Le Cronache Lucane

GREEN PASS E TEST SALIVARI: LA CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLA SALUTE

“Il test molecolare su campione respiratorio nasofaringeo e orofaringeo (il tampone molecolare, ndr) resta, tuttora, il gold standard internazionale per la diagnosi di Covid 19 in termini di sensibilità e specificità”

#circolare

Ministero della Salute
DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA



A

Ufficio di Gabinetto Sede
Protezione Civile
Coordinamento.emergenza@protezionecivile.it
protezionecivile@pec.governo.it
Ministero Economia e Finanze
mef@pec.mef.gov.it
Ministero Sviluppo Economico
gabinetto@pec.mise.gov.it
Ministero Infrastrutture e Trasporti ufficio.gabinetto@pec.mit.gov.it
Ministero Del Lavoro e Politiche Sociali
segreteriaministro@pec.lavoro.gov.it
Ministero dei Beni e Delle Attività Culturali e del Turismo
mbac-udcm@mailcert.beniculturali.it
Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
gabinetto.ministro@cert.esteri.it
Ministero della Difesa Ispettorato Generale della Sanità Militare
stamadifesa@postacert.difesa.it
Ministero dell’Istruzione
uffgabinetto@postacert.istruzione.it
Ministero dell’Università e della Ricerca
uffgabinetto@postacert.istruzione.it
Ministero dell’Interno
gabinetto.ministro@pec.interno.it
Ministero della Giustizia
capo.gabinetto@giustiziacert.it
Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Direzione Generale dei Detenuti e del Trattamento Ministero Della Giustizia prot.dgdt.dap@giustiziacert.it gabinetto.ministro@giustiziacert.it
Ministero dello Sviluppo Economico
gabinetto@pec.mise.gov.it
Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali
ministro@pec.politicheagricole.gov.it
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare segreteria.ministro@pec.minambiente.it
Presidenza Consiglio dei Ministri – Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie affariregionali@pec.governo.it
Assessorati alla Sanità Regioni Statuto Ordinario e Speciale
LORO SEDI
Assessorati alla Sanità Province Autonome Trento e Bolzano
LORO SEDI
Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI)
anci@pec.anci.it
U.S.M.A.F. – S.A.S.N. Uffici di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera
LORO SEDI
COMMISSARIO STRAORDINARIO PER L’EMERGENZA COVID 19 commissarioemergenzacovid19@pec.governo.it
Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute Conferenza Episcopale Italiana salute@chiesacattolica.it
0043105-24/09/2021-DGPRE-DGPRE-P
OS

Don Massimo Angelelli
Direttore Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute
m.angelelli@chiesacattolica.it
Federazione Nazionale Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri segreteria@pec.fnomceo.it
FNOPI Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche
federazione@cert.fnopi.it
FNOPO Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica
presidenza@pec.fnopo.it
FOFI Federazione Ordini Farmacisti Italiani
posta@pec.fofi.it
Direzione generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico DGDMF
SEDE
Federazione Nazionale Ordini dei TSRM e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione federazione@pec.tsrm.org
Azienda Ospedaliera – Polo Universitario Ospedale Luigi Sacco protocollo.generale@pec.asst-fbf-sacco.it
Comando Carabinieri Tutela della Salute – NAS
srm20400@pec.carabinieri.it
Istituto Superiore di Sanità
protocollo.centrale@pec.iss.it
Istituto Nazionale per le Malattie Infettive – IRCCS “Lazzaro Spallanzani” direzionegenerale@pec.inmi.it
Centro Internazionale Radio Medico (CIRM)
fondazionecirm@pec.it
Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della povertà (INMP)
inmp@pec.inmp.it
Federazione delle Società Medico-Scientifiche Italiane (FISM)
fism.pec@legalmail.it
Confartigianato
presidenza@confartigianato.it
Centro Nazionale Sangue
cns@pec.iss.it
Centro Nazionale Trapianti
cnt@pec.iss.it
CONFCOMMERCIO
confcommercio@confcommercio.it
Ente Nazionale per l’Aviazione Civile – ENAC
protocollo@pec.enac.gov.it
TRENITALIA
dplh@cert.trenitalia.it
ITALO – Nuovo Trasporto Viaggiatori SpA
italo@pec.ntvspa.it
SEDE
SIMIT – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali
segreteria@simit.org
Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria (Simspe-onlus)
Via Santa Maria della Grotticella 65/B
01100 Viterbo
Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva siaarti@pec.it
Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali AGENAS
agenas@pec.agenas.it
Federazione Nazionale degli Ordini dei CHIMICI e dei FISICI
segreteria@pec.chimici.it
Dipartimento Per Le Politiche Della Famiglia ROMA
segredipfamiglia@pec.governo.it
Regione Veneto – Assessorato alla sanità Direzione Regionale Prevenzione Coordinamento Interregionale della Prevenzione francesca.russo@regione.veneto.it coordinamentointerregionaleprevenzione@region e.veneto.it
Direzione Generale Programmazione Sanitaria
DGPROGS
Ordine Nazionale dei Biologi
protocollo@peconb.it
ANTEV Associazione Nazionale Tecnici
Verificatori – PRESIDENTE
presidente@antev.net

OGGETTO: Aggiornamento delle indicazioni sull’impiego dei test salivari per il rilevamento dell’infezione da SARS-CoV-2, con particolare riferimento al monitoraggio della circolazione virale in ambito scolastico.

Si fa seguito alle indicazioni pubblicate dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC)1 e alle Circolari n. 21675 del 14 maggio 2021 “Uso dei test molecolare e antigenico su saliva ad uso professionale per la diagnosi di infezione da SARS-CoV-2” e n. 36254 dell’11 agosto 2021 “Aggiornamento sulle misure di quarantena e di isolamento raccomandate alla luce della circolazione delle nuove varianti SARS-CoV-2 in Italia ed in particolare della diffusione della variante Delta (lignaggio B.1.617.2)”.

Infatti, anche alla luce delle raccomandazioni indirizzate alle scuole contenute nel Rapporto “Indicazioni strategiche ad interim per la prevenzione e il controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 in ambito scolastico (a.s. 2021-2022)” elaborate dall’Istituto Superiore di Sanità, Ministero della Salute, Ministero dell’Istruzione, INAIL, Fondazione Bruno Kessler, in collaborazione con il Commissario Straordinario per l’Emergenza Covid-19, e della messa a punto del “Piano di monitoraggio della circolazione di SARS-CoV-2”, destinato alla scuola primaria e secondaria di primo grado, al fine di sorvegliare, attraverso una “rete di scuole sentinella”, la diffusione del virus in ambito scolastico anche in soggetti asintomatici 2, si è reso necessario un aggiornamento delle indicazioni fornite in merito all’impiego dei test salivari per il rilevamento dell’infezione da SARS-CoV-2, con particolare riferimento al monitoraggio della circolazione virale in ambito scolastico.


Recenti evidenze scientifiche sui test salivari molecolari hanno individuato valori di sensibilità compresi tra il 77% e il 93% 3 4, inoltre, alcuni studi condotti in ambito scolastico hanno riportato una elevata concordanza tra i risultati ottenuti con test molecolare salivare e con test molecolare su campione nasofaringeo e orofaringeo 5.


Si ribadisce comunque che il test molecolare su campione respiratorio nasofaringeo e orofaringeo resta, tuttora, il gold standard internazionale per la diagnosi di COVID-19 in termini di sensibilità e specificità.

1 European Centre for Disease Prevention and Control. Considerations for the use of saliva as sample material for COVID-19 testing. 3 May 2021. Stockholm: ECDC; 2021. Consultabile presso: https://www.ecdc.europa.eu/sites/default/files/documents/covid-19-use- saliva-sample-material-testing.pdf
2 CS N°41/2021 – Covid-19: le indicazioni di prevenzione per la riapertura delle scuole e una rete di “scuole sentinella” per sorvegliare l’epidemia. Consultabile presso: https://www.iss.it/comunicati-stampa/- /asset_publisher/fjTKmjJgSgdK/content/id/5827669?_com_liferay_asset_publisher_web_portlet_AssetPublisherPortlet_INSTANCE _fjTKmjJgSgdK_redirect=https%3A%2F%2Fwww.iss.it%2Fcomunicati- stampa%3Fp_p_id%3Dcom_liferay_asset_publisher_web_portlet_AssetPublisherPortlet_INSTANCE_fjTKmjJgSgdK%26p_p_lifec ycle%3D0%26p_p_state%3Dnormal%26p_p_mode%3Dview%26_com_liferay_asset_publisher_web_portlet_AssetPublisherPortlet _INSTANCE_fjTKmjJgSgdK_cur%3D0%26p_r_p_resetCur%3Dfalse%26_com_liferay_asset_publisher_web_portlet_AssetPublish erPortlet_INSTANCE_fjTKmjJgSgdK_assetEntryId%3D5827669
3 Nicole Ngai Yung Tsang, Hau Chi So, Ka Yan Ng, Benjamin J Cowling, Gabriel M Leung, Dennis Kai Ming Ip,
Diagnostic performance of different sampling approaches for SARS-CoV-2 RT-PCR testing: a systematic review and meta-analysis, The Lancet Infectious Diseases, Volume 21, Issue 9, 2021, Pages 1233-1245. Disponibile presso: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1473309921001468?via%3Dihub
5 Oliver J, Tosif S, Lee LY, Costa AM, Bartel C, Last K, Clifford V, Daley A, Allard N, Orr C, Nind A, Alexander K, Meagher N, Sait M, Ballard SA, Williams E, Bond K, Williamson DA, Crawford NW, Gibney KB. Adding saliva testing to oropharyngeal and deep nasal swab testing increases PCR detection of SARS-CoV-2 in primary care and children. Med J Aust. 2021 Jul 20. doi: 10.5694/mja2.51188. Epub ahead of print. PMID: 34287935. Consultabile presso: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/pdfdirect/10.5694/mja2.51188
4 Kazem Khiabani, Mohammad Hosein Amirzade-Iranaq, Are saliva and deep throat sputum as reliable as common respiratory specimens for SARS-CoV-2 detection? A systematic review and meta-analysis, American Journal of Infection Control, Volume 49, Issue 9, 2021, Pages 1165-1176. Consultabile presso: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0196655321001401?via%3Dihub

L’impiego dei test salivari molecolari richiede un numero più elevato di passaggi che comportano tempistiche più lunghe per il processamento dei campioni. Pertanto, al fine di evitare il sovraccarico dei laboratori di microbiologia regionali, che in aggiunta alle attività ordinarie verranno impiegati nel monitoraggio della circolazione di SARS-CoV-2 in ambito scolastico, e di assicurare adeguate risorse per garantire l’efficacia e la sostenibilità di tale attività di sanità pubblica, nonché far conto su evidenze più robuste circa le caratteristiche dei test eseguiti su tali matrici, i test molecolari su campione salivare, almeno in una prima fase di avviamento, potranno essere considerati un’opzione alternativa ai tamponi oro/nasofaringei esclusivamente:

– in individui (sintomatici o asintomatici) fragili con scarsa capacità di collaborazione (ad esempio anziani in RSA, disabili, persone con disturbi dello spettro autistico),
oppure
– nell’ambito di attività di screening in bambini coinvolti nel Piano di Monitoraggio della circolazione di SARS-CoV-2 in ambito scolastico,
– per lo screening dei contatti di caso in bambini anche se la scuola non fa parte del Piano di Monitoraggio,
– in operatori sanitari e socio-sanitari nel contesto degli screening programmati in ambito lavorativo.

Si precisa che l’utilizzo dei kit per la PCR va condotto in coerenza con la normativa sui dispositivi medico- diagnostici in vitro, e che i soggetti preposti all’organizzazione di attività di screening devono garantire che tutte le fasi avvengano secondo le indicazioni previste dal fabbricante, in particolare riguardo la possibilità di utilizzo della matrice salivare.


Si fa presente, inoltre, che le modalità di raccolta e la qualità della saliva possono condizionare notevolmente la sensibilità del test. Visto che la corretta raccolta del campione salivare rappresenta un passaggio cruciale, si raccomanda pertanto l’attenta osservanza delle indicazioni fornite dai produttori del dispositivo di raccolta utilizzato.


In caso di positività del test salivare molecolare non sarà necessario effettuare un test di conferma su campione nasofaringeo/orofaringeo.

I test antigenici rapidi su saliva, sulla base delle evidenze disponibili, non sono al momento raccomandati come alternativa ai tamponi oro/nasofaringei, in quanto non raggiungono i livelli minimi accettabili di sensibilità e specificità. Inoltre, i test antigenici su matrice salivare sono al momento esclusi dall’elenco comune europeo dei test antigenici rapidi validi per ottenere la Certificazione verde COVID-19 6. Stanno emergendo alcune evidenze scientifiche riguardo il possibile impiego di test antigenici salivari basati su
6 “Technical working group on COVID-19 diagnostic tests – Common list of COVID-19 rapid antigen tests”. Consultabile presso: https://ec.europa.eu/health/security/crisis-management/twg_covid-19_diagnostic_tests_en

misurazione con strumenti di laboratorio 7 8 9, che tuttavia sono ancora in corso di valutazione per le applicazioni summenzionate.

Impiego del test salivare molecolare nell’ambito del monitoraggio scolastico della circolazione di SARS- CoV-2


Tenuto conto della facilità della raccolta del campione e dei vantaggi derivanti dalla minimizzazione dell’intervento di personale sanitario, la raccolta del campione salivare, nell’ambito del piano di monitoraggio scolastico della circolazione di SARS-CoV-2, potrà essere effettuata anche con modalità di auto-prelievo a domicilio da parte dei genitori/tutori (se previsto auto-prelievo dal fabbricante e in coerenza con la normativa sui dispositivi medici e le disposizioni regionali), seguendo un preventivo iter formativo per il conseguimento della necessaria confidenza con i dispositivi di raccolta.

Si ribadisce, inoltre, gli esiti dei test molecolari su campione salivare, compresi quelli eseguiti nel contesto di attività di screening, dovranno essere segnalati nel Sistema di Sorveglianza COVID-19 (sia nel flusso di dati individuali, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità, che in quello aggregato, coordinato dal Ministero della Salute).

Il DIRETTORE GENERALE
*F.to Dott. Giovanni REZZA

Il Direttore dell’Ufficio 5
Dott. Francesco Maraglino


Referenti/Responsabili del procedimento:

Dott.ssa Monica Sane Schepisi
Dott.ssa Anna Caraglia
Dott.ssa Alessia D’Alisera

*“firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del d. Lgs. N. 39/1993”


7 Amendola A, Sberna G, Lalle E, Colavita F, Castilletti C, Menchinelli G, Posteraro B, Sanguinetti M, Ippolito G, Bordi L, Capobianchi MR, On Behalf Of Inmi Covid-Study Group. Saliva Is a Valid Alternative to Nasopharyngeal Swab in Chemiluminescence-Based Assay for Detection of SARS-CoV-2 Antigen. J Clin Med. 2021 Apr 2;10(7):1471. doi: 10.3390/jcm10071471. PMID: 33918294; PMCID: PMC8038133.

8 Bordi L, Parisi G, Sberna G, Amendola A, Mariani B, Meoni G, Orazi D, Bartoletti P, Lombardozzi L, Barca A, Capobianchi MR, D’Alba F, Vaia F. Effective screening strategy against SARS-CoV-2 on self-collected saliva samples in primary school setting: A pilot project. J Infect. 2021 Jul;83(1):e8-e10. doi: 10.1016/j.jinf.2021.05.013. Epub 2021 May 21. PMID: 34023366; PMCID: PMC8139176. 9 Gili A, Paggi R, Russo C, Cenci E, Pietrella D, Graziani A, Stracci F, Mencacci A. Evaluation of Lumipulse® G SARS-CoV-2 antigen assay automated test for detecting SARS-CoV-2 nucleocapsid protein (NP) in nasopharyngeal swabs for community and population screening. Int J Infect Dis. 2021 Apr;105:391-396. doi: 10.1016/j.ijid.2021.02.098. Epub 2021 Feb 26. PMID: 33647511; PMCID: PMC7908845.

? GREEN PASS E TEST SALIVARI:

❇️ Test salivari: solo i molecolari sono validi per il Green pass‼️

Green pass e test salivari: quali sono validi per la carta verde
Solo i molecolari, sono esclusi invece gli antigenici.
La circolare del Ministero spiega quando si possono usare.


Qual è la differenza con il tampone molecolare e il tampone rapido

I test molecolari su matrice salivare sono validi ai fini del Green Pass, mentre, 

“i test antigenici su matrice salivare sono al momento esclusi dall’elenco comune europeo dei test antigenici rapidi validi per ottenere la Certificazione verde Covid-19”

come precisa la circolare inviata oggi dal Ministero della Salute che si allinea alle normative europee per Green pass, firmata dal direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza.

✳️ “I test antigenici rapidi su saliva, sulla base delle evidenze disponibili, non sono al momento raccomandati come alternativa ai tamponi oro/nasofaringei, in quanto non raggiungono i livelli minimi accettabili di sensibilità e specificità. Inoltre, i test antigenici su matrice salivare sono al momento esclusi dall’ elenco comune europeo dei test antigenici rapidi validi” per ottenere la Carta verde, precisa il documento.

✳️ “Il test molecolare su campione respiratorio nasofaringeo e orofaringeo (il tampone molecolare, ndr) resta, tuttora, il gold standard internazionale per la diagnosi di Covid 19 in termini di sensibilità e specificità”, dice ancora la circolare.

Ma quando possono essere usati i test salivari❓

Secondo quanto stabilito dalla circolare, i test salivari per rilevare il Covid, pur avendo ormai una buona affidabilità, richiedono tempi lunghi di processamento e quindi, per non sovraccaricare i laboratori, sono da considerare un’alternativa ai tamponi molecolari solo per i bambini e individui fragili.

I test salivari molecolari possono essere usati
“nell’ambito di attività di screening in bambini coinvolti nel Piano di monitoraggio della circolazione di Sars-CoV-2 in ambito scolastico, per lo screening dei contatti di caso in bambini anche se la scuola non fa parte del Piano di monitoraggio, in operatori sanitari e socio-sanitari nel contesto degli screening programmati in ambito lavorativo o in individui (sintomatici o asintomatici) fragili con scarsa capacità di collaborazione (ad esempio anziani in Rsa, disabili, persone con disturbi dello spettro autistico)”

La circolare precisa inoltre che in caso di positività del test salivare molecolare

“non sarà necessario effettuare un test di conferma su campione nasofaringeo- orofaringeo (il tampone classico, ndr)”, ricordano gli esperti.

Sull’impiego del test salivare molecolare nell’ambito dello screening scolastico, la circolare puntualizza che

“tenuto conto della facilità della raccolta del campione e dei vantaggi derivanti dalla minimizzazione dell’intervento di personale sanitario, la raccolta del campione salivare, nell’ambito del piano di monitoraggio scolastico della circolazione di Sars-CoV-2, potrà essere effettuata anche con modalità di auto-prelievo a domicilio da parte dei genitori-tutori (se previsto auto-prelievo dal fabbricante e in coerenza con la normativa sui dispositivi medici e le disposizioni regionali), seguendo un preventivo iter formativo per il conseguimento della necessaria confidenza con i dispositivi di raccolta”

✳️ Cosa sono i test salivari

La saliva viene considerata un’alternativa alle secrezioni nasali per le diagnosi Covid, anche se non presenta la stessa sensibilità.
I test salivari sono mini tamponi che in fondo hanno una spugnetta.
Il test va tenuto in bocca per un minuto e poi va messo in una provetta. Il risultato del campione verrà analizzato in laboratorio.

Affinché l’analisi sia corretta, deve essere raccolta la giusta quantità di saliva e la spugnetta non si deve rovinare, ad esempio dopo una masticazione accidentale.

? Test salivari in Emilia Romagna

La Regione Emilia Romagna ha previsto uno screening di 13 mila studenti al mese con i test salivari, per due mesi, in scuole selezionate. L’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, annuncia che partità presto. Lunedì 27 settembre, infatti, si partirà da Reggio Emilia e Forlì. Poi, nei giorni successivi – già da martedì 28 a Rimini, mercoledì 29 a Cesena e giovedì 30 a Ravenna – , si proseguirà su tutto il territorio regionale. Ancora in fase di definizione il calendario dell’area Ausl Bologna, dove, intanto, sono già state individuate quattro scuole in provincia. Così anche ad Imola, in provincia di Modena, Ferrara e Parma. Infine, a Piacenza, è in fase conclusiva l’individuazione di due istituti scolastici che saranno coinvolti nella sperimentazione.

? Test salivari nelle Marche

La Regione Marche ha fatto da apripista in Italia per il piano di monitoraggio per scuole elementari e medie per ridurre la diffusione del virus e limitare isolamenti e quarantene, cercando di evitare il ritorno alla didattica a distanza. Il piano della Regione, nel dettaglio, individua scuole “sentinella”, che consentano una campionatura rappresentativa della popolazione scolastica.

La sperimentazione dei test salivari sugli studenti nelle Marche è partita da Acquaviva (Ascoli): è stata la ‘De Carolis’ la prima scuola della provincia di Ascoli dalla quale è partito l’ esperimento, il 21 settembre scorso. Il Servizio di igiene e sanità pubblica dell’Area vasta 5 ha effettuato 41 prelievi (su un target potenziale di 55), poi consegnati al laboratorio di biologia molecolare dell’ospedale ‘Mazzoni’: i primi 36 refertati erano tutti negativi. La prima sessione, nel corso della quale dovranno essere coinvolti tutti e 5 i plessi individuati dal piano di monitoraggio (primaria ‘Iqbal Masih’ di Ascoli, ‘Albertini’ di Appignano, ‘Amici’ di Acquasanta, primaria di Montalto e ‘De Carolis’ di Acquaviva) scade domenica, mentre la seconda è in programma dal 27 settembre al 10 ottobre. Intanto, ieri (23 settembre), la sperimentazione è andata avanti, partendo dal plesso della primaria ‘Iqbal Masih’ di via Speranza ad Ascoli. Qui solo sei bambini, su circa 35, hanno però aderito.
Fino ad ora, comunque, nessun test salivare tra quelli esaminati, ha dato esito positivo.

Il Piano delle Marche sui test salivari riguarda la popolazione degli alunni asintomatici delle primarie (6-11 anni) e medie (12-14 anni).
Prevede che ogni 15 giorni siano testati, nelle Marche, 1.388 studenti, di cui 852 delle elementari e 536 delle medie.

 

 

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti