Le Cronache Lucane

UN LUCANO DOVREBBE SAPERLO, COS’È LO SFRUTTAMENTO

Lettere lucane

Mi ha molto rattristato leggere le notizie sull’inchiesta dell’antimafia lucana sulla tratta delle badanti moldave. In pratica un sodalizio criminale, capeggiato da una donna lucana, portava in Basilicata donne moldave provenienti da famiglie povere e disagiate, costringendole a versare una tangente – cento euro al mese sulle settecento percepite –, a consegnare il passaporto e a vivere in un clima di ricatti e di minacce. Mi chiedo sempre come si possa vivere in pace con se stessi schiavizzando gli altri e costruendo le proprie fortune economiche sulla sofferenza del prossimo. Evidentemente la morale – che per me è un fatto fisico, nel senso che sento la colpa proprio da un punto di vista somatico, ancor prima che spirituale – non funziona per tutti allo stesso modo, e per alcuni è addirittura un dato assente o inconcepibile, come dimostrano inchieste di questo genere. Come ci si può guardare allo specchio sapendo che delle persone piangono, soffrono, si umiliano a causa nostra? Queste moldave vivevano anche in venti in un solo appartamento, ed erano addirittura costrette a pagare l’affitto. La stessa domanda me la pongo pensando agli schiavi dell’agricoltura, principalmente africani, che non poche volte vengono trattati come bestie da soma. Come si fa a considerare fortuna economica una ricchezza costruita schiacciando la dignità degli altri? Eppure siamo terra di sofferenza, abbiamo alle spalle secoli di umiliazione e di sfruttamento – come non pensare ai braccianti agricoli lucani prima della Riforma agraria, o agli emigrati del dopoguerra nelle fabbriche di mezza Europa? Come fa un lucano – che ha una simile storia alle spalle – a schiacciare un senegalese o una moldava come un tempo venivamo schiacciati noi? Un lucano degno di questo nome non può non saperlo, cosa significa essere preso a cinghiate dai padroni. La Storia non può non avere una morale.

diconsoli@lecronache.info

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com