Le Cronache Lucane

INAUGURAZIONE ANNO GIUDIZIARIO 2022

Giustizia, Mattarella apre per l’ultima volta in Cassazione l’anno giudiziario

Mattarella presiede il Plenum del CSM

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha presieduto la seduta dell’Assemblea plenaria del Consiglio Superiore della Magistratura con all’ordine del giorno la nomina del Primo Presidente e del Presidente Aggiunto della Corte Suprema di Cassazione.

Inaugurazione dell’anno giudiziario 2022
L’anno giudiziario 2022 viene inaugurato il 21 gennaio presso la Corte di Cassazione e il 22 gennaio presso le 26 Corti di Appello 

In piazza Cavour, con il presidente della Repubblica, c’è la ministra Cartabia. Il primo presidente della Suprema Corte Curzio illustra la relazione sullo Stato della giustizia nel 2021

Sergio Mattarella, in prima fila nell’aula magna della Cassazione, per la sua ultima apertura dell’anno giudiziario. Anche da presidente del Csm, oltre che capo dello Stato. Accanto a lui le massime autorità della Repubblica, la ministra della Giustizia Marta Cartabia che ha condiviso con Mattarella gli anni da giudice costituzionale. E ancora il vice presidente del Csm David Ermini che appena ieri ha salutato con commozione Mattarella a palazzo dei Marescialli
*^* 

Con la riforma dell’ordinamento giudiziario del 2005 è stata modificata la cerimonia d’inaugurazione dell’anno giudiziario. A partire dal 2006, il Ministro della giustizia rende comunicazioni alle Camere, sull’amministrazione della giustizia nel precedente anno e sugli interventi per l’organizzazione e il funzionamento dei servizi – interventi previsti dall’art. 110 della Costituzione – per l’anno in corso.

La Corte di cassazione e le corti d’appello si riuniscono successivamente in forma pubblica e solenne – cioè debbono partecipare tutte le sezioni, i procuratori generali, i magistrati delle procure generali e i rappresentanti dell’Avvocatura – per ascoltare la relazione generale del Primo Presidente della Corte di cassazione e le relazioni per i singoli distretti dei Presidenti di corte d’appello.

La cerimonia dell’inaugurazione dell’anno giudiziario in Cassazione avviene alla presenza del Presidente della Repubblica.

Essendo la cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario occasione di pubblico dibattito sull’amministrazione della giustizia, possono intervenire i rappresentanti degli organi istituzionali, cioè titolari di pubblici poteri, il Procuratore generale e i rappresentanti dell’Avvocatura. Questo è quanto prevede l’articolo 2, comma 29, della legge n. 150 del 2005.

aggiornamento: 20 gennaio 2022


Inaugurazione dell’Anno giudiziario

 

I documenti del Consiglio e degli uffici giudiziari

 

L’inaugurazione dell’anno giudiziario presso la Corte di Cassazione e presso i distretti di Corte d’Appello è un occasione di dibattito pubblico sull’amministrazione della giustizia nel Paese e nei diversi distretti, volto a far emergere i principali problemi del sistema giustizia e a dare conto dei più significativi orientamenti giurisprudenziali civili e penali.

I documenti di seguito raccolti possono costiutire uno strumento per diffondere elementi utili per avere un quadro dello stato dell’amministrazione della giustizia e del lavoro svolto dal Csm.

 

indice
  1. Le cerimonie del 21 e 22 gennaio 2022
  2. Inaugurazione dell’anno giudiziario 2022 presso la Corte di Cassazione
  3. Inaugurazione dell’anno giudiziario 2022 presso le Corti di Appello
    1. Le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM per l’anno 2022
  4. Le cerimonie del 29 e 30 gennaio 2021
  5. Inaugurazione dell’anno giudiziario 2021 presso la Corte di Cassazione
  6. Inaugurazione dell’anno giudiziario 2021 presso le Corti di Appello
    1. Le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM
    2. Gli interventi dei rappresentanti del CSM (2021)
      1. Relazioni dei Presidenti delle Corti di Appello e dei Procuratori Generali (2021)
  7. Le cerimonie del 31 gennaio e del 1 febbraio 2020
  8. Inaugurazione dell’anno giudiziario 2020 presso la Corte di Cassazione
  9. Inaugurazione dell’anno giudiziario 2020 presso le Corti di Appello
    1. Le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM
    2. Relazioni dei Presidenti delle Corti di Appello e dei Procuratori Generali
    3. Gli interventi dei rappresentanti del CSM (2020)
  10. Le cerimonie del 25 e 26 gennaio 2019
  11. Inaugurazione dell’Anno Giudiziario 2019 presso la Corte di Cassazione
    1. Relazioni
  12. Inaugurazione dell’anno giudiziario 2019 presso le Corti di Appello
    1. Le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM
    2. Relazioni dei Presidenti delle Corti di Appello e dei Procuratori Generali
    3. Interventi dei rappresentanti del CSM
  13. Le cerimonie del 26 e 27 gennaio 2018
  14. Inaugurazione dell’Anno Giudiziario 2018 presso la Corte di Cassazione
    1. Relazioni
  15. Inaugurazione dell’anno giudiziario 2018 presso le Corti di Appello
    1. Le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM
    2. Relazioni dei Presidenti delle Corti di Appello e dei Procuratori Generali
    3. Interventi dei rappresentanti del CSM
  16. Inaugurazione dell’Anno Giudiziario 2017
    1. La cerimonia in Cassazione
    2. Le cerimonie presso le Corti di Appello
      1. Relazioni dei Presidenti delle Corti di Appello e dei Procuratori Generali
  17. Inaugurazioni degli anni precedenti
    1. 2016
    2. 2015
    3. 2014
    4. 2013
    5. 2012
    6. 2011
    7. 2010
    8. 2009
    9. 2008
    10. 2007
    11. 2006
    12. Altri documenti

 

Le cerimonie del 21 e 22 gennaio 2022

 

L’anno giudiziario 2022 viene inaugurato il 21 gennaio presso la Corte di Cassazione e il 22 gennaio presso le 26 Corti di Appello.

 

Le modalità organizzative delle cerimonie sono disciplinate dal CSM con la delibera del 22 dicembre 2021.

Nello specifico, la delibera contiene le linee guida sulle modalità organizzative delle cerimonie di inaugurazione dell’anno giudiziario. In particolare, i Presidenti di Corte d’appello, in considerazione del perdurare dell’emergenza epidemiologica, vengono invitati ad adottare tutte le misure normative previste per la prevenzione del contagio, a circoscrivere il numero di partecipanti ai soli protagonisti istituzionali e contenere la durata della cerimonia in un’ora. Infine, per consentire una più ampia partecipazione, si prevede la possibilità per i Capi di corte di utilizzare piattaforme digitali per la diffusione della cerimonia.

 

 

 

Inaugurazione dell’anno giudiziario 2022 presso la Corte di Cassazione

 

Durante l’assemblea generale della Corte di Cassazione, il 21 gennaio 2021 il Primo presidente Pietro Curzio tiene la propria relazione sull’amministrazione della giustizia. Successivamente, intervengono il Ministro della Giustizia Marta Cartabia, il Vice Presidente del CSM David Ermini, il Procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi, l’Avvocato generale dello Stato e il Presidente del Consiglio Nazionale Forense.

 

 

 

Inaugurazione dell’anno giudiziario 2022 presso le Corti di Appello

 

Durante le cerimonie del 22 gennaio, le relazioni sull’amministrazione della giustizia nei diversi distretti sono tenute dai Presidenti delle Corti di Appello. Successivamente intervengono un rappresentante del CSM, un rappresentante del Ministero della Giustizia e il Procuratore generale, nonché i rappresentanti dell’Avvocatura e di altri organi istituzionali.

Con delibera plenaria del 12 gennaio 2022 sono stati individuati i rappresentanti del CSM presso le 26 Corti di Appello:

Sono stati individuati i componenti del CSM che rappresenteranno il Consiglio alle cerimonie di inaugurazione dell’anno giudiziario 2022 che si terranno il 22 gennaio 2022 presso le diverse Corti d’Appello:

  • Ancona: Cons. Giovanni ZACCARO
  • Bari: Cons. Michele CIAMBELLINI
  • Bologna: Cons. Filippo DONATI
  • Brescia: Cons. Alessio LANZI
  • Cagliari: Cons. Maria Tiziana BALDUINI
  • Caltanissetta: Dott. Marco VERZERA
  • Campobasso: Dott. Stefano CALABRIA
  • Catania: Dott. Alfredo Pompeo VIOLA
  • Catanzaro: Cons. Antonio D’AMATO
  • Firenze: Vice Presidente David ERMINI
  • Genova: Cons. Alberto Maria BENEDETTI
  • L’aquila: Cons. Giuseppe MARRA
  • Lecce: Cons. Elisabetta CHINAGLIA
  • Messina: Dott. Gabriele FIORENTINO
  • Milano: Cons. Alessandra DAL MORO
  • Napoli: Cons. Mario SURIANO
  • Palermo: Cons. Antonino DI MATTEO
  • Perugia: Cons. Giuseppe CASCINI
  • Potenza: Dott. Arturo AVOLIO
  • Reggio Calabria: Cons. Sebastiano ARDITA
  • Roma: Cons. Loredana MICCICHÈ
  • Salerno: Cons. Fulvio GIGLIOTTI
  • Torino: Cons. Carmelo CELENTANO
  • Trento: Cons. Concetta Roberta Angela GRILLO
  • Trieste: Dott. Luca D’ADDARIO
  • Venezia: Cons. Paola Maria BRAGGION
Le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM per l’anno 2022

 

Con delibera del 19 gennaio 2022, sono state approvate le linee guida per gli interventi dei componenti del CSM che rappresenteranno il Consiglio alle cerimonie di inaugurazione dell’anno giudiziario 2022 che si terranno il 22 gennaio 2022 presso le diverse Corti d’Appello.

In particolare, sono stati enucleati i temi di particolare interesse:

  • L’interlocuzione con il Ministro della Giustizia sulle riforme in materia di giustizia e organizzazione giudiziaria attraverso i pareri resi in materia di ordinamento giudiziario e riforma del governo autonomo, la risoluzione sulle modalità di accesso in magistratura, i pareri in tema di riforma del processo civile e di riforma del processo penale e di prescrizione e improcedibilità dell’azione penale, i pareri sull’istituzione della Procura Europea (EPPO), il parere sulla riforma della magistratura onoraria
  • Gli interventi conseguenti all’emergenza pandemica da Covid 19
  • Le attività relative all’organizzazione degli uffici giudiziari, quali la riforma della circolare in materia di conferma negli uffici direttivi e semidirettivi, la circolare sulle tabelle, la circolare sull’organizzazione delle Procure, le delibere in materia di determinazione delle piante organiche, le linee guida sulle buone prassi in materia di violenza domestica e di genere, le linee guida in materia di protezione internazionale
  • Le attività relative allo status del magistrato
  • L’attività della Sezione disciplinare
  • L’attività della Prima commissione, con riferimento da un lato alle procedure di trasferimento ex art. 2 legge guarentigie e dall’altro agli incarichi extragiudiziari (in relazione ai quali è stata approvata una modifica della circolare).

 

 

 

Le cerimonie del 29 e 30 gennaio 2021

 

L’anno giudiziario 2021 viene inaugurato il 29 gennaio presso la Corte di Cassazione e il 30 gennaio presso le 26 Corti di Appello.

 

Le modalità organizzative delle cerimonie sono disciplinate dal CSM con le delibere del 22 dicembre 2020 e del 20 e 21 gennaio 2021.

Nello specifico, la prima delibera, richiamando la necessità del rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti, invita di dirigenti a limitare la partecipazione in presenza ai soli “protagonisti istituzionali” e a prevedere interventi limitati nel numero (Presidente della corte d’appello, rappresentante del CSM e del Ministero della Giustizia, Procuratore generale, rappresentante dell’Avvocatura) e nella durata (così da contenere la durata della cerimonia in un’ora); quanto agli altri soggetti interessati ai problemi della giustizia, si specifica che gli stessi potranno trasmettere relazioni scritte. Infine, per consentire una più ampia partecipazione, si prevede la possibilità per i Capi di corte di utilizzare piattaforme digitali per la diffusione della cerimonia.

Nelle seconde due, con specifico riferimento all’individuazione dei soggetti chiamati a partecipare alle cerimonie presso le Corti di Appello, ferma restando la necessaria partecipazione dei soggetti istituzionali dei quali è previsto l’intervento (Presidente della Corte, Procuratore generale, rappresentanti del CSM, del Ministero della Giustizia e dell’Avvocatura locale), viene stabilito da un lato che la partecipazione all’assemblea di almeno due terzi dei magistrati della Corte (quorum necessario per la validità delle decisioni) può avvenire anche mediante collegamento da remoto; dall’altro lato viene rimesso alla valutazione dei singoli Capi di Corte l’eventuale ampliamento del numero dei partecipanti, in relazione alla situazione contingente locale e alla normativa regionale in materia di emergenza sanitaria.

 

 

 

Inaugurazione dell’anno giudiziario 2021 presso la Corte di Cassazione

 

 

Durante l’assemblea generale della Corte di Cassazione, il 29 gennaio 2021, alla presenza del Capo dello Stato, il Primo presidente Pietro Curzio tiene la propria relazione sull’amministrazione della giustizia. Successivamente, intervengono il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, il Vice Presidente del CSM David Ermini, il Procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi, l’Avvocato generale dello Stato e il Presidente del Consiglio Nazionale Forense.

Di seguito il testo integrale delle relazioni e degli interventi tenuti durante la cerimonia:

Relazione sull’Amministrazione della giustizia nell’anno 2020 del Primo presidente della Corte di Cassazione Pietro Curzio

Relazione orale del Primo presidente della Corte di Cassazione

Intervento del Procuratore generale della Corte suprema di Cassazione nell’Assemblea generale della Corte sull’amministrazione della giustizia nell’anno 2020 – Versione integrale

Intervento orale del Procuratore Generale Giovanni Salvi

Intervento del Vicepresidente del CSM David Ermini

 

 

 

Inaugurazione dell’anno giudiziario 2021 presso le Corti di Appello

 

Durante le cerimonie del 30 gennaio, le relazioni sull’amministrazione della giustizia nei diversi distretti sono tenute dai Presidenti delle Corti di Appello. Successivamente intervengono un rappresentante del Ministro della Giustizia, un rappresentante del CSM e il Procuratore generale, nonché i rappresentanti dell’Avvocatura e di altri organi istituzionali.

Con delibera plenaria del 20 gennaio 2021 sono stati individuati i rappresentanti del CSM presso le 26 Corti di Appello:

Sono stati individuati i componenti del CSM che rappresenteranno il Consiglio alle cerimonie di inaugurazione che si terranno il 30 gennaio 2021 presso le diverse Corti d’Appello:

  •          Ancona: Cons. Giuseppe MARRA
  •           Bari: Cons. Mario SURIANO
  •           Bologna: Cons. Alessio LANZI
  •           Brescia: Cons. Alessandra DAL MORO
  •           Cagliari: Dott.ssa Lucia AIELLI
  •           Caltanissetta: Cons. Antonino DI MATTEO
  •           Campobasso: Cons. Carmelo CELENTANO
  •           Catania: Cons. Concetta Angela Roberta GRILLO
  •           Catanzaro: Cons. Stefano CAVANNA
  •           Firenze: Cons. Loredana MICCICHE’
  •           Genova: Cons. Alberto Maria BENEDETTI
  •           L’aquila: Cons. Giuseppe CASCINI
  •           Lecce: Dott. Gabriele FIORENTINO
  •           Messina: Cons. Fulvio GIGLIOTTI
  •           Milano: Cons. Paola Maria BRAGGION
  •           Napoli: Cons. Michele CIAMBELLINI
  •           Palermo: Cons. Sebastiano ARDITA
  •           Perugia: Cons. Ilaria PEPE
  •           Potenza: Cons. Giovanni ZACCARO
  •           Reggio Calabria: Cons. Antonio D’AMATO
  •           Roma: Vice Pres. David ERMINI
  •           Salerno: Dott. Arturo AVOLIO
  •           Torino: Cons. Elisabetta CHINAGLIA
  •           Trento: Dott. Luca D’ADDARIO
  •           Trieste: Dott.ssa Giulia SPADARO
  •           Venezia: Cons. Filippo DONATI
Le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM

 

Con delibera 20 gennaio 2021 sono state approvate le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM nelle cerimonie di inaugurazione dell’anno giudiziario, interventi che dovranno fornire le informazioni più rilevanti sull’attività del Consiglio, tenendo conto delle specificità della situazione dei singoli distretti. Quanto al primo profilo, i temi generali da affrontare in ordine ai principali settori di azione del CSM s;ono:

  • l’attività consiliare conseguente all’emergenza sanitaria, con particolare riferimento alle linee guida agli uffici giudiziari, all’organizzazione degli uffici, alla formazione dei MOT;
  • l’attività consultiva del Consiglio (pareri e proposte al Ministro della Giustizia), con specifico riferimento alla normativa emergenziale, alle intercettazioni;
  • le delibere in materia di Procura europea (EPPO);
  • la modifica alla circolare sui tramutamenti;
  • la dirigenza giudiziaria, con particolare riferimento alla copertura dei posti vacanti direttivi e semidirettivi, in un’ottica di sempre maggiore trasparenza;
  • gli interventi in materia di organizzazione degli uffici, con riferimento alle nuove circolari sulla formazione delle tabelle e sull’organizzazione delle procure;
  • l’attività di supporto all’organizzazione degli uffici giudiziari alla necessità di bilanciare le esigenze di mobilità con quelle di copertura degli uffici di provenienza;
  • l’approvazione delle linee guida per il funzionamento dei Consigli giudiziari;
  • le valutazioni di professionalità;
  • l’attività in materia disciplinare e paradisciplinare;
  • la partecipazione ad organismi sovranazionali, nella prospettiva della tutela dei diritti fondamentali e dell’affermazione dei principi dello Stato di diritto.

 

 

Gli interventi dei rappresentanti del CSM (2021)

 

Di seguito il testo degli interventi presso le diverse corti di appello durante le cerimonie del 30 gennaio 2021.

 

Relazioni dei Presidenti delle Corti di Appello e dei Procuratori Generali (2021)

Corte di Appello di Caltanissetta: relazione del Presidente della Corte dott.ssa Maria Grazia Vagliasindi

 

 

 

Le cerimonie del 31 gennaio e del 1 febbraio 2020

 

L’anno giudiziario 2020 viene inaugurato il 31 gennaio presso la Corte di Cassazione e il 1 febbraio presso le 26 Corti di Appello.

Le modalità organizzative delle cerimonie sono disciplinate dal CSM con la delibera del 17 dicembre 2019.

 

 

 

Inaugurazione dell’anno giudiziario 2020 presso la Corte di Cassazione

 

Durante l’assemblea generale della Corte di Cassazione, il 31 gennario 2020, alla presenza del Capo dello Stato, il Primo presidente Giovanni Mammone tiene la propria relazione sull’amministrazione della giustizia. Successivamente, intervengono il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, il Vice Presidente del CSM David Ermini, il Procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi, l’Avvocato generale dello Stato e il Presidente del Consiglio Nazionale Forense.

Di seguito le relazioni e gli interventi tenuti durante la cerimonia in Corte di Cassazione:

Relazione orale del Primo Presidente Giovanni Mammone

Relazione del Primo Presidente Giovanni Mammone sull’amministrazione della giustizia nell’anno 2019 – Versione integrale

Intervento del Procuratore generale della Corte suprema di Cassazione nell’Assemblea generale della Corte sull’amministrazione della giustizia nell’anno 2019 – Versione integrale

Intervento orale del Procuratore Generale Giovanni Salvi

Intervento del Vice Presidente del CSM David Ermini

 

 

 

Inaugurazione dell’anno giudiziario 2020 presso le Corti di Appello

 

Durante le cerimonie del 1 febbraio, le relazioni sull’amministrazione della giustizia nei diversi distretti sono tenute dai Presidenti delle Corti di Appello. Successivamente intervengono un rappresentante del Ministro della Giustizia, un rappresentante del CSM e il Procuratore generale, nonché i rappresentanti dell’Avvocatura e di altri organi istituzionali.

Con delibera plenaria del 18 dicembre 2019 sono stati individuati i rappresentanti del CSM presso le 26 Corti di Appello:

  • Ancona: dott. Gabriele Fiorentino
  • Bari: cons. Giovanni Zaccaro
  • Bologna: cons. Michele Ciambellini
  • Brescia: cons. Ilaria Pepe
  • Cagliari: dott.ssa Paola Piraccini
  • Caltanissetta: cons. Loredana Miccichè
  • Campobasso: dott.ssa Giuseppina Guglielmi
  • Catania: cons. Sebastiano Ardita
  • Catanzaro: cons. Elisabetta Chinaglia
  • Firenze: cons. Paola Maria Braggion
  • Genova: cons. Fulvio Gigliotti
  • L’Aquila: cons. Marco Mancinetti
  • Lecce: cons. Concetta Angela Roberta Grillo
  • Messina: cons. Emanuele Basile
  • Milano: cons. Piercamillo Davigo
  • Napoli: cons. Antonio D’Amato
  • Palermo: cons. Antonino Di Matteo
  • Perugia: Vice Presidente David Ermini
  • Potenza: dott. Pasquale Serrao D’Aquino
  • Reggio Calabria: cons. Stefano Cavanna
  • Roma: cons. Mario Suriano
  • Salerno: cons. Michele Cerabona
  • Torino: cons. Giuseppe Marra
  • Trento: cons. Filipp Donati
  • Trieste: cons. Alessandra Dal Moro
  • Venezia: cons. Alessio Lanzi
Le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM

 

Con delibera 22 gennaio 2020 sono state approvate le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM nelle cerimonie di inaugurazione dell’anno giudiziario, interventi che dovranno fornire le informazioni più rilevanti sull’attività del Consiglio, tenendo conto delle specificità della situazione dei singoli distretti. Quanto al primo profilo, i temi generali da affrontare in ordine ai principali settori di azione del CSM sono:

  • l’attività consultiva del Consiglio (pareri e proposte al Ministro della Giustizia), con specifico riferimento alla riforma del giudizio abbreviato, al ddl in materia di violenza di genere, al ddl in materia di istituzione del tribunale superiore dei conflitti, al ddl in materia di piante organiche c.d. flessibili;
  • la delibera in materia di designazione del Procuratore europeo (EPPO);
  • l’attività di supporto all’organizzazione degli uffici giudiziari, con riferimento alla necessità di bilanciare le esigenze di mobilità con quelle di copertura degli uffici di provenienza, alla pubblicazione delle sedi disagiate, alla modifica delle piante organiche, alla copertura degli organici, attraverso politiche della mobilità volte garantire le esigenze degli uffici;
  • la dirigenza giudiziaria, con particolare riferimento alla copertura dei posti vacanti direttivi e semidirettivi, in un’ottica di sempre maggiore trasparenza;
  • l’informatica giudiziaria, con riferimento alle problematiche poste dal processo civile e penale telematico;
  • le valutazioni di professionalità, con particolare riferimento all’elaborazione degli standard medi di rendimento;
  • l’approvazione della circolare in materia di anagrafe patrimoniale;
  • la partecipazione ad organismi sovranazionali, nella prospettiva della tutela dei diritti fondamentali e dell’affermazione dei principi dello Stato di diritto.

 

 

Relazioni dei Presidenti delle Corti di Appello e dei Procuratori Generali

 

Corte di appello di Caltanissetta:

Relazione del Presidente della Corte dott.ssa Maria Grazia Vagliasindi

Corte di appello di Venezia:

Intervento del Procuratore Generale dott. Antonio Mura

 

 

Gli interventi dei rappresentanti del CSM (2020)

 

Di seguito il testo degli interventi presso le diverse corti di appello durante le cerimonie del 1 febbraio 2019.

 

 

 

Le cerimonie del 25 e 26 gennaio 2019

 

L’anno giudiziario 2019 viene inaugurato il 25 gennaio presso la Corte di Cassazione e il 26 gennaio presso le 26 Corti di Appello.

Durante l’assemblea generale della Corte di Cassazione, alla presenza del Capo dello Stato, il Primo presidente Giovanni Mammone tiene la propria relazione sull’amministrazione della giustizia. Successivamente, intervengono il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, il Vice Presidente del CSM David Ermini, il Procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio, l’Avvocato generale dello Stato e il Presidente del Consiglio Nazionale Forense.

Durante le cerimonie del 26 gennaio, invece, le relazioni sull’amministrazione della giustizia nei diversi distretti sono tenute dai Presidenti delle Corti di Appello. Successivamente intervengono un rappresentante del Ministro della Giustizia, un rappresentante del CSM e il Procuratore generale, nonché i rappresentanti dell’Avvocatura e di altri organi istituzionali.

Le modalità organizzative delle cerimonie sono disciplinate dal CSM con la delibera del 9 gennaio 2019.

 

 

 

Inaugurazione dell’Anno Giudiziario 2019 presso la Corte di Cassazione

 

L’anno giudiziario 2019 viene inaugurato il 25 gennaio presso la Corte di Cassazione e il 26 gennaio presso le 26 Corti di Appello.

Durante l’assemblea generale della Corte di Cassazione, alla presenza del Capo dello Stato, il Primo presidente Giovanni Mammone tiene la propria relazione sull’amministrazione della giustizia. Successivamente, intervengono il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, il Vice Presidente del CSM David Ermini, il Procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio, l’Avvocato generale dello Stato e il Presidente del Consiglio Nazionale Forense.

Relazioni

 

  • Relazione del Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione Giovanni Mammone sull’amministrazione della giustizia nell’anno 2018
  • Intervento del Procuratore Generale della Corte Suprema di Cassazione Riccardo Fuzio nell’Assemblea generale della Corte sull’amministrazione della giustizia nell’anno 2018. Nel documento sono contenuti l’intervento orale svolto dal PG e la relazione sull’attività della Procura generale nel 2018, con particolare riferimento alle riforme nel settore penale e civile, ai rapporti con gli uffici del pubblico ministero, al settore disciplinare, ai rapporti internazionale, alla DNAA
  • Intervento del Vice Presidente del CSM David Ermini

 

 

 

Inaugurazione dell’anno giudiziario 2019 presso le Corti di Appello

 

Con delibera plenaria del 16 gennaio 2019 sono stati individuati i rappresentanti del CSM presso le 26 Corti di Appello:

  • Ancona: Vice Presidente David Ermini
  • Bari: cons. Antonio Lepre
  • Bologna: cons. Gianluigi Morlini
  • Brescia: cons. Emanuele Basile
  • Cagliari: cons. Corrado Cartoni
  • Caltanissetta: dott.ssa Paola Piraccini
  • Campobasso: dott. Gabriele Fiorentino
  • Catania: cons. Paolo Criscuoli
  • Catanzaro: cons. Fulvio Gigliotti
  • Firenze: cons. Filippo Donati
  • Genova: cons. Stefano Cavanna
  • L’Aquila: cons. Michele Ciambellini
  • Lecce: cons. Giovanni Zaccaro
  • Messina: cons. Sebastiano Ardita
  • Milano: cons. Alessio Lanzi
  • Napoli: cons. Michele Cerabona
  • Palermo: cons. Loredana Miccichè
  • Perugia: cons. Marco Mancinetti
  • Potenza: cons. Luigi Spina
  • Reggio Calabria: cons. Concetta Angela Roberta Grillo
  • Roma: cons. Giuseppe Cascini
  • Salerno: cons. Mario Suriano
  • Torino: cons. Piercamillo Davigo
  • Trento: cons. Alberto Maria Benedetti
  • Trieste: cons. Paola Maria Braggion
  • Venezia: cons. Alessandra Dal Moro
Le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM

 

Con delibera del 17 gennaio 2019 il Consiglio ha individuato le linee guida per gli interventi dei propri rappresentanti nelle cerimonie di inaugurazione dell’anno giudiziario. I temi generali che si reputa opportuno affrontare riguardano i principali settori di azione del CSM:

  • l’attività consultiva del Consiglio (pareri e proposte al Ministro della Giustizia), con specifico riferimento alla riforma dell’ordinamento penitenziario, al decreto legge c.d. sicurezza, alla Procura europea (EPPO), al disegno di legge c.d. anticorruzione;
  • la fattiva collaborazione con il Ministero della Giustizia in materia di organizzazione degli uffici;
  • l’attività in materia di formazione, in collaborazione con la Scuola superiore della magistratura;
  • l’attività (in corso) volta a semplificare le procedure in materia di autorizzazione agli incarichi extragiudiziari;
  • la copertura degli organici, attraverso politiche della mobilità volte garantire le esigenze degli uffici;
  • le valutazioni di professionalità, con particolare riferimento all’elaborazione degli standard medi di rendimento;
  • la dirigenza giudiziaria, con particolare riferimento alla copertura dei posti vacanti e ad una riflessione sui rapporti con il giudice amministrativo;
  • l’organizzazione degli uffici giudicanti e requirenti, al cui proposito è stato adottato il Codice dell’organizzazione, che costituisce una raccolta organica della principale normativa secondaria in materia;
  • l’informatizzazione dei procedimenti consiliari e delle procedure che coinvolgono gli uffici giudiziari, quali la materia tabellare;
  • le problematiche poste dal processo civile e penale telematico;
  • la riforma della magistratura onoraria, attraverso l’adozione della normativa secondaria funzionale a dare attuazione ai decreti legislativi di riforma della materia e l’implementazione delle procedure di nomina dei nuovi giudici onorari;
  • la partecipazione ad organismi sovranazionali, nella prospettiva della tutela dei diritti fondamentali e dell’affermazione dei principi dello Stato di diritto;
  • la tutela dei soggetti deboli, con specifico riferimento all’intervento consiliare in materia di minori, violenza domestica, tutela delle vittime);
  • la ricostituzione di una banca dati della giurisprudenza di merito.

 

 

Relazioni dei Presidenti delle Corti di Appello e dei Procuratori Generali

 

Corte di appello di Ancona:

Relazione del Presidente della Corte dott. Luigi Catelli e Intervento del Procuratore Generale dott. Sergio Sottani

Corte di appello di Bari:

Relazione del Presidente della Corte dott. Francesco Cassano

Corte di appello di Bologna:

Relazione del Presidente della Corte dott. Giuseppe Colonna

Corte di appello di Caltanissetta:

Relazione del Presidente della Corte dott.ssa Maria Grazia Vagliasindi

Corte di appello di Campobasso:

Intervento del Procuratore Generale dott. Guido Rispoli

Corte di appello di Catania:

Relazione del Presidente della Corte dott. Giuseppe Meliadò

Corte di appello di Lecce:

Relazione del Presidente della Corte dott. Roberto Giuseppe Tanisi

Corte di appello di Napoli:

Intervento del Procuratore Generale dott. Luigi Riello

Corte di appello di Palermo:

Relazione e intervento orale del Presidente della Corte dott. Matteo Frasca

Corte di appello di Potenza:

Relazione del Presidente della Corte dott.ssa Rosa Patrizia Sinisi

 

 

Interventi dei rappresentanti del CSM

 

Di seguito il testo degli interventi presso le diverse corti di appello durante le cerimonie del 26 gennaio 2019.

 

 

 

Le cerimonie del 26 e 27 gennaio 2018

 

L’anno giudiziario 2018 viene inaugurato il 26 gennaio presso la Corte di Cassazione e il 27 gennaio presso le 26 Corti di Appello.

Durante l’assemblea generale della Corte di Cassazione, alla presenza del Capo dello Stato, il Primo presidente terrà la propria relazione sull’amministrazione della giustizia. Successivamente, interverranno il Ministro della Giustizia, il Vice Presidente del CSM e il Procuratore generale della Cassazione, l’Avvocato generale dello Stato e il Presidente del Consiglio Nazionale Forense.

Durante le cerimonie del 27 gennaio, invece, le relazioni sull’amministrazione della giustizia nei diversi distretti saranno tenute dai Presidenti delle Corti di Appello. Successivamente interverranno un rappresentante del Ministro della Giustizia, un rappresentante del del CSM e il Procuratore generale, nonché i rappresentanti dell’Avvocatura e di altri organi istituzionali.

Le modalità organizzative delle cerimonie sono disciplinate dal CSM con la delibera del 20 dicembre 2017.

 

 

 

Inaugurazione dell’Anno Giudiziario 2018 presso la Corte di Cassazione

 

Il 26 gennaio 2018, durante l’Assemblea pubblica e solenne della Corte di Cassazione, si è aperto l’anno giudiziario 2018.

La cerimonia si è aperta con la relazione del Primo Presidente Giovanni Mammone sull’amministrazione della giustizia nell’anno 2017.

Successivamente sono intervenuti il Vice Presidente del CSM Giovanni Legnini, il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, il Procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio, l’Avvocato generale dello Stato Massimo Massella Ducci Teri, il Presidente del Consiglio Nazionale Forense Andrea Mascherin.

Relazioni

 

 

 

 

Inaugurazione dell’anno giudiziario 2018 presso le Corti di Appello

 

Per effetto di una circolare sottoscritta da CSM e MIUR per la “promozione delle attività di sensibilizzazione e formazione nelle scuole sui temi di studio e ricerca della Shoah”, vista la coincidenza tra l’inaugurazione dell’Anno Giudiziario presso le Corti d’Appello, sabato 27 gennaio, e il giorno della Memoria, gli studenti delle scuole italiane verranno coinvolti nelle cerimonie di inaugurazione. A tal proposito, i rappresentanti del CSM nelle diverse corti di appello si faranno promotori di iniziative con gli studenti per valorizzare la cultura della legalità, diffondere la conoscenza del lavoro quotidiano svolto dai magistrati e sensibilizzare i giovani sulle tematiche del Giorno della Memoria.

Con delibera plenaria del 17 gennaio 2018 sono stati individuati i rappresentanti del CSM presso le 26 Corti di Appello:

  • Ancona: cons. Giuseppe Fanfani
  • Bari: cons. Valerio Fracassi
  • Bologna: cons. Antonio Leone
  • Brescia: cons. Aldo Morgigni
  • Cagliari: cons. Luca Forteleoni
  • Caltanissetta: dott.ssa Paola Piraccini
  • Campobasso: dott.ssa Giuseppina Guglielmi
  • Catania: cons. Massimo Forciniti
  • Catanzaro: cons. Luca Palamara
  • Firenze: cons. Maria Elisabetta Alberti Casellati
  • Genova: cons. Piergiorgio Morosini
  • L’Aquila: cons. Fabio Napoleone
  • Lecce: cons. Ercole Aprile
  • Messina: cons. Lucio Aschettino
  • Milano: cons. Renato Balduzzi
  • Napoli: cons. Maria Rosaria San Giorgio
  • Palermo: cons. Paola Balducci
  • Perugia: cons. Nicola Clivio
  • Potenza: cons. Francesco Cananzi
  • Reggio Calabria: cons. Antonio Ardituro
  • Roma: Vice Presidente Giovanni Legnini
  • Salerno: cons. Lorenzo Pontecorvo
  • Torino: cons. Rosario Spina
  • Trento: cons. Alessio Zaccaria
  • Trieste: cons. Pierantonio Zanettin
  • Venezia: cons. Claudio Galoppi
Le linee guida per gli interventi dei rappresentanti del CSM

 

Con delibera del 17 gennaio 2018 il Consiglio ha individuato le linee guida per gli interventi dei propri rappresentanti nelle cerimonie di inaugurazione dell’anno giudiziario. I temi generali che si reputa opportuno affrontare riguardano i principali settori di azione del CSM nell’anno 2017:

  • le buone prassi organizzative, attraverso l’attività di raccolta, verifica e diffusione delle iniziative virtuose degli uffici, funzionali a rendere più efficace ed efficiente la risposta di giustizia; attività che si è focalizzata, nello specifico, sui settori delle esecuzioni immobiliari, della nomina di periti e consulenti nei procedimenti per responsabilità sanitaria, dell’esame preliminare delle impugnazioni, delle tecniche di redazione dei provvedimenti, della protezione internazionale, della violenza di genere, della costituzione di una banca dati della giurisprudenza di merito;
  • l’organizzazione degli uffici giudicanti, con particolare riferimento all’adozione della circolare sulle tabelle per il triennio 2017/19
  • l’organizzazione degli uffici requirenti, che ha visto l’adozione di una circolare, che ha disciplinato in maniera organica la materia secondo i principi di partecipazione e trasparenza, nell’ottica del giusto processo e della ragionevole durata dello stesso
  • la copertura degli organici, attraverso politiche della mobilità volte garantire le esigenze degli uffici e quelle dei magistrati interessati ai trasferimenti e attraverso una razionale assegnazione delle sedi ai MOT
  • il contrasto alla criminalità organizzata, attraverso organici interventi in materia di misure di prevenzione patrimoniale e di rapporti fra minori e criminalità organizzata e attraverso la desecretazione e pubblicazione di atti e documenti relativi a magistrati vittime della criminalità organizzata (Falcone, Morvillo, Borsellino, Caccia)
  • i procedimenti in materia di protezione internazionale, attraverso l’acquisizione e diffusione di buone prassi organizzative, un piano straordinario di applicazioni extradistrettuali per supportare gli uffici e la raccolta (d’intesa con il Ministero dell’Interno) dei materiali e documenti (le COI) necessari per supportare i magistrati impegnati nella trattazione di tali procedimenti
  • le valutazioni di professionalità, con particolare riferimento ai rapporti fra tali procedimenti e i giudizi disciplinari, attività concretatasi nella modifica della circolare in materia
  • la deontologia professionale e ai comportamenti dei magistrati che possano provocare ricadute sulla credibilità dell’intera magistratura, con riferimento – ad esempio – all’uso dei social network. Nella stessa prospettiva, è stata modificata la disciplina del trasferimento d’ufficio ai sensi dell’art. 2 l. guarentigie, introducendo ampie garanzie procedimentali
  • la prosecuzione dell’attività di governo del ricambio dei vertici degli uffici giudiziari, anche in relazione agli effetti delle modifiche normative all’età pensionabile
  • l’informatizzazione dei procedimenti consiliari e delle procedure che coinvolgono gli uffici giudiziari, quali la materia tabellare
  • la riforma della magistratura onoraria, attraverso l’adozione della normativa secondaria funzionale a dare attuazione ai decreti legislativi di riforma della materia e l’implementazione delle procedure di nomina dei nuovi giudici onorari
  • la partecipazione ad organismi sovranazionali, nella prospettiva della tutela dei diritti fondamentali e dell’affermazione dei principi dello Stato di diritto
  • l’esecuzione della pena, attraverso la ricostituzione della Commissione mista, composta di rappresentanti del CSM, magistrati di sorveglianza e esperti del Ministero della Giustizia.

 

 

Relazioni dei Presidenti delle Corti di Appello e dei Procuratori Generali

 

 

 

Interventi dei rappresentanti del CSM

 

Di seguito il testo degli interventi presso le diverse corti di appello durante le cerimonie del 27 gennaio 2018.

 

 

 

Inaugurazione dell’Anno Giudiziario 2017

 

L’anno giudiziario 2017 è stato inaugurato il 26 gennaio 2017 presso la Corte di Cassazione e il 28 gennaio 2017 presso ciascuna Corte di Appello.

La cerimonia in Cassazione

 

L’Assemblea generale, pubblica e solenne, per l’inaugurazione dell’Anno Giudiziario 2017 si è tenuta il 26 gennaio 2017 alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il Primo Presidente, Giovanni Canzio, ha voluto dedicare la cerimonia alla memoria del suo predecessore alla Suprema Corte, Giorgio Santacroce, da poco scomparso.

La relazione generale sull’amministrazione della giustizia nell’anno 2016 è stata tenuta dal Primo Presidente Giovanni Canzio.

Successivamente sono intervenuti il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, il Vice Presidente del CSM, Giovanni Legnini e il Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione.

Documentazione:

 

 

Le cerimonie presso le Corti di Appello

 

Le cerimonie di inaugurazione dell’anno  giudiziario presso le 26 Corti di Appello si sono tenute il 28 gennaio 2017.

Documentazione:

  • Interventi dei rappresentanti del CSM presso le Corti di Appello
    • Ancona: Cons. Nicola Clivio
    • Bari: Cons. Ercole Aprile
    • Bologna: Cons. Piergiorgio Morosini
    • Brescia: Cons. Antonio Leone
    • Cagliari: Cons. Renato Balduzzi
    • Caltanissetta: dott.ssa Paola Piraccini
    • Campobasso: dott. Marco Dall’Olio
    • Catania: Cons. Alessio Zaccaria
    • Genova: Cons. Paola Balducci
    • L’aquila: Vicepresidente Giovanni Legnini
    • Lecce: Cons. Valerio Fracassi
    • Messina: Cons. Luca Forteleoni
    • Milano: Cons. Rosario Spina
    • Napoli: Cons. Antonio Ardituro  
    • Palermo: Cons. Claudio Maria Galoppi
    • Potenza: Cons. Lucio Aschettino 
    • Reggio Calabria: Cons. Luca Palamara
    • Roma: Cons. Maria Rosaria Sangiorgio
    • Salerno: Cons. Massimo Forciniti
    • Torino: Cons. Maria Elisabetta Alberti Casellati 
    • Trento: Cons. Fabio Napoleone
    • Trieste: Cons. Lorenzo Pontecorvo

 

Relazioni dei Presidenti delle Corti di Appello e dei Procuratori Generali

 

 

 

 

Inaugurazioni degli anni precedenti

2016

 

 

 

2015

 

 

 

2014

 

 

 

2013

 

 

 

2012

 

 

 

2011

 

 

 

2010

 

 

 

2009

 

 

 

2008

 

 

 

2007

 

 

 

2006

 

 

 

Altri documenti

 

 

20 gennaio 2022

Brevi dal plenum

Il plenum, nella seduta del 20 gennaio 2022, presieduta dal Presidente della Repubblica, ha adottato le seguenti delibere:

Uffici direttivi:

  • Primo presidente Corte di cassazione: nominato, a seguito di riesame, Pietro Curzio, già presidente di sezione della Corte di Cassazione, attualmente Primo presidente Corte di Cassazione
  • Presidente Aggiunto Corte di cassazione: nominata, a seguito di riesame, Margherita Cassano, già presidente Corte appello Firenze, attualmente presidente aggiunto corte cassazione

 

 

 

Nelle sedute del 19 gennaio 2022, ha adottato le seguenti delibere:

Uffici direttivi:

 

  • Procuratore Sondrio: nominato Pietro Basilone, attualmente sostituto procuratore Milano

 

Uffici semidirettivi:

  • Presidente sezione tribunale Lecce: nominato Alcide Maritati, attualmente giudice tribunale Lecce
  • Presidente sezione corte appello Roma: nominata Barbara Callari, attualmente consigliere corte appello Roma
  • Presidente sezione lavoro corte appello Roma: nominata Vittoria Di Sario, attualmente consigliere lavoro corte appello Roma
  • Presidente sezione corte appello Roma: nominata Giovanna Ciardi, attualmente consigliere lavoro corte appello Roma

 

Collocamenti fuori ruolo:

  • Francesca Fiecconi, attualmente consigliere corte cassazione: deliberato il collocamento fuori ruolo presso il Ministero della Giustizia, dipartimento affari di giustizia
  • Giuseppe Buffone: deliberata la conferma del collocamento fuori ruolo quale esperto presso la Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione Europea
  • Cristiana Macchiusi: deliberata la conferma del collocamento fuori ruolo quale prosecution adviser presso la Missione European union integrated border assistance in Libia

 

Su proposta della Sesta commissione, sono state approvate le linee guida per gli interventi dei componenti del CSM che rappresenteranno il Consiglio alle cerimonie di inaugurazione dell’anno giudiziario 2022 che si terranno il 22 gennaio 2022 presso le diverse Corti d’Appello.

In particolare, sono stati enucleati i temi di particolare interesse:

  • L’interlocuzione con il Ministro della Giustizia sulle riforme in materia di giustizia e organizzazione giudiziaria attraverso i pareri resi in materia di ordinamento giudiziario e riforma del governo autonomo, la risoluzione sulle modalità di accesso in magistratura, i pareri in tema di riforma del processo civile e di riforma del processo penale e di prescrizione e improcedibilità dell’azione penale, i pareri sull’istituzione della Procura Europea (EPPO), il parere sulla riforma della magistratura onoraria
  • Gli interventi conseguenti all’emergenza pandemica da Covid 19
  • Le attività relative all’organizzazione degli uffici giudiziari, quali la riforma della circolare in materia di conferma negli uffici direttivi e semidirettivi, la circolare sulle tabelle, la circolare sull’organizzazione delle Procure, le delibere in materia di determinazione delle piante organiche, le linee guida sulle buone prassi in materia di violenza domestica e di genere, le linee guida in materia di protezione internazionale
  • Le attività relative allo status del magistrato
  • L’attività della Sezione disciplinare
  • L’attività della Prima commissione, con riferimento da un lato alle procedure di trasferimento ex art. 2 legge guarentigie e dall’altro agli incarichi extragiudiziari (in relazione ai quali è stata approvata una modifica della circolare).

 

I testi di tutte le proposte approvate dal plenum (fatti salvi eventuali emendamenti) sono consultabili nella sezione del sito relativa agli ordini del giorno di plenum.

 

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti