui, proprio in vista delle elezioni, farebbero bene i potentini a ricordarsene, almeno per ricambiare tanto acceso affetto con la legge giusta e bella del contrappasso politico. Perciò onore e merito a chi come Carmine Lombardi, segretario cittadino del Pd, tiene botta ricordando che prima di chiedere soldi bisogna dare servizi, efficienza oltre naturalmente il buon esempio di non aumentarsi lo stipendio. Canta Lacray: “Tu che sorridi agli autovelox!”.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti