Le Cronache Lucane

GAFFE DI FORZA ITALIA SU PITTELLA, UNA FRASE SCATENA IL PUTIFERIO


POTENZA. La politica lucana ci ha abituati alle cadute di stile e alle sciabolate, ma lo scivolone di Forza Italia sulla conferenza del Partito Democratico in materia di Psr è davvero imperdonabile. Nel rispondere al Pd, Vincenzo Acito, Gerardo Bellettieri e Francesco Piro ricordano come il Governo regionale e la maggioranza di centrodestra «stiano lavorando per ridurre ogni impatto della pandemia e lo dimostreranno con l’approvazione del Piano Strategico Regionale per cui la posizione del Pd supera ogni strumentalità e travalica il normale ruolo di un’opposizione che evidentemente non ha più argomenti ed appigli».I tre esponenti di Forza Italia attaccano convenzionalmente il Pd sostenendo che il partito sia «a corto di argomentazioni e che non guarderebbe agli interessi dei lucani».

Fin qui nulla di trascendentale, ma poi la poca delicatezza esce fuori e, facendo riferimento alle condizioni di salute di Marcello Pittella chiudono il breve comunicato con un pensiero che ha scatenato le ire della politica regionale: «Lasciamo ai cardiologi il compito di occuparsi del cuore dei lucani ai quali riconosciamo la capacità di valutare e ragionare senza farsi prendere dalle frenesie di chi ha pure necessità di affermare, dopo una lunga assenza, una presenza». Una frase che ha colpito nel profondo molti, considerato anche che proprio ieri dopo mesi di assenza dovuti a questione di salute importnati Marcello Pittella faceva rientro in Consiglio regionale. Un Assise posticipata proprio per permettere a Pittella di rientrare tra i banchi.

DISSENSO UNANIME

Tra i primi a replicare a questa caduta di stile è stato l’Onorevole del Pd Vito De Filippo che gridando alla “vergogna!” sostiene che «la pratica delle parole in eccesso e a vanvera è costante in certa politica della nostra Regione, così bassa e scadente che si commenta da sola». Immediato anche il commento del Senatore dem Salvatore Margiotta per cui Forza Italia avrebbe superato «i limiti della decenza e del rispetto umano ».

È legittima la critica al Psr da parte dell’opposizione politica, ma «il commento di Forza Italia non è degno di una classe dirigente che si definisce tale». Piena solidarietà dunque a Marcello Pittella da parte del compagno di partito che in un tweet virtualmente lo abbraccia e lo esorta: «non ti curar di loro». Fa eco anche il Vice Presidente del Consiglio Regionale Mario Polese (Italia Viva) che chiede a Forza Italia di «chiarire e scusarsi per la grave caduta di stile. L’assenza di Marcello Pittella non è stata voluta, ma determinata da motivi di salute. Questa non è politica ma mancanza di rispetto personale ».

A livello regionale interviene sempre dal Pd il capogruppo in Regione Roberto Cifarelli che accusa Forza Italia di aver «travalicato qualsiasi dialettica istituzionale ed il decoropolitico ed umano ». In una nota, Cifarelli sostiene che «il riferimento alla “lunga assenza” del consigliere Pittella per gravi motivi di salute è quanto di più becero si possa fare. Etica ed estetica in politica vanno di pari passo. Risposte che di merito non hanno nulla, ci fanno continuare a ritenere che chi ci governa oggi rappresenta il peggio per questa Regione». Anche i consiglieri provinciali intervengono sulle parole poco ponderate di Forza Italia: Rocco Pappalardo da Oppido,esprimendo piena solidarietà a Marcello Pittella, a malincuore scrive «mai così in basso».

Gli fa eco Giovanni De Santis da Rotondella per cui invece «qui sono le parole che superano la politica, qualora ci fosse». Solidarietà a Marcello Pittella anche da parte di alcuni sindaci di partito: Viviana Cervellino, da Genzano sottolinea che «non si tratta di poco valore politico- questo è noto ai lucani- ma di non avere alcun valore». A Marcello Pittella manda a dire «sei orgoglio e forza della nostra comunità».

Salvatore Cosma, primo cittadino di Tursi, esprime come i colleghi solidarietà a Marcello Pittella sostenendo che «chi si fa promotore di scrivere parole come quelle scritte dai consiglieri regionali di Forza Italia e che alludono all’assenza di Marcello Pittella per seri motivi di salute, o per ragioni ampiamente chiarite dalle autorità competenti con l’assoluzione con formula piena, non merita di rappresentare i cittadini.

Cattiveria, odio e zero politica. Questa regione non è così brutta». Marco Zipparri, Sindaco di Marsicovetere utilizza sempre i social per dire che «una parte di chi governa la nostra Regione, e più precisamente alcuni esponenti di Forza Italia, rispondono ad una conferenza stampa della minoranza, attaccando l’ex Governatore Marcello Pittella. Un attacco che non è solo sul dibattito politico, ma è decisamente di natura personale e sulle vicende di salute che hanno interessatoe ancora interessano il Consigliere Regionale del PD Marcello Pittella.

Questa non è politica: è quanto di più becero si possa esternare da persone che dovrebbero rappresentare la nostra Regione. La politica a volte è bellezza. È conoscenza. È esercizio democratico che si basa su confronto e apertura al dialogo. Questa volta è mancato il rispetto umano. E se manca il rispetto della “persona” e per la “persona”, manca tutto». Da sempre vicino a Pittella, è intervenuto anche l’ex sindaco di Lauria Angelo Lamboglia che esprime solidarietà e vicinanza a Marcello Pittella e sostiene che «non ci sono parole: spostare il confronto politico-istituzionale su problemi personali e di salute evidenzia la mancanza di vere argomentazioni atte a contrastare quanto denunciato». Si muove anche la segreteria Pd: da Matera, il segretario Provinciale Claudio Scarnato su Twitter scrive che «per l’ennesima volta alla nostra domanda di politica e futuro, il centrodestra lucano risponde con attacchi personali ».

Riferendosi sia alla vicenda che ha coinvolto La Regina sia a quella di Pittella, scrive che «addirittura si passa a fare ironia sulla salute. Si capisce che argomenti nehanno pochi per rispondere alla conferenza stampa»


Il Vice Segretario Vicario Maura Locantore su twitter scrive che non bisogna «mai confondere, soprattutto quando si rappresentano le istituzioni, l’ironia con l’arroganza. E mai si dovrebbe nutrire il dibattito politico con metafore sgradevoli che provano a colpire sul piano personale. Tali esternazioni si commentano da sole. Andiamo avanti con testa e cuore». A lei risponde la commissaria della Conferenza Donne Democratiche Lucia Sileo per cui «senza argomenti si ironizza sulla salute». E poi avverte, in riferimento alla persona di Marcello Pittella: «tranquilli che il leone è tornato».

LA REGINA RICORDA IL SUO PRECDEDENTE CON LA LEGA

Nessuna parola da Marcello Pittella, uomo di stile che preferisce in questo caso rimanere in silenzio. Ma interviene lo stesso segretario regionale Raffaele La Regina che in un post social scrive: «la Lega decide di risponde alle mie posizioni sul Quirinale con una diffamazione. Forza Italia fa molto peggio: risponde alla posizione politica del Partito Democratico Basilicatasul Piano Strategico Regionale con un vero e proprio sciacallaggio mediatico, facendo ironia sulla salute di Marcello Pittella al quale mi stringo in un abbraccio.Sul merito mai, sempre sull’ingiuria. Se questa è politica…».

Una critica che avrebbe dovuto zittire i firmatari dell’improprio comunicato ma che invece fa apre un virtuale botta e risposta con Francesco Piro e Gerardo Bellettieri. Il primo, capogruppo di Forza Italia, rivolgendosi al segretario Dem parla di «sciacallaggio politico: il comunicato stampa di Forza Italia, non ha nulla a che vedere con lo stato di salute di Marcello Pittella a cui tutti noi auguriamo una totale e pronta guarigione. Fai politica costruttiva e non vivere solo di social, facendo gravi illazioni».In un altro post poi aggiunge che la risposta nel comunicato stampa pubblicato a nome suo e dei suoi colleghi di Forza Italia «era riferita alla frase di Pittella che avrebbe parlato di “una maggioranza che nel cuore dei lucani non c’è più”.

Doverosa e necessaria questa precisazione, perché mai ci saremmo riferiti a problemi afferenti lasfera personale del collega consigliere, col quale c’è un rapporto di franco confronto solo sul terreno politico». A quel punto ritorna a pubblicare La Reginache chiede direttamente a Bellettieri di «smentire quella lettura errata mediante un comunicato perché così presenta poche possibilità di interpretazioni diverse ».

IL CHIARIMENTO DEI FORZISTI

Dopo tanti tira e molla e aver dato conferma ai lucani della pochezza politica di taluni esponenti, sia di uno schieramento che dell’altro, arriva finalmente alle 19.52 la pezza che rattoppa un buco. Piro, Bellettieri e Acito scrivono «ci dispiace che il nostro comunicato, nel quale non c’è alcun riferimento a Marcello Pittella, sia stato interpretato come una mancanza di rispetto umano nei suoi confronti. Per ristabilire la nostra posizione, il termine “presenza” è riferito alla “presenza” di proposta politica di tutto il Pd. Ma proprio per allontanare ogni equivoco non abbiamo alcuna difficoltà a chiarire e, se dovesse essere ancora interpretato come attacco personale a Pittella, a chiedergli scusa ».

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti