Le Cronache Lucane

«MAGARI SI VOTASSE DOMANI»

Da Cifarelli l’affronto a Bardi: «Se il centrodestra non è capace di governare si faccia da parte»

L’IINTERVISTA: Lo stallo in Regione e le beghe interne alla maggioranza spiegate dal capogruppo del Pd «Magari si votasse domani»


POTENZA. Uscire dallo stallo amministrativo e dare risposte concrete, soprattutto vista la situazione economica e scolai in cui versa non solo la Basilicata ma l’intero Paese, ai cittadini. Il capogruppo del Partito democratico in Regione Basilicata, Roberto Cifarelli va dritto come un treno sulla crisi politica che continua a investire la maggioranza di centrodestra.

Passati dal Bardi bis al Bardi ter, in nemmeno una settimana, per l’esponente dem non si è giunti comunque a una soluzione stabile capace di far traghettare l’attuale legislatura alla fine naturale del proprio mandato. Anzi. Rivestendo un ruolo di oppositore critico ma anche giusto, Cifarelli dalle colonne di Cronache Lucane analizza i punti dell’attuale fase politica che la Regione sta vivendo.

Consigliere Cifarelli, la Regione Basilicata in che situazione si trova?

«Mi sembra che sia una situazione indecente. Intanto non c’è un calendario dei lavori del Consiglio : quindi non c’è nessuna seduta programmata, le Commissioni non si riuniscono per l’approvazione del bilancio e il 30 Aprile incombe paurosamente dietro la porta per cui passeremo dall’esercizio provvisorio alla gestione provvisoria. Mi sembra quindi che ci sia grande confusione sotto il tetto della Regione Basilicata».

La crisi nella maggioranza, dopo il rimpasto di Giunta, si è spostata sull’elezione del Presidente del Consiglio. In questo momento il centrodestra pare sia impantanato nel decidere se riconfermare Cicala o trovare un successore… «È evidente che la Regione è immobilizzata da mesi intorno alle beghe interne alla maggioranza e al riposizionamento dei singoli che devono accaparrarsi anche l’ultima poltroncina possibile della Regione Basilicata, tanto che non si muove niente dal punto di vista programmatico.

Una crisi che si è aperta, lo ricordiamo, sui programmi ma che di programmi non ha mai trattato non ha mai parlato, quindi l’ultima cosa che interessa ai lucani in questo momento è capire e sapere chi farà il presidente del Consiglio.

I lucani vogliono sapere come ci si comporta di fronte a un caro bollette, come si affrontano i problemi legati alla ennesima crisi che si sta avvicinando anche a causa della guerra russo-ucraina.

Per cui non dico che siamo in recessione, ma sicuramente c’è uno stop rispetto a quella ripresa che pure si era avviata il 2021 e c’è il pericolo che lo stop nella ripresa significa perdita di posti di lavoro. Queste sono le cose che interessano la gente, per il resto sono cose che attengono al Palazzo e al teatrino della politica nel quale Bardi ci ha infialati da mesi a questa parte ormai insieme al centrodestra».

Come opposizione siete stati molto duri. Addirittura proponendo una mozione di sfiducia contro Bardi…

«Con i nostri comportamenti abbiamo fatto sì che la maggioranza trovasse una quadra prima sul Bardi bis e poi sul Bardi ter anche attraverso la mozione di sfiducia.

Perché sappiamo che quelli sono atti molto forti da parte delle opposizioni che servono proprio a scuotere la maggioranza. Noi siamo rispettosi del risultato elettorale cioè il centrodestra che ha vinto le elezioni e il centrosinistra è all’opposizione, ma il centrodestra deve governare e se non è capace si deve fare da parte.

E credo che ormai dopo tre anni i lucani abbiano capito che, insomma, il centrodestra non è all’altezza del compito. Deve assumerne consapevolezza Bardi, questa è la verità».

Consigliere Cifarelli, sentendo le sue parole mi viene spontaneo chiederle: il centrosinistra si sta già organizzando per le prossime elezioni?

«Il problema non è questo.

Nel senso che noi siamo sempre pronti, si stabilisca una data per l’elezione e noi ci faremo trovare davanti al popolo con un’offerta politica che sarà adeguata alla situazione. Non ci preoccupano e non ci spaventano le elezioni, anzi magari arrivassero già domani mattina! »


 

Maria Fedota

3492345480

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti