Le Cronache Lucane

È LA STAMPA BELLEZZA!

Tacco&Spillo

C’è da dire che al di là dello storytelling delle “magnifiche sorti” che mette sù la retorica paludata, in Basilicata non tira certo aria buona, almeno stando alle avvisaglie previsionali della SVIMEZ e dei 700 posti a rischio di Stellantis, a cui naturalmente s’aggiunge per bandiera italiana l’inflazione galoppante, il ritardo dei pagamenti alle imprese, la crescita dei prezzi energetici e l’aumento dei tassi d’interesse, solo per stare in un breve ma già apocalittico elenco. Eppure, nonostante la Fondazione Gazzetta Amministrativa ci avvisi che la Regione nel 2020 ha speso la cifra irrisoria di 13.096,20 euro per l’acquisto di giornali, la comunità giornalistica di Cronache per mano omerica del suo editore Giuseppe Postiglione ha pensato bene d’andare controcorrente, sfidare brutto tempo e recessione ed allargare il campo d’opportunità lavorative investendo ulteriormente in bravura ed esperienza proprio quando, purtroppo, altre testate fanno tilt. Di Paride Leporace, ultimo arrivato, eviteremo parole al miele, almeno per pudore e per il segno dichiarato d’amicizia e di scrittura che pur ci lega in avventure e patronimie, ma la sua cartografia di meriti e d’idee è tutta lì per essere ammirata e condivisa nel mestiere più bello e dannato che ci sia. Tuona Humphrey Bogart nel film L’ultima minaccia: “È la stampa bellezza. La stampa! E tu non ci puoi fare niente”.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti