Le Cronache Lucane

VIZZIELLO TENTENNA SULLA LEGGE DI ALIANDRO. BARDI SI IRRITA E LO FA RIENTRARE NEI RANGHI

Il capogruppo di FdI prova ad attirare l’attenzione del governatore, ma sortisce l’effetto contrario. L’unione nel centrodestra è un miraggio

I malcontenti in casa del centrodestra in Regione potrebbero non passare mai. Almeno, fino a quando il presidente Vito Bardi non garantisca parità di trattamento tra i suoi alleati. A nulla è servita la riunione di maggioranza che si è svolta il giorno prima del Consiglio, proprio per permettere di arrivare compatti alle scelte da fare durante i lavori. Ad alimentare qualche momento di tensione è stato il capogruppo di Fratelli d’Italia Vizziello. I lavori non sono confluiti in modo liscio come si era detto nell’apposita riunione, ma si sono stoppati proprio sulla legge di Aliandro per i fondi da destinare agli altri comuni ricadenti vicino i pozzi petroliferi.

Nonostante il giorno prima la maggioranza aveva chiuso la discussione con il parere favorevole di tutti, è bastato che dall’opposizione Cifarelli e Pittella avanzassero la volontà di far tornare la proposta di legge in Commissione per ulteriori modifiche che Vizziello ha tentennato. Il capogruppo di FdI ha preso la palla al balzo per far scricchiolare gli accordi precedenti: invece di mettersi in linea con quanto sostenuto dai suoi colleghi di maggioranza ha voluto una sospensione per discuterne ancora.

Ma di cosa doveva discutere se era già stato espresso parere favorevole il giorno prima? Secondo i ben informati, Vizziello avrebbe voluto far tentennare la maggioranza per richiamare l’attenzione del governatore lucano. Peccato che Bardi, oltre a non essere presente in Consiglio e neanche in Basilicata, si sarebbe solamente irritato di più con questo atteggiamento. Infatti, la notizia riportata a Bardi avrebbe sortito l’effetto contrario. Tanto da indurre gli altri consiglieri di FdI, avvisati dell’irritamento di Bardi, a convincere il proprio capogruppo a riprendere i lavori e dirsi favorevoli alla legge di Aliandro senza tentennare ulteriormente.

Certo che se Bardi non cambia approccio nel dialogo con i suoi colleghi consiglieri la strada per la maggioranza sarà sempre in salita. Però ce anche da dire che se gli stessi consiglieri di maggioranza dopo circa due anni dal loro insediamento ancora faticano a trovare il loro “spazio” politico l’unione nella maggioranza sarà solo una pia illusione

Le Cronache Lucane
error: Contentuti protetti