Le Cronache Lucane

MELFI, “ADDIO” AI FONDI PER MESSA IN SICUREZZA DI EDIFICI E TERRITORIO

“Persi” 2,5milioni di euro provenienti dal Ministero dell’Interno. Russo (Lega): «Fuori i nomi di chi non ha saputo fare il proprio lavoro»

2,5 milioni di euro: Melfi dice addio ai fondi per la messa in sicurezza degli edifici e del territorio. I contributi messi a disposizione dal Ministero dell’Interno, in favore di 9.151 comuni italiani, per i lavori di rifacimento e di ammodernamento delle arterie del territorio, Melfi li perde. «Non ha compilato in Bdap-Mop l’iter procedurale» da come si legge nella tabella pubblicata sul sito del Ministero dell’Interno come motivazione allegata al diniego dei fondi per la città di Melfi. Un errore che rischia di costare caro alla città normanna, «Fuori i nomi di chi non ha saputo fare il proprio mestiere.

Ora si dovrà attendere al 2022 per altri fondi destinati alla messa in sicurezza degli edifici e del territorio» commenta Gerarda Russo, esponente della Lega a Melfi. «Questo è lo scotto che la città paga dopo 10 anni di mala amministrazione. I cittadini sono stufi dei soliti spettacoli da circo, vogliono i fatti» rincara la Russo.

Insomma, fondi persi per la città ma non del tutto. Il comune avrebbe la possibilità di recuperarli ma nel frattempo tutto tace. «Abbiamo bisogno di amministratori che amano la propria città, abbiano la voglia di lavorare per il bene comune e il coraggio di difenderla. Noi siamo pronti» conclude Gerarda Russo esponente Leghista della città di Melfi. 

Le Cronache Lucane
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com