Le Cronache Lucane

BENNARDI SCARICO, PERDE ANCHE L’ULTIMO VOLT: È CONTA DEI VOTI


MATERA. Malgrado la fine del 2021 sia stata caratterizzata da tutta una serie di interventi sui social da parte del Sindaco Bennardi che ha illustrato i risultati, a sua detta positivi, conseguiti dall’amministrazione comunale, vanno anche menzionate le “pagelle” presentate ufficialmente dall’opposizione consiliare che coralmente, sia nella componente di centrodestra che in quella di centrosinistra, ha «Bocciato l’amministrazione Bennardi».

A proposito di insufficienze va anche detto che durante uno degli ultimi due consigli comunali di fine anno, la maggioranza nel votare sulla “Integrazione del programma biennale degli acquisti di beni e servizi 2021-2022”, si è ancora una volta salvata davvero per un soffio, o meglio per un voto. La decisione infatti del consigliere dei Volt Liborio Nicoletti di allearsi in quell’occasione con l’opposizione, ha messo Bennardi in seria difficoltà e l’integrazione di programma è passata in assemblea con 17 voti vale a dire il numero minimo indispensabile. E inoltre è stata una fortuna per Bennardi e company che la ex-scontenta consigliera pentastellata Milia Parisi abbia deciso sempre nella stessa circostanza di sostenere la sua maggioranza, e rimanere fedele al cosiddetto “patto di lealtà”, altrimenti l’esito finale del voto sarebbe stato diverso.

Situazioni che potrebbero ripetersi anche in questo avvio di anno nuovo, se il sindaco non dimostri di voler realmente coinvolgere l’intera maggioranza nelle decisioni cruciali. Cosa che gli viene ormai chiesta da diverso tempo, portando ad aprire la crisi di maggioranza. Tra le altre novità politiche o per meglio dire continuità con il passato registrate alla fine del vecchio anno e riportate pari pari in quello nuovo, vi è l’ormai nota questione dei debiti fuori bilancio. In proposito non sono mancate le bacchettate in consiglio comunale da parte della consigliera di Matera Trepuntozero Milena Tosti che ha tuonato: «In due anni le somme spese dal comune per le “cause perse” in tribunale arrivano a circa 7 milioni di euro. Cifre allucinanti! – ha aggiunto Tosti – che indicano l’emorragia continua che va a danno dei cittadini ».

Una conferma che all’uscita di tali ingenti somme si debba subito porre un rimedio, è arrivata anche dal consigliere di Campo Democratico Paterino che dai banchi della maggioranza ha convenuto che per evitare brutte sorprese occorre «Monitorare periodicamente e tenere sotto controllo il debito fuori bilancio». Da registrare infine l’unanimità consiliare di voto sul “Completamento del raccordo ferroviario Ferrandina- Matera e il suo prosieguo verso la dorsale adriatica” e tante critiche e contestazioni dell’opposizione alla maggioranza sul cambiamento di “indirizzo” sia topografico che politico circa la “Casa delle tecnologie”.


 

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti