Le Cronache Lucane

MATERA, STALLI BLU CON I “CHIP TOLLERANTI”

I nuovi parcheggi a pagamento sono dotati di un rilevatore di posizione per controllare la durata della sosta

Proseguono a Matera i lavori per il rifacimento e la nuova delimitazione degli stalli che contrassegnano i parcheggi a pagamento.
La segnaletica orizzontale blu, infatti dopo che una nuova ditta si è aggiudicata l’appalto per la gestione a Matera dei parcheggi viene rimodernata, marcando le linee blu, rendendole più spesse e soprattutto contrassegnando ciascuno stallo con un numero che viene impresso con uno spray bianco fosforescente per renderlo visibile anche durante le ore notturne.
Va anche detto che di recente sono insorte delle criticità seguite da un intenso contraddittorio politico tra maggioranza e opposizione a riguardo proprio dell’aumento del numero degli stalli a pagamento che sta costringendo gli esercenti che svolgono attività commerciale in centro e ancor più i cittadini che vivono nelle zone centrali, a pagare anch’essi il ticket di posteggio.
Ma il motivo per cui Cronache TV ha deciso di fare un sopralluogo e monitorare la situazione dei lavori per i nuovi stalli, deriva da una perplessità da cui sono stati presi diversi cittadini i quali si sono soffermati ad osservare uno strano oggetto blu dalla forma circolare che viene posizionato proprio al centro di ciascuno stallo di sosta.
E così incuriositi siamo andati a controllare da vicino e abbiamo visto in effetti che si tratta proprio di un dischetto circolare in plastica e materiale rigido, certo ci ha particolarmente rassicurato il fatto che esso sia fabbricato in Italia e che sia realizzato con materiali rimovibili, ma al di là di questo non siamo riusciti a chiarire il mistero.
E allora muovendoci sulle tracce proprio di questi dischetti siamo stati fortunati nel trovare l’addetto alla istallazione che li stava posizionando e abbiamo così potuto vedere da vicino questi dischetti circolari i quali come ci spiega l’operatore servono proprio a rivelare la presenza della macchina sullo stallo e indicare il momento in cui la macchina lascia il parcheggio. Vengono fissati sull’asfalto con del silicone e dopo aver esercitato una certa pressione
Abbiamo scoperto dunque che si tratta di rilevatori di posizione spazio temporale, beh detto così potrebbe sembrare un oggetto della fantascienza, ma in realtà si tratta di un sensore che contiene all’interno un microchip il quale segnala il momento di arrivo e il momento di uscita dallo stallo del veicolo
Senz’altro la tecnologia è sempre dalla parte dei cittadini anche quando questi non sono italiani e quindi hanno una particolare difficoltà nel comprendere le nostre indicazioni, ma un primo dubbio che subito è sorto anche nei cittadini materani è che cosa capiti a chi dopo aver posteggiato e dopo aver fatto il ticket, se al ritorno fa qualche minuto di ritardo.
Ebbene, fino ad ora gli ausiliari della sosta materani sono stati tolleranti sul ritardo degli autisti nel lasciare lo stallo, ma adesso cosa accadrà con il nuovo congegno elettronico?
L’abbiamo chiesto ad uno storico ausiliare della sosta il quale ci ha spiegato che per il momento possiamo stare tranquilli e rassicurare tutti, perché -Fintanto che tutto il nuovo sistema di parcheggio non verrà definitivamente installato e collaudato, restano in vigore le vecchie regole e quindi per ora nessun timore per ora se si fa qualche minuto di ritardo, l’importante è aver pagato lo scontrino!-

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti