Le Cronache Lucane

EOLICO, “RUOTI TERRA NOSTRA” IN PRESIDIO

La mobilitazione per sostenere la partecipazione dei tecnici alla Conferenza di servizi, poi rinviata


Si è svolto un presidio temporaneo di “Ruoti Terra Nostra” dinanzi la Casa Comunale per sostenere la partecipazione dei tecnici comunali alla Conferenza di servizi sul progetto eolico di “Serra Capanna”, poi, spiega la Sindaca Anna Maria Scalise, «tutto rinviato e rimandato a 60 giorni per mancanza di alcune documentazioni» .

Il progetto definitivo dell’impianto è costituito da 5 aerogeneratori di potenza unitaria pari a 5.6 MW, per una potenza complessiva di 28 MW, e piazzole a servizio degli stessi.
In particolare, con la realizzazione del progetto verrebbe interessata l’area boschiva di Ruoti, e del Lago Scuro, già luogo di manifestazioni e sit in.

Con lo stesso progetto “Serra Capanna” verrebbe coinvolto anche il territorio di Picerno che ospiterebbe una nuova Sottostazione Elettrica di Trasformazione (SET), in adiacenza ad un’esistente stazione Terna, per la connessione dell’impianto eolico alla Rete di Trasmissione Nazionale (RTN) oltre ad ospitare parte del cavidotto esterno del parco in oggetto; infine, il territorio comunale di Potenza verrebbe interessato da un breve tratto dal cavidotto esterno che viaggerà su strada comunale esistente.

Ai cancelli del Comune di Ruoti ha presenziato solo una rappresentanza del Comitato “Ruoti Terra Nostra” per evitare assembramenti e garantire il rispetto delle normative vigneti anti Covid.

«Il messaggio dei cittadini ruotesi deve arrivare chiaro e forte -dichiarano – Basta eolico selvaggio sul nostro territorio. La società Gr Value di Milano vada ad installare le torri di ferro sulle sue tanto amate montagne lombarde».
Il Comitato nasce «per la salvaguardia del territorio, dell’ambiente e per una consapevole transizione energetica».

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti