Le Cronache Lucane

SUPPLEMENTO DI VITAMINA “D” e FRATTURE INCIDENTI NELLA MEZZA ETÀ E NEGLI ANZIANI

Gli integratori di vitamina D sono ampiamente raccomandati per la salute delle ossa nella popolazione generale, ma i dati sulla prevenzione delle fratture sono stati incoerenti

Professore ROBERTO BURIONI :

La vitamina D deve essere presente nella dieta, ma assumerla come integratore non offre alcuna protezione dalle fratture nell’anziano, come dimostrato da uno studio molto ampio appena pubblicato su @NEJM

 

Supplemental Vitamin D and Incident Fractures in Midlife and Older Adults

List of authors.

  • Meryl S. LeBoff, M.D.,
  • Sharon H. Chou, M.D.,
  • Kristin A. Ratliff, B.A.,
  • Nancy R. Cook, Sc.D.,

BACKGROUND

Vitamin D supplements are widely recommended for bone health in the general population, but data on whether they prevent fractures have been inconsistent.

METHODS

In an ancillary study of the Vitamin D and Omega-3 Trial (VITAL), we tested whether supplemental vitamin D3 would result in a lower risk of fractures than placebo. VITAL was a two-by-two factorial, randomized, controlled trial that investigated whether supplemental vitamin D3 (2000 IU per day), n−3 fatty acids (1 g per day), or both would prevent cancer and cardiovascular disease in men 50 years of age or older and women 55 years of age or older in the United States. Participants were not recruited on the basis of vitamin D deficiency, low bone mass, or osteoporosis. Incident fractures were reported by participants on annual questionnaires and adjudicated by centralized medical-record review. The primary end points were incident total, nonvertebral, and hip fractures. Proportional-hazards models were used to estimate the treatment effect in intention-to-treat analyses.

RESULTS

Among 25,871 participants (50.6% women [13,085 of 25,871] and 20.2% Black [5106 of 25,304]), we confirmed 1991 incident fractures in 1551 participants over a median follow-up of 5.3 years. Supplemental vitamin D3, as compared with placebo, did not have a significant effect on total fractures (which occurred in 769 of 12,927 participants in the vitamin D group and in 782 of 12,944 participants in the placebo group; hazard ratio, 0.98; 95% confidence interval [CI], 0.89 to 1.08; P=0.70), nonvertebral fractures (hazard ratio, 0.97; 95% CI, 0.87 to 1.07; P=0.50), or hip fractures (hazard ratio, 1.01; 95% CI, 0.70 to 1.47; P=0.96). There was no modification of the treatment effect according to baseline characteristics, including age, sex, race or ethnic group, body-mass index, or serum 25-hydroxyvitamin D levels. There were no substantial between-group differences in adverse events as assessed in the parent trial.

CONCLUSIONS

Vitamin D3 supplementation did not result in a significantly lower risk of fractures than placebo among generally healthy midlife and older adults who were not selected for vitamin D deficiency, low bone mass, or osteoporosis. (Funded by the National Institute of Arthritis and Musculoskeletal and Skin Diseases; VITAL ClinicalTrials.gov number, NCT01704859. opens in new tab.)

TRADUZIONE DI CORTESIA 

SUPPLEMENTO DI VITAMINA “D” e FRATTURE INCIDENTI NELLA MEZZA ETÀ E NEGLI ANZIANI 

Gli integratori di vitamina D sono ampiamente raccomandati per la salute delle ossa nella popolazione generale, ma i dati sulla prevenzione delle fratture sono stati incoerenti.

In uno studio ausiliario dello studio Vitamin D and Omega-3 Trial (VITAL), abbiamo testato se la vitamina D3 supplementare comporterebbe un rischio di fratture inferiore rispetto al placebo.

VITAL era uno studio fattoriale, randomizzato e controllato due per due che ha studiato se la vitamina D3 supplementare (2000 UI al giorno), gli acidi grassi n-3 (1 g al giorno) o entrambi prevenissero il cancro e le malattie cardiovascolari negli uomini 50 anni di età o più e donne di età pari o superiore a 55 anni negli Stati Uniti.
I partecipanti non sono stati reclutati sulla base di carenza di vitamina D, massa ossea ridotta o osteoporosi.

Fratture incidenti sono state segnalate dai partecipanti su questionari annuali e giudicate da una revisione centralizzata delle cartelle cliniche.

Gli end point primari erano le fratture incidenti totali, non vertebrali e dell’anca.

I modelli di rischio proporzionale sono stati utilizzati per stimare l’effetto del trattamento nelle analisi dell’intenzione di trattare.

RISULTATI

Tra 25.871 partecipanti (50,6% donne [13.085 su 25.871] e 20,2% neri [5106 su 25.304]), abbiamo confermato le fratture incidenti del 1991 in 1551 partecipanti su un follow-up mediano di 5,3 anni.

La vitamina D3 supplementare, rispetto al placebo, non ha avuto un effetto significativo sulle fratture totali (che si sono verificate in 769 partecipanti su 12.927 nel gruppo vitamina D e in 782 partecipanti su 12.944 nel gruppo placebo; hazard ratio, 0,98; 95% di confidenza intervallo [CI], da 0,89 a 1,08; P=0,70), fratture non vertebrali (hazard ratio, 0,97; IC 95%, da 0,87 a 1,07; P=0,50) o fratture dell’anca (hazard ratio, 1,01; IC 95%, da 0,70 a 1,47; P=0,96).

Non vi è stata alcuna modifica dell’effetto del trattamento in base alle caratteristiche di base, inclusi età, sesso, razza o gruppo etnico, indice di massa corporea o livelli sierici di 25-idrossivitamina D.
Non ci sono state differenze sostanziali tra i gruppi negli eventi avversi valutati nello studio dei genitori.

#ègiustoinformare 

CONCLUSIONI

L’integrazione di vitamina D3 non ha comportato un rischio di fratture significativamente inferiore rispetto al placebo tra gli adulti di mezza età generalmente sani e gli anziani che non sono stati selezionati per carenza di vitamina D, massa ossea ridotta o osteoporosi. (Finanziato dal National Institute of Arthritis and Musculoskeletal and Skin Diseases; numero VITAL ClinicalTrials.gov, NCT01704859. si apre in una nuova scheda.)

#sapevatelo2022 

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti