Le Cronache Lucane

POLICORO, RETE CIVICA : « UN PROGETTO FATTIBILE PER POLICORO »

Ad illustrarne i punti cardine Domenico Angelone, coordinatore di “Rete Civica”

Il Gruppo politico denominato “Rete Civica Policoro” si è costituito nel 2020 con lo scopo di favorire la comunicazione interattiva tra i cittadini, creare e rafforzare l’identità locale, diffondere la storia e l’immagine della città e permettere l’accesso e la visibilità del territorio ad un pubblico più ampio.
« Con la crisi economica – dichiara il Coordinatore di Rete Civica Domenico Angelone – ambientale e sociale che la nostra comunità sta attraversando, convinti che è folle sperare che le cose cambino senza far nulla per cambiarle, che la crisi può essere – prosegue Angelone – una benedizione per le persone e per le comunità poiché porta progresso, creatività, inventiva, scoperte e grandi strategie, Rete Civica per Policoro vuole proiettarsi nella partecipazione agli appuntamenti elettorali che vedranno il rinnovo della classe dirigente nella città di Policoro, creare una tavola rotonda attorno alla quale far sedere professionisti, imprese e tutti coloro che vorranno contribuire ala realizzazione di un programma fattibile per Policoro ».
« Le logiche fondate sulla mera lamentela – prosegue il Coordinatore di Rete Civica – o sull’attacco a chi amministra oggi o a chi si propone nella competizione elettorale, non appartengono alla mission di Rete Civica, che intende mettere in campo un progetto di sviluppo sostenibile, fatto di pochi punti realizzabili da condividere con la comunità già prima del teatro elettorale che sarà allestito e popolato nei prossimi mesi. Massima apertura – prosegue Angelone – al dialogo con cittadini, forze sociali e politiche, che porti ad una proposta seria e ad un’idea di città abitabile, vivibile per tutti nelle sfide europeiste che offrono, anche con il PNRR opportunità davvero inimmaginabili. Opportunità che richiedono consapevolezza, competenza e conoscenza delle risorse e della storia di questa comunità, una storia conclude il Coordinatore di Rete Civica – che non può essere lasciata a sé stessa, ma valorizzata e tramandata ed essere punto di partenza per guardare con fiducia al futuro. Mare, turismo, ambiente, attività produttive, devono essere elementi omogenei di un progetto integrato, un sentiero percorribile innovando la pubblica amministrazione e le logiche finanziarie ed economiche della cosa pubblica ».
.

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti