Le Cronache Lucane

STROKE UNIT: RIDOTTA LA MORTALITA’ ISCHEMICA

Il consuntivo del Dg del San Carlo di Potenza a 10 anni dall’inizio delle attività

Dieci anni fa è stata avviata l’attività della Stroke Unit di cui è stato presentato un consuntivo presso l’Azienda Ospedaliera San Carlo. E’ un’unità operativa a carattere semintensivo con personale specificamente dedicato alla cura dell’ictus cerebrale ed opera in stretta collaborazione con altre unità operative dell’Azienda con cui condivide percorsi diagnostico-terapeutici specifici, collabora inoltre con il Karolinska University Hospital per l’uso di alcuni fermaci utili al trattamento trombolitico nell’infarto miocardico acuto. L’ictus cerebrale rappresenta, in Italia ed in Basilicata, la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie ed è la prima causa assoluta di disabilità e la seconda forma più comune di demenza. Oltre 5 mila gli esami di ecodoppler e doppler transcranico effettuati e oltre 20 mila le visite in dieci anni. 2 mila 900 i ricoveri con riduzione della mortalità e della disabilità e un maggior numero di pazienti dimessi vivi a domicilio. Il tasso di mortalità è stato del 7% e, alla dimissione il 61% dei pazienti ha riportato una sensibile diminuzione del danno neurologico. Nella Stroke Unit di potenza, inserita nel dipartimento Neurochirurgico, sono fruibili otto posti letto provvisti ognuno di monitor multiparametrico.
Nel corso della presentazione, l’associazione Alice Basilicata che si impegna per la lotta all’ictus cerebrale, ha donato due monitor multiparametrici di ultima generazione utili alle attività di cura della Stroke unit.

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com