Le Cronache Lucane

“LA GRANDE MADRE”, STORIA DI CASTELMEZZANO

Lo spettacolo polimediale notturno nato da un’idea del sindaco Valluzzi che racconta 1000 anni di storia del borgo

“La Grande Madre” – So’ mill’ann” è il nuovo spettacolo polimediale notturno che racconta mille anni di storia di Castelmezzano, in una suggestiva rappresentazione di luci, suoni e immagini proiettate sulle rocce del Fortilizio Normanno del Comune incastonato tra le Dolomiti Lucane.
Un progetto del Comune di Castelmezzano finanziato dal Programma Operativo Val D’Agri della Regione Basilicata, puntato sulla valorizzazione della bellezza ancestrale di un luogo unico, in cui la roccia prende forma, racconta, si unisce alle suggestioni dei ricordi per consegnare allo spettatore una sensazione di esclusiva meraviglia a cielo aperto infondendo un profondo senso di equilibrio tra natura e cultura, tra storia e leggenda che coinvolge lo spettatore, regalando 26 minuti di stupore, fede, fatica, gioia, umanità, coraggio, orgoglio.

Lo spettacolo è frutto di un lungo e delicato restyling di un’opera realizzata per la prima volta nel 2015, prodotta da progettisti culturali lucani, in collaborazione con uno dei più promettenti artisti visivi italiani, e racconta mille anni di storia di Castelmezzano, tra narrazione e sviluppo digitale su un testo evocativo come quello scritto da Mimmo Sammartino, raccontato dalla voce profonda di Dino Becagli, intrecciato alle nuove possibilità che la tecnologia e i principi della matematica applicati al light design ad oggi possono offrire.
Tre le proiezioni (21:00-21:45-22:30), tutte le sere fino al 31 Agosto 2022, di uno spettacolo pensato per essere fruito in maniera esclusiva e gratuita da massimo 36 spettatori per proiezione, con obbligo di prenotazione online.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti