Le Cronache Lucane

TABACCI VA CON L’EX GRILLINO DI MAIO E LA BASILICATA GLI VOLTA LE SPALLE

Da Centro Democratico a “Laboratorio politico”: ad ufficializzare la fuga in massa, l’ex dirigente Molinari

I vertici regionali di Centro Democratico e quelli provinciali, «gli amici ed i simpatizzanti che negli anni hanno condiviso battaglie comuni ed elezioni sotto il simbolo di Cd», hanno di fatto firmato un documento col quale prendono le distanze dall’accordo nazionale che Bruno Tabacci ha siglato con Luigi Di Maio, per la nascita del nuovo partito Impegno Civico. A darne notizia, l’ex dirigente regionale del partito, l’avvocato Massimo Maria Molinari. Anche Luigi Scaglione ha lasciato Centro Democratico, ma già da tempo lui e altri dirigenti non avevano, in segno di dissenso, rinnovato la tessera. «Dopo la transizione con +Europa – ha spiegato Molinari -, interrotta unilateralmente e per la quale ci eravamo ritrovati al Congresso di Milano seguendo le indicazioni del Segretario, la nostra scelta avviene in piena intesa e condivisione delle scelte dell’amico onorevole Angelo Sanza, che ringraziamo per la sua capacità di ascolto costante continua, registrato anche il silenzio nelle attività politiche degli ultimi tempi, e questa irriconoscibile alleanza identitaria per la quale altri autorevoli esponenti, dalla Campania, alla Sardegna, dalla Puglia, alla Sicilia, hanno dichiarato il loro “imbarazzo”». «Auguriamo buona fortuna e buon cammino – ha concluso l’ex dirigente di Centro Democratico, l’avvocato Massimo Maria Molinari -, mettendoci a disposizione del lavoro che il “Laboratorio Politico di Basilicata” ha avviato da tempo nella piena condivisione dei programmi e delle azioni che il Centrosinistra, aperto e dialogante, vorrà  esplicitare verso le prossime consultazioni elettorali nazionali, provinciali, comunali e regionalià».

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti