Le Cronache Lucane

RIFLESSIONI SU UNA CASA DI APPUNTAMENTI A TITO

Lettere lucane

A Tito un uomo che gestiva un centro massaggi è stato arrestato per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione – ovunque in Basilicata ci sono di questi luoghi dov’è possibile fare sesso pagando. Ovviamente è inutile ribadire che costringere una donna a prostituirsi è un reato e un crimine, eppure il vero mistero, almeno per quanto mi riguarda – e chi mi conosce sa che non mi appartiene alcun bigottismo – è come riescano alcuni uomini a provare piacere con donne che non solo non provano piacere, ma fastidio, dolore, disprezzo, nausea. Se c’è una cosa bella del piacere della carne è la soddisfazione di dare godimento – e di essere desiderati. Come si fa invece a provare piacere sapendo di essere schifati o compatiti? E allora mi sono convinto che deve esserci molta tristezza in un uomo che decide di andare con una prostituta (ma una donna si definisce prostituta anche quando non decide liberamente di esserlo?). Immagino quest’uomo nei suoi silenzi, nel suo rimuginare tra il malinconico e il rancoroso; e lo vedo mentre si fa la doccia, si mette in macchina e sta attento a non farsi riconoscere, perché in Basilicata un paesano si può sempre incontrare, e i pettegolezzi corrono veloci. Lo vedo mentre citofona circospetto a uno dei tanti appartamenti di Basilicata dove povere donne forestiere (almeno così credo) sono costrette a sentire odori intimi di uomini che disprezzano. Tutto questo è squallido, certo; ma tutto questo è soprattutto triste, perché nel momento esatto in cui queste due solitudini senz’amore s’incontrano – il cliente e la prostituta – anziché prevalere la pietà, la commozione, il bisogno di confidarsi la stanchezza e la solitudine, ogni volta si compie una spietata ritualità che separa come un lungo taglio di coltello due anime ferite. Io penso che un uomo dovrebbe piangere, davanti a una prostituta, non slacciarsi i pantaloni.

diconsoli@cronache.info

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com