Le Cronache Lucane

DE FILIPPO PORTA ALLA CAMERA IL TEMA DEGLI UNGULATI, TRA DANNI E PESTE SUINA AFRICANA

Il deputato dem chiede un intervento a quello che definisce «un flagello per l’agricoltura» ricorrendo anche all’uso dell’Esercito


POTENZA. Il Deputato lucano del Partito Democratico Vito De Filippo, porta sul tavol o d ei lav ori al la Camer a, u n lun go in tervent o s ulla conversio ne del Decre to che ri gua rda l’emer – genz a “ Peste su ina A frican a” , puntand o anche i rifletto ri e r ic hiamando l ’attenzione del Go – verno s ul genera le prob le ma dell a pr esen za di cinghiali nell’in tero terr it orio na zi onale. «È il m omento giusto pe r fare qu al cosa di se – rio. Se non ora, qua ndo? Il r isch io è naziona le con l ’in combe nte problema sanita rio . Un f la – g el lo pe r l’agri coltur a, l’ Italia i ntera si mobi li – ti», sono le parole a latere dell’intervento. Il discorso, in Aula alla C am era, nella d iscu ssione g enerale di Co nver s ione in legge del de cretoleg ge 17 febbraio 2022, n. 9, re ca nte “misure u rge nti pe r arr est ar e la di ffusione dell a pe s te suina afric ana (PS A) ” l’emergenz a che m et te a rischi o il s ettore suini colo, «problema che dev e esse re a ffron ta to i mm ediatamen te » sp rona il dem l ucano. « È stata questa a nche l’o cc asio ne per chied ere al Governo di inter venire in mani era seri a e risoluta sul tema dei cinghiali. Il fenomeno è solle vat o ogn i g io rno d a lle o rganiz zazi oni pro – f essi onali agrico le . Qu est a eme rge nza sanitaria sulla pest e s uina può esser e l’occ asio ne pe r affr ontare il prob le ma nella sua totalità» comme nta il De putato lu ca no. La Peste sui na africa na (PS A ) è un a malattia v irale che c olpisce su ini e cinghiali, altament e contagiosa e spess o let a le pe r gli anima li, non è, i nv ece, t ra – smi ssibi le agl i e sseri u ma ni, eppur e l e ep idemie h an no pesa nt i ripercussi oni e con om iche nei P aes i c olp iti. Nel 20 14 l’ esplosi one d ella PSA i n al cun i Paesi dell’E st de ll ’U nio ne Europe a. Dal 2 020 l’Italia, in c onsiderazion e dell’epidemia euro pea e in base a quanto previsto nell’ am bito della strateg ia comunitari a di preven zi one e controllo d el la malatt ia , ha e la borato un pian o di Sorv egli anza nazionale, pres entato an nualmente a ll a Commiss ion e Eu rope a per l’ ap prov azio ne e il co finan ziame nt o. Inoltre con l’attiv ità di scav o e gruf olament o, quest i su idi pro voca no anch e danni indiret ti a lle co ltur e, ch e pu rt rop po si v er if ica no lungo tutto l’arco temporale dell’anno. I cinghiali predil ig ono te rr en i a ppena a ra ti o i rrigat i, r ov ina ndo così le semine e le pian ta gion i. A ll a ric er ca di p icc ole p re de e radic i, d an ne ggia no opere co me mur ett i a secco m a a nc he il solo passa ggio, so prat tu tto q ua ndo si spo s tano in grossi branch i, bast a a provocare con il c al pestio l’allet ta men to di cereali e pr ati. O lt re a c iò l a l oro p re s en za orma i a nc he d iu rna , sempr e pi ù invade nte nel le c oltiv az ioni, pre occupa la prop ria e al trui incolumità di chi o pera in campagna . Su queste basi si è s nocciolato il discorso di De Fili ppo a lla Camera: «È fatt o not ori o che s ul no s tr o terr itor io c’ è un ‘e cce s s iv a pr esenza di c ingh ia li selvatici e n on c i sono ormai pi ù numeri di contenimento. Si parla di milioni di capi che provoc ano danni all’agri coltur a e un num ero di i nc identi st ra dali assol utam ente r ilevante, co n il rischio co ncreto che po ssano produr re ulteri ori infezioni .N on vorr ei che se non a ffron ta s simo q uest’e merge nza attuale, t ra un a nno ci tr ovassi mo di nuovo , a dover a ffrontare al tri f ocolai.Quindi sollecito viva me nte, com e r ip etuto i n quest i anni, le o rganiz zaz io ni professi onali ag ricole, il Parla me nto, a mettere man o a qu esto comp li ca to prob le ma i n tutte le aree d el nost ro Paese». «Si p arla di milioni d i capi d i cinghiali che as – sedia no cit tà e ca m pa gn e, e c on q ue st e p roporzioni il fenomeno assume le dimen sioni di un flagell o – precisa an cora il de putato-. I rischi sa nita ri, com ‘è n oto , s ono i nco mbent i sull’ intero ter ritorio nazi onale. Di con tro i ristori per i dan ni sono mediament e m inimali e in a lc une circostanz e rid ic oli. Raccolti e str utture a gri – cole so no ampiament e de vast at e, e in tal senso ci so no d os sier e docum entazion i che l e orga – nizzaz ioni p rofession ali hanno raccolto in que – st i a nni . U na emergenza sanitaria che f ornis ce elementi affinch é il Gov erno po ssa agi re su ta – le questione, nella dif ficile dis cussi one che c’è st at a in questi ann i tra forme di di fesa e di tu – tela degli animali e devastazione che i cinghiali st ann o p roducendo al settore agricolo il nostro Paese. Credo che que s ta emer gen za s anit ar ia p ossa essere l’occ asion e p er aff ron tare c om – p le ssivamen te il tema. Il Governo ch e s i ado – p ererà per que sto problema e troverà u na solu – zio ne per riso lverl o, s ic urame nte sarà u n Go – v erno che v errà ricono sciuto dal mondo agri – colo del nostro Paese come responsabile, serio. C onsi glier ei ca ldam ente al Sotto segret ario di f arse ne carico, perché la di me ns ione sanita ria p ot re bbe dar s i c he sia p rop rio la pista g iu s ta p er a ffrontar e an che il p robl ema più gen erale d ei cin ghi al i a livello naziona le , più v olte a ff rontato c on modi fic he transitorie anche s ul tema dell a caccia, de ll ‘att ività venatoria, de i selettori, tutti strumenti che le regioni hanno messo in campo ma che sono risultati assolutamente insu ffi cie nte pe rc hé il nu mero d egli u ngula ti p resent i ne ll e campagn e itali ane e ne ll e cit tà , come or ma i la cronaca quoti diana ci raccon ta , è v er a men te i m pressio na nt e . C on q uest e ri – fles sioni – c onclude De F il ippo – d o il con tributo e il senso del lavoro che il Grup po del Parti to Democ ratico ha d at o nella Commi ssione , in c oerenz a co n qua nto si è ampiament e di battuto e di scusso su quest o Decreto». La s ituazio ne p er De Fili ppo è al qu anto chiarata tan to da de fin ire il proble ma «U n flagello per l ’ag ricoltura, l’I ta li a inter a si mo biliti per questo risc hio cinghiali» pr opone ndo che l’abbattiment o d ei « Milioni d i capi se rve l’esercito ».


 

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti