AttualitàBasilicataBlog

TGR BASILICATA, CALENDA È OUT

L’ex portavoce del Gen. non smentisce coi suoi, nè conferma: ma non ha i requisiti


A DIFFERENZA DI LO POMO CHE HA CONQUISTATO IL POSTO SUL CAMPO, LUI DEVE SPERARE NELLA POLITICA MA PER ALTRO RUOLO


POTENZA. Ha creato un certo interesse, soprattutto negli ambienti politici e giornalisti, la notizia pubblicata da Cronache Lucane di un possibile ritorno in Basilicata di Massimo Calenda.

L’ex direttore dell’Ufficio stampa della Giunta regionale pare essere più che interessato al posto lasciato libero dal giornalista potentino Oreste Lo Pomo alla Tgr Rai di Basilicata. Se sulla nomina di Oreste Lo Pomo chiamato a dirigere la Tgr Campania, dopo anni nella redazione lucana, si sono sollevate parole di stima e affetto per un ruolo più che meritato non è stato lo stesso sull’ipotetico “scambio” che porterebbe a Potenza Massimo Calenda.

L’ipotesi di un “avvicendamento” tra Lo Pomo e Calenda sembra essere almeno sulla carta curriculare lontana, anzi impossibile. La nomina di Lo Pomo alla guida della Tgr Campania giunge certamente per meriti. Il giornalista potentino ha maturato l’anzianità di servizio necessaria per ottenere il meritato ruolo di capo redattore centrale in una importante redazione come quella campana, oltre che averla strameritata dopo il duro lavoro svolto in Basilicata. Lo Pomo, lo ricordiamo, è stato collaboratore fisso della Rai dal 1984, nel 1987, è stato assunto praticante guadagnandosi, la qualifica di inviato speciale nel 1991.

Nominato vice caporedattore nel 1996, ha lavorato, tra l’altro, con Sergio Zavoli realizzando reportage e servizi sulla criminalità organizzata di Puglia, Calabria, Campania, Sicilia. Insomma, basterebbe leggere il curriculum di Lo Pomo per comprendere che la sua non è una nomina piovuta dal cielo, o come qualcuno direbbe “spinta” da qualche politico, ma è certamente guadagnata sul campo.

Trovare un sostituto per il ruolo lasciato ora vacante da Lo Pomo nella redazione lucana non sarà cosa semplice. Infatti, anche per Calenda nonostante sia un giornalista Rai da anni la possibilità di ottenerlo è impossibile. Il giornalista napoletano non ha, almeno per ora, i requisiti per fare il capo redattore della Tgr lucana. Requisiti che invece hanno i colleghi rimasti alla redazione di Basilicata o altri capo o vicecapo redattori di altre sedi.

Ma a Calenda pare far piacere far credere che ci sia la possibilità di ritornare in Basilicata. Come pure in Campania sta facendo credere di poter mettere sotto tiro Lo Pomo.

Non a caso contattato da più di qualcuno Calenda non avrebbe nè smentito nè confermato la notizia di poter venire in Basilicata o di poter rivestire il ruolo nella sua Campania dopo una breve reggenza Lo Pomo.

Suggestioni, rumors che paiono trovare fondamento esclusivamente nella testa di chi li propala. L’amicizia col sottegretario Moles? Buona sì, ma se Calenda aspira a un incarico politico. Non di certo alla Tgr.


 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Contentuti protetti