Le Cronache Lucane

SE BARDI ESULTA PERFINO DEL RITARDO

Tacco&Spillo

Senza ipocrisia e con l’onore delle armi vogliamo ringraziare la baldanza comunicativa e tutta lunare del settantenne Vito Bardi che ci solleva assist d’ironia e cattivi pensieri davvero troppo facili per infilzare al palo dell’incapacità e dell’inefficienza il suo governo di mugugni e poco più di nulla. L’ultimo in ordine d’arrivo è stato quello lanciato a ridosso di una collinetta materana in cui ha annunciato spocchioso che  sarà adottato “il piano strategico regionale, base per la nostra azione amministrativa”. Ora lasciamo stare la specificazione fondativa che è come un’ammissione di colpa per non aver garantito fin qui nemmeno l’essenziale, ma a fare due conti della serva l’art.45 dello Statuto prevede che dalla relazione programmatica sarebbero dovuti bastare solo 6 mesi per approvare il piano strategico e non oltre 2 anni. Tutto questo per dire che non solo l’annuncio vale poco meno di un colpo di tosse secca, ma che Bardi e questo centrodestra d’affanno e di sciagura hanno una particolare vocazione alla rimozione della responsabilità, ma poi primeggiano nella cucina disinvolta della propaganda. Ritorna in mente la battuta di Antonio Albanese: “L’uomo di oggi è in ritardo. È meglio aspettare quello di domani”.

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com