Le Cronache Lucane

FELICETTA LORENZO – Centro Internazionale di Dialettologia: un finale ancora da scrivere

Tanti giovani come Vito e tutti i Lucani, anche i meno giovani, saranno profondamente grati alla Regione Basilicata, all’Università degli Studi della Basilicata e al Centro Internazionale di Dialettologia quando si vedranno, nei FATTI, rassicurati che il CID è e resterà una realtà di riferimento nel panorama culturale Lucano ed Internazionale, continuando a svolgere senza interruzione il proprio lavoro di scienza e di ricerca da qui agli anni a venire

UN CASO ALLA VOLTA FINO ALLA FINE 

Patrizia Del Puente

Centro Internazionale di Dialettologia: un finale ancora da scrivere

“…ogni 14 giorni scompare una lingua nel mondo, quando questo succede non sappiamo cosa scompare insieme ad essa… ” (Patricia Ryan)

“Conobbi personalmente la professoressa Patrizia Del Puente il 2 agosto del 2013 in occasione di un convegno intitolato “La Lingua Dialettale – Origine ed Identità di un Territorio”, tenutosi a Rapone ed organizzato dal nostro prezioso periodico locale “Libere Voci


Insieme a Lei erano presenti le sue infaticabili collaboratrici.


La sua appassionata relazione rapì e commosse tutta la gremita sala, perché tutti si congedarono con la consapevolezza che la loro identità dialettale era qualcosa di unico da custodire e andarono via con l’animo sereno che qualcuno se ne stava scientificamente occupando.

Ho continuato in tutti questi anni a seguire con ammirazione l’attività della professoressa Del Puente e del Centro Internazionale di Dialettologia ed anche io, come i miei Concittadini e come tantissimi Lucani, ci sentivamo rassicurati che i nostri dialetti, questo nostro bene immateriale, non si sarebbe perso grazie al loro Lavoro.

Nel 2018 le strade di Rapone e del CID si sono nuovamente incontrate perchè un nostro giovane e brillante concittadino, Vito Tozzi, laureando in Scienze e Tecnologie Informatiche all’Università degli Studi della Basilicata, conoscendo il lavoro svolto dal CID si chiese: “…come posso salvare io la mia lingua?”


Decide allora di realizzare un’app mobile in Android per la valorizzazione e digitalizzazione dei dialetti locali, nello specifico il dialetto di Rapone, si tratta della prima app sul dialetto in Basilicata.


L’Università di Basilicata gli approva l’idea e gli suggerisce la collaborazione con il CID e la professoressa Del Puente.

Ne nasce una avvincente collaborazione.

Il CID ne certifica scientificamente il lavoro di tesi, fornendogli uno strumento importantissimo ovvero l’ADL (Alfabeto dei Dialetti Lucani), l’alfabeto codificato per la trascrizione delle lingue locali lucane, il quale risponde all’esigenza di avere un sistema grafico che consenta ai lucani di poter scrivere secondo regole precise le loro lingue e renderle leggibili anche a chi, non lucano, voglia leggerle.



Vito TOZZI si Laurea il 22 ottobre del 2020


Ho voluto raccontare questa bella storia perché dimostra che il lavoro e la presenza del CID in Basilicata come realtà riconosciuta, strutturata e permanente, riveste un valore inestimabile, non solo per i giovani che ci lavorano, ma per tutti coloro che da esso traggono e potranno trarre ispirazione;

dimostra come la difesa e la tutela della nostra identità, dalla fiaba popolare alla nostra lingua, non sono un moto nostalgico, nè la preservazione di un patrimonio immateriale cristallizzato, ma hanno un potere maieutico, risvegliano talenti ed interessi, che li rendono moderni ed aperti e creano un ponte di fiducia tra giovani ed Istituzioni, così come è avvenuto per Vito.

Tanti giovani come Vito e tutti i Lucani, anche i meno giovani, saranno profondamente grati alla Regione Basilicata, all’Università degli Studi della Basilicata e al Centro Internazionale di Dialettologia quando si vedranno, nei FATTI, rassicurati che il CID è e resterà una realtà di riferimento nel panorama culturale Lucano ed Internazionale, continuando a svolgere senza interruzione il proprio lavoro di scienza e di ricerca da qui agli anni a venire.

Felicetta Lorenzo – Sindaco di Rapone

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti