Le Cronache Lucane

GLI SCAMBISTI DI FRATELLI D’ITALIA

Tacco&Spillo

Che il saltello scapigliato degli scambisti di FdI animasse di novità e colpi bassi l’asfittica scena del potere regionale, da cui peraltro dipendono i guai della Basilicata, era facile prevederlo, ma che divenisse la regola generale per far girare il centrodestra sul traguardo della mobilità indecente della politica voltagabbana lo si era già capito dalle frotte d’ammiccamenti e pacche sulle spalle con cui il settantenne governatore s’era spinto a salutare la truppa dei pellegrini stanchi fino al sospirato approdo meloniano. Ora però Giovanni Vizziello, con la complicità tattica del leghista Massimo Zullino, rende pan per focaccia ai Fratellini coltelli d’Italia che guidati dalla Quarta vita di Piergiorgio, anche lui transfugo ma da sinistra, lo volevano infinocchiare nel nome di Cosimo Latronico, non proprio di primo pelo e fittiano a sua insaputa come pure la truppa ingrossata del Comune di Potenza. Tutto questo per dire che Vito Bardi pur di tuffarsi sulla poltrona da senatore che FI non può garantirgli, può anche dimenticare le buone maniere di coalizione come spingere FdI alla polifagia, ma alla fine dopo che ci si è ingozzati arriva sempre l’indigestione e, naturalmente, la resa dei conti. Ricorda un bel proverbio: 11“Chi la fa, l’aspetti”. 

Le Cronache Lucane