Le Cronache Lucane

CUPPONE-DI PIAZZA PER UN PUNTO SALVEZZA

Serie C, Fidelis Andria- Potenza: un pareggio giusto in un clima di forte tensione. Zenuni e Sandri top. Piana ancora flop


FIDELIS ANDRIA: (4-4-2): Saracco 6, Monterisi 6 (st.22’Ciotti 6) ,Riggio 6, Alcibiade 6, Carullo 6, Bonavolontà 6 (st.40’Ortisi sv), Risolo 6,5, Urso 5,5 (st.13’Sorrentino 6), Casoli 6, Bubas 4, Di Piazza 6,5 (st.40’ Messina sv).

A disposizione: Vandelli, Paparesta, Legittimo, Bolognese, Messina, De Marino, Ciotti, Nunzella, Gaeta, Ortisi, Sorrentino, Bortoletto

Allenatore Di Bari 6

POTENZA (4-4-2): Marcone 6, Piana 5,5, Gigli 6,5, Koblar 6 (st. 14’Sepe 6) , Zampano 6 (st. 39’Coccia sv), Bucolo 4 , Zenuni 6,5 (st.39’Cargnelutti sv) , Ricci
6 , Salvemini 6,5 (st.34’ Costa Ferreira 6), Cuppone 7, Burzio 6,5 (st.14’Sandri 6,5) .

A disposizione: Greco, Cargnelutti, Dkidak, Coccia, Sandri, Costa Ferreira, Sueva, Volpe, Zagaria, Matino, Guaita, Sepe.

Allenatore: Arleo 6

ARBITRO: Sig.. Ermanno Feliciani di Teramo

ASSISTENTI: Sigg. Massimo Salvalaglio di Legnano- Mattia Bartolomucci di Ciampino
Quarto uomo: Alberto Ruben Arena di Torre del Greco
MARCATORI: al 14’ Di Piazza; al 43’ Cuppone
RECUPERO: 2’pt, 3’ st.
NOTE: Ammoniti: (Pz), Salvemini, Piana (F.A) Buonavolontà, Di Piazza, Risolo.
Esplusioni: pt. 24’ Bucolo, Bubas
Angoli: 8 a 2 per il Potenza


POTENZA. Prima la “bestia nera” dei rosso-blù, quel Matteo Di Piazza andato sempre a segno contro il Potenza e poi uno straordinario Cuppone che in quattro gare ha fatto già cinque centri, chiudono in parità una gara non bella sotto l’aspetto tecnico, ma ben impostata tatticamente e molto sentita dal punto di vista agonistico. In palio c’erano i tre punti salvezza e le due compagini alla fine per non farsi male si sono accontentate del pareggio.

Tutto sommato giusto per le occasioni avute da entrambe le parti. Forse la Fidelis può recriminare una sola clamorosa occasione mancata a rete: il colpo di testa a porta sguarnita sempre di Matteo Di Piazza. Dicevamo di una gara sentita, dove il clima in campo era tesissimo con i due allenatori pronti a non scombussolare troppo le formazioni. Mr.

Di Bari rispetto alla gara esterna vista domenica scorsa contro il Catanzaro, inserisce Carullo come esterno di sinistro al posto di Legittimo e nella mediana inserisce Urso con Casoli e Buonavolontà nella tre quarti, in attacco Bubas a far da spalla alla “bestia nera “ del Potenza, quel Matteo Di Piazza che, al “Viviani quando indossava la casacca del Catania è andato sempre in rete. L’attaccante sostituisce Tulli uscito malconcio proprio dal “Ceravolo”.

Mr. Arleo invece, schiera Koblar sulla difensiva con Piana, Gigli e Zampano, Zenuni a centrocampo con Bucolo, Ricci e Burzio. Attacco con Salvemini e Cuppone. Fischio di inizio affidato a Ermanno Feliciani di Teramo. Si parte. I primi minuti sembrano essere tutti dalla parte della Fidelis che cerca in Urso il play per servire le palle al duo Di Piazza- Bubas. All’11 la prima vera occasione da parte dei rossoblù. Una veloce ripartenza su assist di Koblar per Salvemini trova la difesa locale impreparata e dalla distanza l’attaccante scalda le mani a Saracco.

Passano soli tre minuti ed un assit di Casoli per Di Piazza lasciato tutto solo da Piana a due passi da Marcone mette in rete. Al 24’ un contrasto di gioco tra Bucolo e Bubas finisce con i due avere una brutta reazione. Per il direttore di gara è rosso diretto. Entrambe le squadre restano in dieci uomini. Ma è il Potenza ad avere una buona reazione. Possesso palla nella zona di centrocampo e manovre soprattutto sulla corsia di destra verso Burzio. Per circa 10’ schiaccia letteralmente la formazione “federiciana”.

Al 36’ l’azione che potrebbe ristabilire il risultato. Piana lancia Burzio sulla fascia destra, tocco di testa di quest’ultimo per la volata di verso l’area andriese ma a tu per tu con Saracco gli scaraventa il pallone addosso. E’ il preludio della rete che porta al pareggio. Al 43’ su calcio di punzione dal limite di Zenuni, Cuppone ci mette la zampata giusta e manda la palla in rete.

La prima frazione di gioco termina in parità. La ripresa si apre con le identiche formazione del primo tempo. I primi minuti sono confusionari e con tantissime interruzioni di gioco. Al 58’ i primi cambi. Per la Fidelis entra Sorrentino per Ursi. Per il Potenza fuori Burzio che ha speso tantissimo e Koblar per Sepe e Sandri. Passa soltanto un minuto ed è proprio il neo entrato Sandri pronto a scaravantare dal limite dell’area un forte bolide che finisce di poco al lato la porta di Saracco. Al 22’ ancora un cambio nella fila dei bianco-azzurri. Fuori Monterisi per Ciotti. Un pari ruolo.

Ma è al 23’ che l’Andria sciupa una clamorosa occasione a rete. Gran palla di Casoli per la testa di Di Piazza che a porta sguarnita manda fuori. È un buon momento per la formazione pugliese. Al 79’ mr. Arleo richiama uno stanco Salvemini per il portoghese Costa Ferreira. Dopo 5’ ancora uno slot di cambi per entrambe le formazioni. Nel Potenza fuori Zampano e Zenuni per Coccia e Cargnelutti; nella Fidelis fuori Di Piazza e Buonavolontà per Ortisi e Messina. Non cambia molto perché i restanti minuti finali soltanto palle al “viva il parroco” e null’altro.


 

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti