Le Cronache Lucane

LA REGIONE IMPUGNATA ED IL BOOMERANG IN FACCIA

Tacco&Spillo

A giudicare dalla frequenza delle impugnative del Consiglio dei Ministri che si sono abbattute contro i pastrocchi legislativi della Regione, peraltro con una potenza di fuoco mai vista e non senza toni ironici e sbeffeggiatori per il numero degli svarioni commessi, viene da malignare che serva a giustificare il ricorso alle spese per consulenze ed incarichi professionali, arrivate in Basilicata, almeno secondo la Gazzetta Amministrativa, alla cifra monstre di 624.649,37 euro, ben 113 volte più delle Marche, tanto per dare un’idea della parsimonia istituzionale praticata. Ora lasciamo stare che la LR 30/2021, stracciata dalla sentenza 121/2022 della Corte Costituzionale, porti la firma pure di Gianni Rosa, defenestrato dal governatore per motivi simili ai segreti di Fatima e adesso più che mai appassionato giardiniere della peonia, ma non s’era per caso celebrata l’istituzione di un ufficio legislativo con fiduciario napoletano a 150 mila euro per evitare d’inciampare sulla legge? Tutto questo per dire che la cantilena oltraggiosa di Bardi contro i mali del passato può essere anche facile, ma poi a ritornare in faccia a chi lo lancia è proprio il boomerang delle figuracce. Avverte un proverbio: “Mai, mai affilare il tuo boomerang”.  

 

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti