Le Cronache Lucane

POTENZA 21 NOVEMBRE: MIA – SOLO TU NELL’UNIVERSO – LA VOCE DELLA MUSICA CONTRO LA VIOLENZA

FINALMENTE il pubblico delle grandi occasioni ha riempito il Teatro Francesco Stabile per rendere omaggio a MIA attraverso la splendida interpretazione di NURA SPINAZZOLA

MIA 
𝘔𝘢 𝘱𝘦𝘳𝘤𝘩𝘦 𝘨𝘭𝘪 𝘶𝘰𝘮𝘪𝘯𝘪 𝘤𝘩𝘦 𝘯𝘢𝘴𝘤𝘰𝘯𝘰 | 𝘴𝘰𝘯𝘰 𝘧𝘪𝘨𝘭𝘪 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘦 𝘥𝘰𝘯𝘯𝘦 | 𝘮𝘢 𝘯𝘰𝘯 𝘴𝘰𝘯𝘰 𝘤𝘰𝘮𝘦 𝘯𝘰𝘪❓

🔸Comune di POTENZA🔸
Questa sera 21.11.2021

Teatro Stabile – sipario ore 20.30

𝐌𝐈𝐀 – 𝐬𝐨𝐥𝐨 𝐭𝐮 𝐧𝐞𝐥𝐥’𝐮𝐧𝐢𝐯𝐞𝐫𝐬𝐨
Concerto di Beneficenza contro la violenza sulle Donne

UN CONCERTO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE
21 novembre 2021 ~ Teatro Francesco Stabile ~ Potenza 
Nura Spinazzola ha omaggiato Mia Martini

I fondi ricavati andranno alle vittime di violenza e ai loro figli
Mia Martini cantante e autrice italiana (1947-1995)

È considerata una delle voci più belle ed espressive della musica leggera italiana, dotata di ampia estensione, di grande duttilità nel passaggio fra i vari registri e di una vocalità capace di coniugare note passionali a note più dolorose con grande facilità, nonché caratterizzata dal suo essere sofisticata e con una forte intensità interpretativa.

La cantante Mia Martini, pseudonimo di Domenica Rita Adriana Bertè detta Mimì scomparsa nel 1995

Il suo album di debutto, Oltre la collina e il singolo Padre davvero sono giudicati tra i migliori lavori italiani mai realizzati.

Successi come Piccolo uomo, Donna sola, Minuetto, Il guerriero, Inno, E stelle stan piovendo, Al mondo, Donna con te, Che vuoi che sia se t’ho aspettato tanto, Per amarti e La costruzione di un amore la consacrano tra le protagoniste della musica italiana negli anni settanta, decennio nel quale raggiunge una grandissima popolarità sia nazionale che internazionale.
È l’unica interprete femminile ad aver vinto due Festivalbar consecutivamente, rispettivamente nel 1972 (con Piccolo Uomo)

Piccolo uomo
Brano di Mia Martini

Due mani fredde nelle tue
Bianche colombe dell’addio
Che giorno triste questo mio
Se oggi tu ti liberi di me
Di me che sono tanto fragile
E senza te mi perderò

Piccolo uomo, non mandarmi via
Io piccola donna morirei
È l’ultima occasione per vivere
Vedrai che non la perderò, e no
È l’ultima occasione per vivere
Avrò sbagliato, sì, lo so
Ma insieme a te ci riuscirò
Perciò ti dico
Piccolo uomo, non mandarmi via
Io piccola donna sola, morirei
Aria di pioggia su di noi
E tu non mi parli più, cos’hai?
E certo se fossi al posto tuo
Io so già che cosa ti direi
Da sola mi farei un rimprovero
E dopo mi perdonerei
Piccolo uomo, non mandarmi via, non mandarmi via
Io piccola donna morirei
È l’ultima occasione per vivere
Vedrai che non la perderò
Perché io posso, io devo, io voglio vivere
E insieme a te ci riuscirò, io devo farlo
È l’ultima occasione per vivere
Vedrai che non la perderò
Perché io posso, io devo, io voglio vivere
Ci riusciremo insieme
Piccolo uomo, non mandarmi via
Io piccola donna sola, morirei
Piccolo uomo, non mandarmi via
Io piccola donna sola, morirei, morirei
Piccolo uomo, non mandarmi via (Non mandarmi via)
Io piccola donna sola morirei (Non mandarmi via)
Piccolo uomo, non mandarmi via
Io piccola donna sola morirei (Morirei)
Piccolo uomo, non mandarmi via
Io piccola donna sola, morirei
Piccolo uomo, non mandarmi via
Io piccola donna sola, morirei

e nel 1973 (con Minuetto)

Minuetto
Brano di Mia Martini
È un’incognita ogni sera mia
Un’attesa, pari a un’agonia
Troppe volte vorrei dirti “no”
E poi ti vedo e tanta forza non ce l’ho
Il mio cuore si ribella a te, ma il mio corpo no
Le mani tue, strumenti su di me,
Che dirigi da maestro esperto quale sei
E vieni a casa mia, quando vuoi, nelle notti più che mai
Dormi qui, te ne vai, sono sempre fatti tuoi
Tanto sai che quassù male che ti vada avrai
Tutta me, se ti andrà per una notte
Na, na, na
Na, na, na, na
Na, na, na, na, na
E cresce sempre più la solitudine
Nei grandi vuoti che mi lasci tu
Rinnegare una passione no
Ma non posso dirti sempre sì e sentirmi piccola così
Tutte le volte che mi trovo qui di fronte a te, eh
Troppo cara la felicità per la mia ingenuità
Continuo ad aspettarti nelle sere per elemosinare amore
Sono sempre tua, quando vuoi, nelle notti più che mai
Dormi qui, te ne vai, sono sempre fatti tuoi
Tanto sai che quassù, male che ti vada avrai
Tutta me, se ti andrà, per una notte, sono tua
La notte a casa mia, sono tua, sono mille volte tua
E la vita sta passando su noi, di orizzonti non ne vedo mai
Ne approfitta il tempo e ruba come hai fatto tu
Il resto di una gioventù che ormai non ho più
E continuo sulla stessa via, sempre ubriaca di malinconia
Ora ammetto che la colpa forse è solo mia
Avrei dovuto perderti, invece ti ho cercato
Io non so l’amore vero che sorriso ha
Pensieri vanno e vengono, la vita è così
Minuetto suona per noi, la mia mente non si ferma mai
Pensieri vanno e vengono, la vita è così
Na, na, na
La mia mente non si ferma mai
Io non so l’amore vero che sorriso ha
Pensieri vanno e vengono, la vita è così
Minuetto suona per noi, la mia mente non si ferma mai
Io non so l’amore vero che sorriso ha

Nel 1977 avvengono due incontri molto importanti: il primo è con Charles Aznavour, sodalizio che culminerà il 10 gennaio 1978con un recital all’Olympia di Parigi; il secondo incontro è quello col cantautore genovese Ivano Fossati, col quale si instaura un sodalizio artistico e sentimentale che culminerà con l’album Danza nel 1978.

Ritorna sulle scene nel 1981, dopo due interventi alle corde vocali che ne modificarono la timbrica vocale e l’estensione.

L’anno successivo si presenta al Festival di Sanremo con E non finisce mica il cielo, scritta sempre da Fossati, dove riceve il Premio della Critica, che viene istituito proprio per la sua intensa interpretazione e che dal 1996 anno successivo alla sua prematura scomparsa, prende il nome di Premio della Critica “Mia Martini”.

Nel 1983 decide di ritirarsi dalle scene a causa di una maldicenza che la terrà fuori dai riflettori fino al 1989, quando si ripresenta sul palco di Sanremo con Almeno tu nell’universo, che la riporta al grande successo.

Almeno tu nell’universo
Brano di Mia Martini

Sai, la gente è strana
Prima si odia e poi si ama
Cambia idea improvvisamente
Prima la verità, poi mentirà lui
Senza serietà, come fosse niente

Sai, la gente è matta
Forse è troppo insoddisfatta
Lei segue il mondo ciecamente
E quando la moda cambia
Lei pure cambia
Continuamente, scioccamente
Tu, tu che sei diverso
Almeno tu nell’universo
Un punto sei, che non ruota mai intorno a me
Un sole che splende per me soltanto
Come un diamante in mezzo al cuore
Tu, tu che sei diverso
Almeno tu nell’universo
Non cambierai
Dimmi che per sempre sarai sincero
E che mi amerai davvero
Di più, di più, di più
Sai, la gente è sola
E come può lei si consola
Ma non far sì che la mia mente
Si perda in congetture, in paure
Inutilmente e poi per niente
Tu, tu che sei diverso
Almeno tu nell’universo
Un punto sei, che non ruota mai intorno a me
Un sole che splende per me soltanto
Come un diamante in mezzo al cuore
Tu, tu che sei diverso
Almeno tu nell’universo
Non cambierai
Dimmi che per sempre sarai sincero
E che mi amerai davvero
Di più, di più, di più
Non cambierai
Dimmi che per sempre sarai sincero
E che mi amerai davvero
E davvero di più
E… di più
Di più

Questi sono anni di grandi collaborazioni costellati da canzoni come Gli uomini non cambiano, La nevicata del ’56 e Cu’mme, in coppia con Roberto Murolo ed Enzo Gragnaniello

Cu’mme!
Brano di Mia Martini e Roberto Murolo

Scinne cu ‘mme
Nfonno o mare a truva’
Chillo ca nun tenimmo acca’
Vieni cu mme
E accumincia a capi’
Comme è inutile sta’ a suffri’
Guarda stu mare
Ca ci infonne e paure
Sta cercanne e ce mbara’
Ah comme se fa’
A da’ turmiento all’anema
Ca vo’ vula’
Si tu nun scinne a ffonne
Nun o puo’ sape’
No comme se fa’
Adda piglia’ sultanto
O mare ca ce sta’
Eppoi lassa’ stu core
Sulo in miezz a via

Saglie cu ‘mme
E accumincia a canta’
Insieme e note che l’aria da’
Senza guarda’
Tu continua a vula’
Mientre o viento
Ce porta la’
Addo ce stanno
E parole chiu’ belle
Che te pigliano pe mbara’
Ah comme se fa’
A da’ turmiento all’anema
Ca vo’ vula’
Si tu nun scinne a ffonne
Nun o puo’ sape’
No comme se fa’
Adda piglia’ sultanto
O mare ca ce sta’
Eppoi lassa’ stu core
Sulo in miezz a via
Ah comme se fa’
A da’ turmiento all’anema
Ca vo’ vula’
Si tu nun scinne a ffonne
Nun o puo’ sape’
No comme se fa’
Adda piglia’ sultanto
O mare ca ce sta’
Eppoi lassa’ stu core
Sulo in miezz a via

Ha rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest per due volte, nel 1977 con Libera e nel 1992 con Rapsodia.

Muore il 12 maggio 1995 nel suo appartamento di Cardano al Campo a 47 anni, in circostanze mai del tutto chiarite.

Esperienza affascinante, portare in TEATRO l’arte, le canzoni e la sofferenza di Mia Martini, interprete dal talento infinito e dalla vita complicata.

𝐍𝐔𝐑𝐀 una delle voci più colte del panorama pop italiano, nota per il suo inconfondibile stile, propone questo suo “nuovo” spettacolo con momenti d’intensa magia interpretativa.

E da raccontare e da cantare ci sarà tanto.

A partire dall’infanzia di Domenica Bertè (vero nome di Mia Martini) a Bagnara Calabra e dal rapporto complicato delle donne di casa – compresa la sorella Loredana – con il padre; gli anni marchigiani e l’approdo a Roma, gli anni dell’amicizia con Renato Zero, l’incontro con Gabriella Ferri e il primo contratto discografico.

La consapevolezza di possedere una voce unica che, unita a una naturale propensione all’interpretazione e al registro drammatico regaleranno il successo già dall’inizio degli Anni Settanta

🔹L’omaggio ripercorso con logica temporale, la vita artistica di Mia Martini riproponendo, senza però stravolgere l’originale, un itinerario tra le sue più note e coinvolgenti canzoni da
“Piccolo Uomo”
ad “Almeno tu nell’universo”
passando per “Minuetto” e
“E non finisce mica il Cielo”

Per Mia Martini scriveranno un giovane Claudio Baglioni per il disco d’esordio (“Oltre la collina”, 1971) e un ispirato Franco Califano, in grado di comporre “Minuetto” (1973), abito che si rivelò perfetto per lanciare la carriera della cantante.
E stasera ci saranno da raccontare anche i trionfi all’Olympia nel recital con Charles Aznavour (1978), la storia con Ivano Fossati il quale, oltre a legarsi sentimentalmente con la cantante, scriverà per lei alcune delle canzoni più importanti del repertorio, da “La costruzione di un amore” a “Vola” fino a “E non finisce mica il cielo”.

🔹NURA ripercorrere la lunga e purtroppo contrastata carriera di un’artista vittima del pregiudizio, per rendere un degno omaggio alla memoria ricordando le sue intramontabili canzoni.

Impossibile però tacere della vicenda più amara e cioè l’obbligo di convivere per anni con la più tremenda delle dicerie, soprattutto se indirizzata verso una persona sensibile e fragile come la cantante: «Mia Martini porta sfortuna», ecco la frase che a inizio anni Ottanta cominciò a diffondersi nell’ambiente; infamia che divenne tragedia quando in molti cominciarono a crederci davvero.

Il risultato fu che Mia Martini si isolò, allontanandosi dalla musica e applaudendo da lontano i trionfi della sorella Loredana Bertè.

Poi, nel 1989, la magia di un ritorno sul palcoscenico del festival di Sanremo con una di quelle canzoni destinate a restare nella storia della musica italiana, quella “Almeno tu nell’universo” che dà anche il titolo allo spettacolo di stasera.

Interpretazione che valse alla Martini il premio della critica, gli applausi sinceri del pubblico – che sembrò quasi chiederle perdono – e una popolarità che resterà costante fino al 14 maggio del 1995.

Giorno in cui la cantante fu trovata senza vita nella sua casa in provincia di Varese.

Tra dubbi e supposizioni che serviranno a poco, se non a rendere controverso anche l’atto finale della vita di Mia Martini.

Ce ne sarà da raccontare e cantare, OLTRE stasera


BUONA VISIONE E BUON ASCOLTO DIRETTE FACEBOOK IN ESCLUSIVA PER CRONACHE LUCANE 

VIDEO 01
https://www.facebook.com/100072093064320/videos/580458966380432/?d=n
VIDEO 02 
https://www.facebook.com/100072093064320/videos/496909181964637/?d=n
VIDEO  03 
https://www.facebook.com/100072093064320/videos/423144736125849/?d=n

GALLERIA FOTOGRAFICA 
LA STREPITOSA BAND con :

Pianista Vittorio Barbaro
Batteria Francesco Lattorre
Basso Silvano Finizio
Chitarra Pasquale Patella

https://www.facebook.com/100072093064320/posts/132345375845231/?d=n

DIRETTA FACEBOOK “Almeno tu nell’universo” l’omaggio di NURA a Mia Martini

🔹Almeno tu nell’universo breve
🔹Padre davvero
🔹Piccolo uomo
🔹Minuetto
🔹La costruzione di un amore
🔹La canzone popolare
🔹E non finisce mica il cielo
🔹Quante volte
🔹Almeno tu nell’universo
🔹La nevicata del 56
🔹Cu’mme
🔹Donna
🔹Gli uomini non cambiano
🔹Stella di mare
🔹La voce del silenzio
🔹Fiume sand creek
🔹Stelle
🔹Dillo alla luna
🔹La musica che gira intorno
🔸Medley finale


Il commento a caldo dì GIAMPIERO D’ECCLESIIS 

A Potenza siamo un pò freddi, è vero

Non è indifferenza, e meno che mai superbia, è che non siamo abituati, siamo chiusi tra le nostre colline, ci piace osservare ammirati, anche l’applauso è timido, mai per svogliatezza ma sempre e comunque per disabitudine.

Ma ieri sera no, nel teatro pieno quando ho visto la cantante rivolgersi al pubblico per invitarlo a cantare non mi aspettavo che succedesse e invece…

Sarà stato che Mia Martini è dei nostri, si è vero era calabrese, ma i tratti, la timidezza, se volete anche la sua storia ce la fanno sentire vicina.
Sarà stato che Nura è stata davvero brava, che la sua band è stata precisa, puntuale, gradevolissima, ma è successo.

Dalla platea il canto è partito piano poi è salito, salito, ed ha soverchiato perfino la voce della cantante.

Vi aggiungo il piccolo video che sono riuscito a fare quando mi sono ripreso dalla sorpresa.

Ecco, non lo faccio mai, ma stavolta voglio dirlo.

Brava Vittoria.

Brava per lo stile, in un mondo di selfie dipendenti, di video maniaci, di politici pronti a uccidere per 2 minuti di visibilità, sei stata capace di organizzare un bello spettacolo di beneficenza, di riempire il teatro e uscire sul palcoscenico 10 secondi per dire, buonasera, grazie a tutti, benvenuti e buon divertimento.

Altro che i pipponi autoreferenziali che ci vengono propinati per ogni stormir di foglia da chi non conosce la differenza tra essere e apparire.

Bellissime canzoni, bellissimi i testi, da ascoltare col cuore, molto più espliciti di qualsiasi tavolo pieno di personaggi in cerca di visibilità.

A Potenza, ieri sera al Teatro Stabile.
#stopviolenceagainstwomen

https://www.facebook.com/1121893847/posts/10220599005621389/?d=n


IN AGGIORNAMENTO

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com