Le Cronache Lucane

IL MOMENTO NO DI TORTORELLI

Tacco&Spillo

Per chi volesse farsi un’idea sullo stato di salute del sindacato sotto la gerontocrazia spocchiosa e gaffettara di Vito Bardi basterà sfogliare la relazione bonsai che Vincenzo Tortorelli ha destinato alla platea della Uil ed in cui la mancanza di coraggio e l’incapacità di critica l’hanno fatta da padrone. Ora lasciamo stare l’insulso slogan berlusconiano “è questo il momento” che s’è inventato per il suo congresso e perfino la curvatura egocentrica della sua personalità che non hanno di certo facilitato la sua presa di coscienza sulla Basilicata, sempre più inginocchiata alle bravate napoletane e sempre meno competitiva, efficiente, inclusiva, ma tirare fuori dalla zucca sindacale solo mezza riga di rimbrotto a Bardi ci fa capire su che cuscini voglia accomodarsi Tortorelli per far morire l’onore dei lucani e del sindacato. Eppure col piglio insuperato del suo predecessore invece che col lessico della camomilla avrebbe dovuto parlare delle continue beghe politiche che fanno vergognare la Basilicata in tutt’Italia come delle leggi di bilancio impugnate, delle nomine da strapuntino elettorale come della concertazione resa chiacchiera, sfumatura, perfino mail. Ha scritto Marguerite Yourcenar: “C’è un momento in cui ogni scelta diventa irreversibile”.

 

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti