Le Cronache Lucane

PER DIRETTISIMA COL TRAGHETTO DA ANACAPRI C’È UN ALTRO CAMPANO ALLA CORTE DI BARDI

La lottizzazione geopolitica continua, il presidente ricicla gli “scarti” di Caldoro: affidamento diretto per Brunetti

Tra le pieghe del modus operandi del presidente della Regione, Vito Bardi, e del centrodestra lucano, quante piaghe. L’essere, da parte del Generale, proclive all’influsso del caos è solo apparante: in realtà, per certi interessi, nulla è causale e sa benissimo come, quando e dove colpire. Con acque ancora agitate per il caso social manager Gianmario Mariniello, ecco l’ennesima casuale causalità: un altro campano alla corte del “sindaco di Rione Sanità”, alias Bardi.

Il presidente lo è andato a pescare dall’altro Comune dell’isola di Capri: Anacapri, la Capri di sopra. Il suo nome è Tiberio Brunetti. Come predatori, capita che in Regione, nell’avanzare operativo, cerchino poi di cancellare con la coda, in tutto o in parte, le tracce, ma pennello e piccone, Cronache Lucane è riuscita anche in questo caso a riportare alla luce orme sospette di passaggi recenti. Così il segmento Mariniello-Bardi è subito diventato un triangolo con Brunetti al terzo vertice.

La nota metodologica è sempre la stessa. Per essere ammessi alla corte del “sindaco di Rione Sanità”, 3 sono i requisiti: produzione documentale del certificato di nascita in Campania, vocazione politica, meglio se attestata da tessera partitica, di centrodestra, quasi in spregio della natura professionale e tecnica dell’incarico, ed, infine, rientrare nella categoria degli “scarti” di Caldoro. Proprio indagando sui rapporti tra Mariniello, già nella direzione nazionale di Azione Giovani, e l’ex leader di Alleanza nazionale, Gianfranco Fini, è affiorata la figura di Brunetti, già al centro delle critiche in Molise per i compensi ricevuti dal governatore di centrodestra, Toma. Da Fini all’ex presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, i due nomi, sia di Brunetti che di Mariniello, ritornano.

Per Mariniello non certo una promozione per quanto da spin doctor svolto nella campagna delle ultime regionali, l’anno scorso, con De Luca che ha stravinto su Caldoro, 69,48% a 18,06%. Flop che Mariniello condivide proprio con Brunetti che è stato il comunicatore scelto per l’allora candidato presidente. Caldoro, in ausilio alla memoria va ricordato anche per tratteggiare con più precisione il profilo e la statura politica di Bardi, ha importante ascendente sul presidente lucano che già dal “maestro” aveva fatto un copia e incolla fondamentale: Fabrizio Grauso, ora non più in Regione per dimissioni anticipate, e Antonio Ferrara.

L’ex capo di Gabinetto, l’uomo delle interpretazioni autentiche dei suoi stessi atti, e l’ancora in carica dirigente dell’ufficio legislativo, erano stati già, entrambi, in servizio in Campania sotto la presidenza forzista di Caldoro. Ad ogni modo, l’elemento nuovo è Tiberio Brunetti: c’è anche il campano di Anacapri, nascosto tra i contrattualizzati con la Regione da Bardi.

Il presidente è piuttosto metodico e ha una preferenza per i triangoli. Applicando i suoi schemi, tutto torna: Napoli-Potenza-Roma. Pomposo, nella definizione, il compito assegnato a Brunetti. Brunetti “occultato” perchè ha avuto l’incarico da 30mila e 500 all’anno per «valorizzare» la sede della Regione Basilicata a Roma. Seguendo il fumo degli atti, scoperto il fuoco in 2 dettagli: affidamento diretto a società neo costituita. Da segnare, tornerà utile, un indirizzo: via della Scrofa. Non proprio un predatore, e infatti le tracce con la coda sono tutt’altro che rimosse. Ancora una volta, il caso Brunetti dimostra la lottizzazione per area geografica e politica.

Ancora una volta, inoltre, senza un procedimento selettivo, ma addirittura con un affidamento diretto. Requisiti: nascita in Campania, tessera di partito e “scarti” di Caldoro. Da 2 anni, dall’inizio dell’attuale legislatura, in Regione Basilicata si lavoro solo se si è campani, di centrodestra, e con partecipazione pregressa nell’inner circle di Caldoro

Ferdinando Moliterni

3807454583

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com