Le Cronache Lucane

AQL, INAUGURATO NUOVO IMPIANTO FOTOVOLTAICO

Un Piano di efficientamento energetico della società, che darà un’anima green all’impianto di depurazione di Potenza

In un periodo contrassegnato da una incertezza economica e geopolitica, i costi energetici stanno subendo un notevole incremento a cui Acquedotto Lucano sta cercando di ovviare attuando delle linee di azione contenute nel proprio Piano energetico il cui obiettivo primario è quello di incentivare una significativa riduzione dei consumi nonché dei costi energetici. Ed è proprio in virtù di questa linea che si inserisce l’azione di installazione di impianti a fonti rinnovabili in autoproduzione come quello inaugurato presso la struttura di potabilizzazione di sollevamento idrico di Masseria Romaniello a Potenza.

Questi i numeri dell’intervento: sono stati installati 2614 moduli fotovoltaici da 315 Wp per complessivi 823,41 kWp, di cui 2141 moduli dedicati alla riduzione della spesa energetica dell’impianto di sollevamento per 674,42 kWp e 473 moduli dedicati alla riduzione dei costi dell’impianto di potabilizzazione per 148,99 kWp installati con una superficie complessiva dei pannelli di 4252 mq.
L’intervento rientra tra le attività di efficientamento energetico della società e conferirà un’anima green all’impianto di depurazione a servizio della città di Potenza che rientra in un programma ben più ampio di realizzazione di n. 14 impianti fotovoltaici in autoproduzione presso i siti energivori della Società.
La realizzazione dell’impianto consentirà di ridurre i costi necessari per la distribuzione dell’acqua, nonché per il trattamento delle acque reflue, che rappresentano una delle principali voci di costo di bilancio regionale. Oltre al risparmio sui costi energetici che si traduce in un concreto e effettivo risparmio per gli utenti in bolletta, la realizzazione dell’impianto di potabilizzazione del Camastra si inserisce nell’ambito degli obiettivi di sostenibilità ambientale di Acquedotto Lucano con una tecnologia a servizio non solo dell’utente ma anche e soprattutto dell’ambiente.
Una realizzazione che è stata resa possibile anche grazie alla collaborazione con l’Egrib e la Regione Basilicata, una sinergia che concretizza di fatto una serie di progetti innovativi e sostenibili a vantaggio dell’intera comunità lucana.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti